@every outfit on sex and the city, l'account che commenta i look di carrie and friends

Sono passati (quasi) vent'anni dalla prima puntata della serie tv simbolo degli anni zero, ma è più attuale che mai. Le geniali menti di @everyoutfitonsatc ci hanno spiegato perché.

di Roisin Lanigan
|
28 agosto 2017, 1:58pm

Sappiamo cosa state pensando, ma tranquilli: non siete i soli ad aver passato infinite domeniche pomeriggio in hungover guardando un episodio dopo l'altro dell'emblema degli anni zero che risponde al nome di Sex and the City. Tutti abbiamo fissato lo schermo estasiati, completamente affascinati dagli outfit di Carrie, Samantha, Miranda e Charlotte— dalla gonna adatta a una gara di flamenco alla combo pantaloncini e reggiseno in spiaggia. Oggi, ad analizzarli e commentarli con ironia ci pensa @everyoutfitonsatc, un catalogo Instagram pressoché infinito di ogni bizzarra scelta di moda sfoggiata dalle impavide protagoniste di SATC, nel bene e nel male.

Aperto nel 2016 da Chelsea Fairless, stilista di Female Trouble, e dalla scrittrice/regista Lauren Garroni, amiche dai tempi dell'università alla Parsons School of Design, questo imperdibile account conta oggi più di 350k leali follower e si è velocemente affermato come enciclopedia della serie tv simbolo dell'inizio del nuovo millennio. È di qualche settimana fa la notizia che Cynthia Nixon potrebbe candidarsi a Governatore di New York, e le due guru di Instagram hanno subito dato la loro benedizione, solo a patto che lo stile dell'attrice e futura personalità politica scelga outfit ispirati al nostro avvocato newyorkese preferito.

Noi di i-D abbiamo parlato con Chelsea e Lauren—via DM, ovviamente—per chiedere loro qualche analisi politica e di moda, scoprire quale protagonista di SATC avrebbe votato per Trump e rispondere alla domanda che ci perseguita da quasi due decenni: Carrie Bradshaw è davvero la persona peggiore del mondo?

Andiamo subito dritte al punto: chi sarebbe un Governatore migliore per New York, Cynthia Nixon o Miranda Hobbs?
Chelsea:
È difficile dirlo. La formazione come avvocato di Miranda sarebbe sicuramente un punto a suo favore, ma anche il passato come attivista di Cynthia Nixon e la sua rete di conoscenze sono un plus da non sottovalutare.

Lauren: Io dico Cynthia Nixon, principalmente perché sono certa Miranda si lascerebbe coinvolgere in qualche diatriba da marciapiede che potrebbe danneggiare irreparabilmente la sua carriera politica. Come stile, mi immagino una Miranda governatore simile a Chris Christie.

C'è qualche outfit di Miranda che Cynthia dovrebbe assolutamente copiare come governatore?
Chelsea:
Vorrei tanto che resuscitasse uno dei completi maschili che Miranda indossava nelle prime stagioni. Un'aria da lesbica al potere sarebbe un bel cambiamento nell'ufficio del governatore.

Lauren: Miranda ha sempre avuto una predilezione per i tailleur e mi piacerebbe vederne qualcuno firmato Armani o Vivienne Westwood ad Albany [capitale dello stato di New York, ndt].

A chi diamo la colpa per un pessimo servizio metropolitano nella Grande Mela (problema che ovviamente Cynthia risolverebbe in un paio di settimane)?
Chelsea:
La metropolitana è un elemento che abbassa sensibilmente la qualità della vita dei newyorkesi. Personalmente, io punto il dito contro il governo, specialmente contro quel certo politico amante delle golden shower con cui Carrie è uscita per tipo due episodi.

Lauren: I creatori di Sex and the City. Negli ultimi 15 anni, hanno dato vita a una generazione di newyorkesi (me compresa) che ha aspettative completamente irrealistiche riguardo appartamenti, praticità di un tacco a spillo sul marciapiede e disponibilità di taxi.

