vuitton ha appena fatto una dichiarazione sulla collezione michael jackson

La sfilata a/w 19 di Virgil Abloh per Louis Vuitton Uomo era tutta ispirata a Michael Jackson, ma alla luce delle nuove accuse emerse dal documentario "Leaving Neverland" la maison ha rilasciato uno statement.

di Roisin Lanigan
|
15 marzo 2019, 1:34pm

Foto dal profilo Instagram di Virgil Abloh

Sulla scia delle accuse di molestie mosse a Michael Jackson in Leaving Neverland—documentario che ripercorre le vicende di Wade Robson e Jimmy Safechuck, che avrebbero subito violenze sessuali da Michael Jackson durante l'infanzia—l'industria della musica ha subito un pesante contraccolpo. Drake ha cancellato la collaborazione con il defunto artista, mentre diverse stazioni musicali hanno smesso di trasmettere i suoi brani. Ora, anche la moda dovrà pagare uno scotto.

Dopo aver presentato per l'autunno/inverno 19-20 una collezione Uomo ispirata a Michael Jackson e alla sua eredità musicale, Louis Vuitton e il suo direttore artistico del menswear Virgil Abloh hanno rilasciato una dichiarazione esclusiva a WWD. "So che alla luce del documentario la sfilata ha suscitato reazioni emotive. Condanno severamente ogni forma di abuso su minori, violenza e azione che va contro i diritti umani," ha detto Abloh. "Per la sfilata, la mia intenzione era quella di fare riferimento a Michael Jackson in quanto artista emblematico della cultura pop. Si riferiva unicamente alla sua vita pubblica che tutti conosciamo e alla sua eredita che ha influenzato un'intera generazione di artisti e designer."

Il brand ha sottolineato che al momento della sfilata era "ignaro" del documentario, affermando poi che le accuse mosse contro Jackson hanno "addolorato moltissimo" la maison. "Troviamo le accuse profondamente preoccupanti e disturbanti," ha dichiarato il CEO Michael Burke. "La sicurezza dei bambini e il loro benessere è per Louis Vuitton un tema di prima importanza. Siamo totalmente impegnati nel sostenere questa causa."

Nella collezione erano presenti diversi capi indossati spesso da Jackson sul palco, come gli iconici mocassini + calze bianche, t-shirt con pietre e decorazioni incastonate e guanti ricoperti di strass. Il brand ha concluso con una presa di posizione risoluta: ogni capo e accessorio "che ha al suo interno elementi direttamente riconducibili a Michael Jackson" sarà messo fuori produzione.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Qui trovi la nostra recensione del documentario Leaving Neverland, che in Italia sarà trasmesso in due parti il 19 e 20 marzo dal canale Nove:

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK