l'importanza del live show di balenciaga in realtà virtuale

La passerella è morta. Lunga vita alla passerella.

di i-D Staff
|
07 marzo 2016, 10:36am

"Una reinterpretazione del lavoro di Cristobel Balenciaga - una collezione di assoluta contemporaneità e realismo uniti all'haute couture," ecco l'autunno/inverno 16 di Balenciaga. "Un'evoluzione, non una trasformazione. Un nuovo capitolo." Un nuovo capitolo scritto da Demna Gvasalia. Dopo aver rivelato a BoF lo scorso mese il suo progetto di fermare il sistema della moda, Demna ha deciso di abbracciare le nuove tecnologie lanciando un'applicazione che permettesse di vivere in diretta e in prima fila l'esperienza dello show. Come era già stato per Dior Eyes, Balenciaga ci ha portato in un sogno virtuale a occhi aperti.

Tramite Google Cardboard, o un paio di occhiali per la realtà aumentata o il caro e "vecchio" livestream, a ciascuno è stato concesso di trovare il proprio angolo per guardare la sfilata. Costruita sulle basi della couture e sull'idea di poter far emergere l'individualità di ciascuno attraverso l'abito, lo spettatore poteva rendersi conto di come tagli e costruzioni giocassero un ruolo fondamentale nella psicologia di chi lo indossa. Cosa voleva dire con questo Demna? Attraverso uno scatto o una condivisione sui social, prendi tu il controllo e crea il tuo personale show. La passerella è morta. Lunga vita alla passerella.

Tagged:
Balenciaga
parigi
realtà virtuale
livestream
Μoda