Pubblicità

10 segnali che le mestruazioni non sono più un tabù

Dalle novità tra le app di Apple passando per l'arte di Rupi Kaur fino all’entusiasmo di Charlie XCX per gli assorbenti interni, ecco come il nostro tanto amato ciclo è entrato nell’era moderna.

di Jane Helpern
|
03 luglio 2015, 12:18pm

Photography Rupi Kaur and Prabh Kaur

Nel caso in cui non lo sapeste: le donne costituiscono più della metà della popolazione mondiale e, a un certo punto, ognuna di queste gloriose donne sanguina. Avete presente quelle pubblicità ruffiane in cui uno sterile liquido blu viene assorbito da una sofficissima nuvola di cotone? Quelle in cui la donna presumibilmente mestruata cavalca verso il tramonto con indosso un fluttuante abito di lino bianco? Avete presente? Bene, perché in questo modo non è necessario dilungarci nello spiegare quanto il ciclo mestruale sia ancora trattato come un argomento spinoso quanto inavvicinabile. Nonostante la famigerata scena del tampone di Cinquanta Sfumature di Grigio sia stata omessa nella versione cinematografica di - lasciando capire che nella società moderna il bondage è ritenuto più appropriato di un po' di sangue mestruale -, la buona notizia è che stiamo vivendo nel fiore degli anni dell'arte mestruale, delle divacup pieghevoli e dei siti di assorbenti a domicilio. Ecco a voi alcuni segnali che le mestruazioni - dopo anni in cui era necessaria una vera e propria cintura per mantenere fermo un assorbente - possono essere ammodernate.

1. Charli XCX vuole creare assorbenti
L'anno scorso Charlie XCX ha twittato "periods r punk" ( "le mestruazioni sono punk"), una dichiarazione rievocativa delle Riot Grrrl che ha ricevuto più di 1.5K di retweet, mentre lo scorso marzo la cantante ha poi dichiarato a MTV News, "Voglio iniziare a occuparmi di tamponi… quello che una persona si mette nella vagina è un vero e proprio problema di salute". E, considerando la vaghezza che circonda la natura del materiale sintetico che attualmente ci mettiamo tra le gambe, è un vero peccato che i fastidiosi regolamenti sanitari in vigore potrebbero impedire la nascita di assorbenti intelligenti firmati Charlie XCX.

2. L'artista Rupi Kaur ha sfidato Instagram e ha vinto.
Non è un segreto che le politiche di censura su Instagram siano arbitrarie, ma l'app di photo sharing ha portato la ginofobia a nuovi altissimi livelli quando la fotografia di una donna a letto con una macchia di sangue mestruale dell'artista e poetessa è stata bannata dalla rete. Sanguinare attraverso i vestiti è un effetto collaterale totalmente naturale (e sconveniente) delle mestruazioni e ogni donna ha dovuto averci a che fare almeno una volta nella vita. L'immagine è stata poi reintrodotta a causa dello scandalo creato dalla sua rimozione e persino Instagram è stato costretto a scusarsi provando che non importa quanto schizzinoso possa essere il patriarcato o il leader di una grande azienda, le donne non si lasceranno mai sottomettere.

3. La pubblicità pro-ciclo di Hello Flo.
Sono finiti i giorni in cui il ciclo era vissuto in segreto… o almeno questo è l'obiettivo del marchio di assorbenti Hello Flo. Grazie alla sua nuova pubblicità flo-friendly per il kit mensile di supporto alle prime mestruazioni, lo spot vede come protagonista una giovane ragazza che non vede l'ora di avere il ciclo e che lo desidera a tal punto da dipingersi gli slip con lo smalto glitterato rosso (forse ispirato all'artista Hannah Altman). La madre la scopre e decide di celebrare il menarca della figlia con una "festa della luna" mortificandola con una pinata a forma di utero, una fontana di fonduta rossa sangue e un collega di lavoro inquietante che le porta in dono una scatola di assorbenti extra large. Se solo il ciclo fosse davvero così divertente… 

4. L'estensione di HelthKit da parte di Apple con la sezione "Reproductive Health".
Nonostante le innumerevoli funzioni avanzate progettate da Apple per monitorare e migliorare tutti gli aspetti della vita umana - dalla nutrizione al sonno fino all'installazione automatica dell'ultimo album degli U2 sul tuo telefono a prescindere  - la salute riproduttiva è stata fino a oggi assente. Almeno finora. A partire da iOS9, il nuovo HealthKit comprenderà anche quest'ultima, concentrandosi in particolare sulla Temperatura Corporea Basale, la Qualità del Muco Cervicale, Mestruazioni, Risultati dei Test di Ovulazione, Attività Sessuale e Spotting. Se la svista iniziale era attribuibile alla prevalenza di dipendenti bianchi di sesso maschile, siamo ora felici di vedere il colosso tecnologico usare il suo design pulito per aiutare finalmente le donne a organizzare la parte più incasinata della propria vita. 

