Immagine di sinistra via PAR.CO DENIM Instagram. Immagine di destra via REGENESI Instagram.

8 brand italiani ecosostenibili e fighi

Si parla tanto di green fashion, ma in Italia come siamo messi? Qui una mini-guida su dove acquistare capi ecosostenibili.

di Cecilia Alba Luè​
|
31 maggio 2019, 10:37am

Immagine di sinistra via PAR.CO DENIM Instagram. Immagine di destra via REGENESI Instagram.

In caso qualcuno non se ne fosse accorto, il nostro pianeta è nei guai. E fra le scelte quotidiane attraverso cui contrastare questa preoccupante situazione—avete presente tipo chiudere l’acqua mentre ci si lava i denti o smetterla di usare le cannucce?—quelle legate al nostro guardaroba sono tra le più influenti che possiamo prendere.

L’industria della moda è infatti, notoriamente, una delle più inquinanti al mondo. Responsabile dell’8 per cento delle emissioni globali di gas serra, in essa sono impiegati tra il 20 e il 25 per cento dei composti chimici prodotti a livello mondiale che intossicano le acque del pianeta. Ad aggravare lo scenario, circa tre quinti dei vestiti e delle calzature realizzati sono bruciati o mandati in discarica entro un anno dalla loro produzione. E anche il costo umano è alto. Ciò che indossiamo è in gran parte fabbricato nei paesi in via di sviluppo, da operai che lavorano in condizioni, si potrebbe dire, di schiavitù moderna e di cui un allarmante 80 per cento è costituito da donne.


Leggi anche: Chi sono i giovanissimi studenti che scioperano contro il cambiamento climatico


C’è una buona notizia, però. In risposta a questo problema si è sviluppato negli ultimi anni un approccio innovativo che promuove un cambiamento del sistema della moda verso una maggiore integrità ecologica e giustizia sociale. Così, mentre i grandi del lusso aggiornano le loro agende su nuovi parametri di sostenibilità—grazie Prada per aver bannato le pellicce—e una più solida consapevolezza del nostro ruolo di consumatori ci spinge a esplorare i negozietti vintage dei dintorni, è nato un nuovo settore dell’industria che pone la sostenibilità al centro della sua ricerca.

Così, abbiamo scelto otto brand italiani che avranno un impatto positivo non solo sul vostro look, ma anche sul vostro pianeta. Dateci un’occhiata.

CARMINA CAMPUS

Creating without destroying è il mantra del brand sostenibile fondato nel 2006 da Ilaria Venturini Fendi—la più giovane delle figlie di Anna Fendi—la quale, dopo aver preso una pausa dal mondo della moda dedicandosi all’agricoltura biologica, è tornata alle sue origini unendo i valori del lusso alla responsabilità etica d'impresa. Carmina Campus dona seconda vita a materiali di recupero trasformandoli artigianalmente in pezzi unici di design di lusso. Nel corso degli anni l’azienda ha inoltre collaborato con l'ITC (International Trade Centre) a un progetto umanitario a Dschang, in Camerun, creando opportunità di lavoro per le donne del posto. Superando gli iniziali pregiudizi che associavano il suo nome a un’idea di lusso tradizionale, l’attività sostenibile di Ilaria Venturini Fendi è stata riconosciuta con numerosi premi, tra cui il Fashion 4 Development Award, conferitole a Seoul da Franca Sozzani.

brand-italiani-ecosostenibili-moda
brand-italiani-ecosostenibili-moda

REGENESI

Da rifiuti a bellezza. È questa la trasformazione immaginata da Maria Silvia Pazzi durante un viaggio a Napoli, di fronte al contrasto tra la magnificenza della città partenopea e l’immondizia delle sue strade. E dal 2008 l’azienda che ha fondato a Bologna rigenera materiali di scarto, convertendoli in oggetti di design e capi di moda. Il suo progetto vanta collaborazioni con artisti, designer e artigiani internazionali, oltre che il merito di essere stato tra i primi a promuovere in Italia la tematica della sostenibilità in relazione alla moda e al design. Silvia ricorda divertita i primi anni della sua attività, "quando parlavo di economia circolare e a malapena capivano cosa stessi dicendo." Oggi, osserva, la situazione è cambiata. "Il mercato sembrerebbe finalmente pronto." Il 16 maggio scorso la sua azienda è stata proclamata Best Performer dell’economia circolare 2019 nella categoria Pmi manifatturiere da Confindustria, 4.manager ed Enel X.

brand-italiani-ecosostenibili-moda
brand-italiani-ecosostenibili-moda

PAR.CO DENIM

Sapevate che i nostri amatissimi jeans sono acerrimi nemici dell’ambiente? Ma niente panico. Esiste un’azienda bergamasca che produce un denim etico e di ottima qualità. Scegliendo fibre naturali e organiche e apportando cambiamenti innovativi nella tradizionale catena di produzione, Par.co Denim riduce significativamente il consumo di acqua e di sostanze chimiche dannose per l’ambiente e i consumatori. L’azienda ha anche raggiunto il più alto livello di rating del progetto Animal Free della LAV (Lega Anti Vivisezione), a conferma del fatto che i suoi jeans, oltre che super cool, sono al 100% cruelty-free.