Che ne pensate di Cuomo [governatore dello stato di New York attualmente in carica, ndt]? È un tipo da Miranda, Carrie, Samantha o Charlotte? E Trump? O Pence?
Chelsea:
Trump è una versione ancora meno scopabile di Richard Wright. Pence chiama sua moglie "madre," e mi sembra qualcosa che anche Trey MacDougal farebbe, visto il legame tra lui e la mamma.

Lauren: Credo che Cuomo sia un tipo da Miranda, ma ha anche qualcosa che piacerebbe a Carrie. E secondo me quando Trump si guarda allo specchio di fronte a lui vede Mr. Big. Pence invece rientra più in una sorta di ibrido Trey/Charlotte.

Cos'è in particolare che piace così tanto del vostro account? Credete c'entri la vostra ironia, o il senso di nostalgia? Oppure si tratta semplicemente di moda?
Chelsea: La gente ama Sex and the City, punto. Vent'anni dopo la messa in onda della prima puntata, siamo ancora ossessionati da questi personaggi. La moda aveva un ruolo fondamentale nella loro caratterizzazione, quindi l'associazione è automatica. Inoltre, sì, molti degli outfit erano semplicemente incredibili, quindi è facile ironizzarci su. Credo che il nostro profilo analizzi aspetti del loro stile a cui molti degli spettatori avevano già pensato, semplicemente andando più nel dettaglio. Nonostante tutto, noi abbiamo un'ammirazione sconfinata per Patricia Field e per il suo lavoro.

Ho esperienza nella ricerca d'archivio, e la metà di questo lavoro consiste nel trovare immagini che tu sei certa di aver già visto, ma non sai dove, né quando. Mi ricordo di aver cercato specifiche immagini di Sex and the City chiedendomi tra me e me perché non esistesse un database organizzato dove poter fare ricerca. E così ne ho parlato con Lauren, che ha buttato lì l'idea di aprire un account su Instagram insieme. La parte dei commenti ironici è stata una decisione che abbiamo preso più avanti.

Lauren: Anche se sono passati vent'anni, nessun programma ha superato SATC. È ancora l'emblema della donna autonoma e indipendente, che non si lascia spaventare dagli uomini e ha una cabina armadio incredibile. Dire che nessun programma può rivaleggiare con Carrie&co. è un affermazione forte: oggi, i loro look, i loro dialoghi e anche la trama sono ormai datati, eppure nessuno ha saputo fare di meglio.

Sì, abbiamo aperto questo account per divertimento, ma nel giro di poco tempo è diventato un luogo dove possiamo sfruttare le nostre conoscenze di moda. Io e Chelsea ci siamo incontrate alla Parsons School of Design e il tono che oggi usiamo per descrivere gli outfit è esattamente quello che usiamo per parlare di moda sin dagli anni dell'università. Quando ci siamo laureate, nell'industria della moda non c'era spazio per l'ironia, ma negli ultimi cinque anni l'alta moda e la meme culture hanno creato un legame inaspettato ma molto solido.

Sinceramente, Carrie è davvero una persona orribile?
Chelsea:
Per certi versi lo è, ma ha anche alcune qualità che fanno da contrappeso. È divertente e carismatica, due qualità che in parte compensano il suo egocentrismo. Senza, sarebbe l'Hannah di Girls dell'alta borghesia.

Lauren: Sulla carta, lei è davvero una persona orribile. Ma, grazie alla sua personalità così spiccata, Sarah Jessica Parker riuscita a trasformare un personaggio con cui nessuno avrebbe mai voluto avere a che fare in un modello per i suoi spettatori. La nostra società si chiama Miranda Solidarity, comunque, perché non importa cosa faremo, sarà sempre lo spirito di Miranda a guidarci.

Tagged:
Instagram
Patricia Field
anni zero
anni duemila
Sex and the City
SATC
serie tv
interviste di moda
cynthia nixon
every outfit on sex and the city