5. #LiveTweetYourPeriod
Da aprile, migliaia di donne hanno preso d'assalto Twitter per decantare i loro guai mestruali con l'hashtag #LiveTweetYourPeriod. Voglie alimentari, odi alle cinture elastiche e screen della famigerata scena del menarca in Carrie. Se vi sembra condivisione e attenzione eccessiva e gratuita, bravi, ci avete preso, è questo l'obiettivo: de-stigmatizzare le mestruazioni (che in molte parti del mondo sono ancora viste come un tabù e che impedisce a molte donne sia di uscire di casa che recarsi in luoghi sacri). In risposta a questa nuova moda, alcuni utenti disgustati hanno risposto, "adesso basta!!! Qual è il vostro problema", "Le persone non vogliono sentir parlare del vostro sanguinare", e via dicendo. I tweet qui riportati sono alcuni di quelli scritti dalle stesse donne, un ulteriore dimostrazione di quanto questo movimento sia tristemente necessario.

6. Fare sesso con il ciclo è fico.
Ci sono pochi argomenti intimi scottanti come il sesso quando si hanno le mestruazioni, eppure un recente sondaggio sulle abitudini sessuali dei newyorkesi ha dimostrato che molti uomini non solo lo tollerano ma che lo ricercano. Una buona notizia per le donne di tutto il mondo, specialmente da quando si è scoperto che le mestruazioni aumentano il piacere sessuale. Un articolo del New York Magazine si riferisca a questi amanti del ciclo chiamandoli "Mastini di Sangue" mentre in questa intervista si parla con un membro delle "Red Brigade". Nonostante possa non essere la vostra tazza di tè preferita - forse solo quella di Terry Richardson - è bello vedere sempre più uomini e donne darci dentro durante "quel" periodo del mese.

7. È aumentata la consapevolezza della sindrome da Shock Tossico.
La sindrome da Shock Tossico - un'infezione batterica che può essere scatenata dagli assorbenti interni -è stata per molto tempo una di quelle mitologiche condizioni cui si mettevano in guardia le ragazze ma che nessuno ha mai davvero capito. La modella Lauren Wasser ha perso una gamba e rischiato di perdere la vita a causa della SST e ora sta aiutando ad aumentarne la consapevolezza sia della malattia sia della correlazione tra quest'ultima e il pericoloso materiale sintetico usato della maggior parte dei produttori. Grazie alla sua coraggiosa storia, al lavoro dei ricercatori e alla nuova legge emanata da Caroryl Maloney a New York, una nuova generazione di attivisti sta combattendo per creare prodotti d'igiene femminile in cotone organico al 100%, completamente privi di quel misyterioso materiale sintetico.

8. Lunga vita alle mutande intelligenti. 
Per quanto ci piaccia crogiolarsi nella gloria mensile del nostro sanguinare e nel ciclo della vita che esso rappresenta, siamo comunque stufe marcie di rovinare i nostri adorabili tanga di pizzo un mese si e l'altro pure… Seguite Thinx, un marchio alla moda e ben progettato di "biancheria da ciclo", progettata come supporto sia per assorbenti che per divacup e che, nei giorni di flusso più leggeri, può essere indossata anche da sola. Ideata per mantenerci "pulite, asciutte e bellissime" senza nessuna influenza da pannolone , la moderna tecnologia di Thinx e il suo brand millenario sono il segnale che ci serviva per capire che l'industria della biancheria intima sta recuperando terreno su ciò che serve davvero alle donne: poter indossare pantaloncini bianchi senza rischio di fastidiose macchie rossastre, ovviamente.

9. Il prossimo passo: assorbenti che vibrano?
Ok, va bene, per ora è ancora un utopia, ma secondo un recente botta-e-risposta su Reddit con lo stilista di assorbenti "Karmin"- che si identifica come un ragazzo del college in stage presso l'ufficio ricerca-e-sviluppo di una nota marca per l'igiene femminile - assorbenti vibranti e tamponi con sensori di saturazione e applicatori riutilizzabili sono già stati brevettati. Quando si dice prendere due piccioni con una fava…

10. #FreeBleeding: il dibattito sul sanguinolento libero
Nonostante questo radicale movimento femminista sui social media si sia rivelato  un pessimo scherzo di 4chan con l'obiettivo di smantellare il femminismo moderno, è anche la prova lampante che le mestruazioni sono diventate un argomento talmente comune che persino i più misogini tra gli haters si sono presi una pausa. Mentre le immagini postate da 4chan sono esageratamente d'impatto, molte donne sono comunque alla ricerca di soluzioni alternative agli scomodi e potenzialmente pericoli classici tamponi, abbracciando quindi il sanguinamento libero nella privacy della loro casa, sfoggiando mutandone da ciclo senza assorbenti e senza paura. 

Crediti


Testo Jane Helpern
Foto Rupi Kaur e Prabh Kaur