la tel aviv che i turisti non conoscono

Danny Lowe fotografa i giovani che oggi vivono a Tel Aviv e ben poco hanno a che fare con ciò che l'Occidente pensa di Israele.

|
feb 7 2018, 4:14pm

A gennaio abbiamo chiesto a Cailin Hill Araki e Lotte Van Raalte di fotografare i giovani che oggi vivono a Tokyo e che ben poco hanno a che fare con ciò che l'Occidente pensa del Giappone. Il risultato è un ritratto eclettico e inaspettato dei volti che popolano questa città, molto lontani dagli stereotipi a cui turisti e non sono abituati. Oggi lasciamo che sia Danny Lowe a guidarci per le strade di Tel Aviv.

"Essere giovane a Tel Aviv è difficile" afferma il fotografo Danny Lowe. La leva obbligatoria è ancora realtà in Israele. Il conflitto israelo-palestinese è una realtà da cui non si può scappare. E Trump ha recentemente riconosciuto Gerusalemme come capitale del paese, spostandovi la sede dell'ambasciata americana da Tel Aviv, alimentando così il dibattito politico internazionale. La cantante Lorde ha da poco annullato il suo concerto in questa città, non senza controversie.

Ma i giovani qui sono resilienti. E Tel Aviv è una città che trasmette voglia di vivere in chiunque percorra le sue strade. Non mancano i talenti creativi emergenti, i Pride e i locali underground. Sono questi gli ambienti e le persone che fotografa Danny, perché "ciò che li rende unici è l'aver scelto di andare controcorrente e non fingere."

Lilla Roma, 24

Di dove sei?
Israele.

Qual è la cosa più coraggiosa che potresti fare?
Lasciare tutto e trasferirmi in un altro paese.

La colonna sonora della tua vita?
Dmitri Shostakovich, Waltz no. 2

Fatima Fay Jakite, 22

Per cosa ti batti?
Non tollero razzismo, omofobia, sessismo e violenza. Siamo tutti esseri umani; nasciamo e moriamo tutti nello stesso, identico modo.

Qual è l'aspetto migliore di vivere a Tel Aviv?
La spiaggia. E la consapevolezza di essere in una città unica. Il cibo, la cultura, tutto ha una storia incredibile qui.

Dor Vaknin, 21

Cosa fai nella vita?
Lavoro nella moda.

Perché lo fai?
È il modo migliore per esprimermi. Lo scorso ottobre ho presentato la mia prima collezione, fatta interamente di scarti riciclati che ho trovato nel leggendario club Tahat.

La colonna sonora della tua vita?
The Pussycat Dolls, Don’t Cha.

Shaked Aiach, 17

Qual è l'aspetto migliore di Tel Aviv?
È una delle città più energiche, liberali e diverse al mondo. Abbiamo una scena culinaria incredibile, una vita sociale invidiabile e un tempo magnifico.

Il miglior consiglio che ti abbiano mai dato?
Mai prendere sonniferi e lassativi insieme.

Ben Alon, 20

Qual è la cosa più coraggiosa che puoi fare?
Essere me stesso, senza compromessi.

Per cosa ti batti?
Per l'uguaglianza.

Omri Loukas, 24

Cosa fai nella vita?
Sono un attore e un filmmaker.

Perché lo fai?
Perché i film sono meglio della realtà.

Qual è il miglior consiglio che ti abbiano mai dato?
Non inseguire la perfezione.


Leeann Mor, 22

Per cosa ti batti?
Good vibes sempre e comunque.

Qual è il miglior consiglio che ti abbiano mai dato?
La vita è breve. Fai dei viaggi, mangia delle torte, ascolta tutte le canzoni che vuoi.

Guy Michaely, 26

Qual è la cosa più coraggiosa che potresti fare?
Essere sincero.

La colonna sonora della tua vita?
Un remix del rumore che fa la mia macchina del caffè, della voce del mio partner, dell'abbaiare del mio cane e delle chiamate di mio padre.

Prima di andare a Tel Aviv con Danny, siamo stati a Tokyo con Lotte van Raalte e Cailin Hill Araki. Le immagini che questi due artisti hanno scattato in Giappone le trovate qui e qui.

Crediti


Fotografia di Danny Lowe
Produzione di Adi Huri
Casting di Mor Alcalay

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK.