Pubblicità

​playboy non pubblicherà più immagini di donne nude

A causa di internet le immagini di nudo sono ormai "fuori moda" secondo l'editor della storica rivista.

di i-D Staff
|
13 ottobre 2015, 1:15pm

PlayboyNew York Times

Playboy, la famigerata rivista maschile americana che chiama le donne "conigliette" ha annunciato che smetterà di pubblicare foto di donne nude. Il digital content editor Cory Jones ha dichiato al New York Times che all'89enne caporedattore, Hugh Hefner, ha deciso di prendere questa decisione radicale quando Jones gli ha fatto questa proposta nella sua residenza, la Playboy Mansion.

Playboy ha avuto un ruolo molto importante nella storia americana, risvegliando la sessualità dei cittadini e aiutando gli USA a lasciare il suo passato puritano alle spalle per adeguarsi al mondo di oggi, in cui si sa, il sesso sesso vende sempre e potete averlo quando volete comodamente sul vostro smartphone. "Questa battaglia è stata a lungo combattuta e vinta," ha affermato il direttore esecutivo Scott Flanders, "Ci troviamo a portata di click qualsiasi atto sessuale gratis. E quindi il nudo è passato di moda." Il giovane magazine che ha dato vita a tutto questo ha visto il mercato che ha creato crollare sotto i propri occhi, con la chiusura di pubblicazioni come Loaded, Nuts, Zoo, Maxim e Penthouse negli ultimi anni.

Ci sono ancora immagini di donne in pose provocanti e sicuramente continuerà ad esistere la sessione Playmate del Mese, ma le foto saranno segnate col bollino rosso e "saranno suggestive come le foto di Instagram", secondo quanto riportato dal NYT. "Un po' più accessibili, un po' più intime," ha spiegato Jones.

Il lancio del nuovo Playboy è previsto per il prossimo marzo e includerà anche articoli, interviste e narrativa, come sempre, con l'aggiunta di contenuti sull'arte visiva -- perché la ricerca ha dimostrato che i giovani sono attratti dall'arte. Il tema centrale resterà il sesso, ma la nuova curatrice della rubrica sul sesso sarà una donna che scriverà entusiasticamente dell'argomento.