brand-italiani-ecosostenibili-moda
brand-italiani-ecosostenibili-moda

FILOTIMO

Prende il nome dal concetto greco di philotimia (φιλοτιμία), che racchiude l’idea di un amore per il bene collettivo. E proprio da qui è partito il progetto di Gloria Barana, laureata in design della moda al Politecnico di Milano e fondatrice di questa start-up. Attraverso la semplicità delle linee morbide e le tinte unite dei suoi capi in tessuti organici, Filotimo ci insegna a vestirci responsabilmente, per il nostro benessere personale e quello globale.

brand-italiani-ecosostenibili-moda
brand-italiani-ecosostenibili-moda

LAURA STRAMBI

Laura Strambi è l’eco-designer di womenswear che ha fatto della moda sostenibile la sua missione. I raffinati capi dalla forte identità femminile e dal design essenziale sono realizzati esclusivamente in tessuti certificati e tracciabili, tra cui il cotone biologico prodotto in Italia appositamente per il suo marchio. Per limitare l’impatto del trasporto e della distribuzione, gli indumenti sono inoltre confezionati e rifiniti solo in laboratori italiani. Ma non è finita qui. Il brand è impegnato anche sul fronte sociale. Per la stagione AW19/20 ha realizzato una capsule collection in collaborazione con l’ambasciata del Benin, coinvolgendo le donne della comunità locale nella produzione dei turbanti B-B (Bio e Benin). Elegante, sostenibile e anche femminista. Cos’altro chiedere alla moda?

brand-italiani-ecosostenibili-moda
brand-italiani-ecosostenibili-moda

ECODREAM

Ecodream trasforma scarti di produzione industriale e conciarie in borse eco-friendly. Gli accessori sono realizzati artigianalmente nel Mugello, in provincia di Firenze, anche nella versione vegana, e possono essere commissionati su misura. L’ottima qualità e l’attenzione ai dettagli ne garantisce la durata nel tempo, in linea con il proposito etico dell’azienda di invertire la logica usa e getta del fast fashion. Il fondatore, Alessio Baldi, ci ha raccontato le difficoltà di avviare un business sostenibile in Italia, dove, a causa di un atteggiamento conservatore da parte dei fornitori, è talvolta complicato reperire materiali in linea con la filosofia green. Sembra ottimista sul futuro, però: negli ultimi anni ha riscontrato un forte interesse nei confronti del suo progetto, in particolare da parte del pubblico giovane, più sensibile alle tematiche ambientali.

brand-italiani-ecosostenibili-moda
brand-italiani-ecosostenibili-moda

QUAGGA

Dal 2010 Quagga produce, a partire da materiali di riciclo, giacche ecologiche e vegan ad alta prestazione tecnica, il che significa che si può essere sportivi, cool ed etici, tutto in un colpo solo. Questo brand torinese è stato il primo in Italia a dichiarare una filiera certificata dall'ICEA (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale) per tessuti e accessori completamente riciclati. Lorenzo Minetti, uno dei due fondatori dell’azienda, si dice grato ai clienti storici che hanno supportato il marchio nei suoi primi anni di vita, quando sostenibilità era un termine compreso solo dagli addetti ai lavori, e senza i quali Quagga non sarebbe diventata ciò che è oggi.

1559293394163-quagga-progetto-moda-ecosostenibile-etica-vegan

ORGANIK STYLE

Arriva da Barletta la prima linea di scarpe ecologiche dalla suola vulcanizzata. Sì, sì, avete letto bene. L’azienda sostenibile pugliese Organik Style produce da oltre 40 anni gomma organica attraverso l’antichissimo metodo della vulcanizzazione, basato sulla fusione ad alta temperatura di materiali di origine vegetale. Si tratta di un processo di lavorazione eco-friendly, poiché consente la completa eliminazione di agenti chimici. Fresche e semplici, queste scarpe organiche e vegane sono vendute con un’etichetta di carta riciclata contenente semini. Se messa in acqua, l’etichetta germoglia, rendendo il pianeta un po’ più verde e la coscienza un po’ più pulita.

brand-italiani-ecosostenibili-moda
brand-italiani-ecosostenibili-moda

Segui i-D su Instagram e Facebook

Leggi anche, dagli archivi:

Crediti


Testo di Cecilia Alba Lué
Immagini via Instagram su gentile concessione dei brand

Tagged:
FFF
cambiamento climatico
Φιλότιμο
ecosostenibilità
green fashion
moda ecosostenibile
par.co denim
quagga
ecodream
laura strambi
regenesi
carmina campus
organik style