ghali, peggy gou e due rapper emergenti: l'evento nike "just go bigger" era wow

Giovedì scorso abbiamo celebrato con Nike il lancio delle Air Max 720. Ovviamente, è stato una figata.

|
05 marzo 2019, 2:05pm

Ciao, vi ricordate che la settimana scorsa vi abbiamo virtualmente portato su un rooftop di Milano con vista sui grattacieli di Gae Aulenti? Eravamo lì per scattare e celebrare l'uscita dell'ultimo modello di casa Nike, la Air Max 720, insieme alla 720 crew.

Ma se il motto di questa coloratissima e tecnologicamente innovativa scarpa è Just Go Bigger, non potevamo certo aspettarci che tutto si concludesse lì. E infatti il 28 febbraio è stato il giorno del lancio ufficiale e di celebrazione delle Air Max 720. Giovedì sera, presso il Nike Store in Corso Vittorio Emanuele, c'è stato l'evento ufficiale (e decisamente affollato) con challenge musicale di lancio delle Air Max 720. Ancora meglio, subito dopo ci siamo spostati in una location a nord di Milano per l’evento esclusivo "Just Go Bigger", con il concerto che ha concluso la serata. Ovviamente è stato una figata, così abbiamo pensato di raccontarvelo meglio attraverso qualche scatto e il commento dei due guest più giovani.

1551700765123-nike_JustgoBigger_720_Scarpe_Fotografia_PartySTO_2964
Set dell'evento Just Go BIgger - Fotografia su gentile concessione dell'Ufficio Stampa Nike

I big della serata erano due: Ghali (che poco tempo fa abbiamo intervistato per sapere qualcosa in più sul suo futuro) e Peggy Gou (anche lei nostra vecchia conoscenza), ma Nike è un brand celebre a livello internazionale per la sua determinazione nel sostenere, più che chi si è già affermato nel proprio campo, soprattutto i talenti emergenti che lottano per realizzare i loro obiettivi. Anche questa volta Nike non si è smentita, dando spazio durante la serata a due nuovi nomi del panorama musicale italiano: insieme al rapper italiano e la DJ coreana si sono esibiti Madame e KnowPMW. I due hanno interpretato a modo loro il messaggio Just Go Bigger, uscendo dalla loro comfort zone e andando oltre i loro limiti grazie alla sfida messa in piedi da Nike per l'evento: rappare su basi techno, completamente diverse quindi da quelle a cui sono abituati.

Alternandosi sul palco, questi due giovanissimi artisti sono riusciti a tener vivo l'entusiasmo del pubblico grazie a due esibizioni ben costruite e godibili, nonostante entrambi siano under 18. Al termine della challenge, con l'adrenalina che ancora pompava in vista dell'imminente live, ci siamo seduti a fare due chiacchiere con entrambi, curiosi di capire meglio come sia muoversi nel mondo della musica quando ancora non hai finito il liceo.

1551801719724-Madame_nike_JustgoBigger_720_Scarpe_Fotografia_PartySTO_2756
Madame - Fotografia di Rosario Rex Di Salvo

Madame ha all'attivo due singoli, Anna e Sciccherie. Il nome d'arte l'ha scelto un po' per caso insieme a un'amica, ma noi ci vediamo un buon segno, visto che anche per Post Malone è andata così. Prima di arrivare in VEVO era parte di una piccola label, la Arcade Boyz, che le ha permesso di farsi le ossa e iniziare a pensare che "fare la cantante" non fosse solo un sogno irrealizzabile, ma un obiettivo raggiungibile anche IRL. Non si definisce una "trapper", però: "Il mio genere lo chiamiamo Urban," mi spiega. "In Italia non ci sono artisti che fanno questo tipo di musica, quindi ho deciso di provarci, proponendo una figura e una musicalità nuove."

Sotto tutti i punti di vista, Madame è un mix di influenze e stili diversi: "A livello di scrittura e arrangiamenti l'artista italiano che più mi ha formata è Fabrizio De André, ma della scena attuale mi piacciono molto Rkomi, Izi e Ghail, ad esempio." Anche se le sue scarpe preferite sono le Air Max 97, sappiamo che le nuove 720 potrebbero scalzare il vecchio modello dal podio. Quando le chiediamo come reinterpreta a modo suo il motto Just Go Bigger, infatti, ci dice: "Mi fa pensare al mio percorso. È stato pieno di occasioni e nel corso del tempo mi si sono aperte un sacco di porte, ma io mi ci sono fiondata dentro buttandomi di testa. Non ho mai detto di no, non ho mai perso un occasione e non mi sono mai tirata indietro." La salutiamo e, prima di andarsene, ci dà un ottimo consiglio: "Fate in modo di allontanarvi ogni giorno almeno un po' dalla vostra comfort zone." Ci proveremo, promesso Madame.

1551801762325-nike_JustgoBigger_720_Scarpe_Fotografia_PartySTO_2756-copia
KnowPMW - Fotografia di Rosario Rex Di Salvo

Anche KnowPMW è iper-entusiasta dell'attenzione mediatica che sta ricevendo negli ultimi tempi. Originario del Togo, da bambino la madre gli faceva ascoltare Eros Ramazzotti e tanta, tantissima musica italiana in generale. Arrivato a 15 anni, KnowPMW ha iniziato a caricare i suoi brani su SoundCloud, come ci racconta lui stesso: "Registravo su una base di Drake, era una canzone dell’album di Nothing Was the Same. Sound Cloud è la mia piattaforma preferita, senza dubbio. Adesso che ho finalmente la possibilità di lavorare al mio primo EP, credo che lo caricherò proprio lì. Sarà una sorta di ritorno alle origini."

Per lui, Just Go Bigger ha però una sfumatura diversa rispetto a Madame, essendo i loro background piuttosto diversi. "Per me questa frase si lega indissolubilmente alla mia esperienza di vita. Quando sono arrivato in Italia per me era tutto nuovo, tutto mai visto prima. Ho imparato che per farcela è importante aiutare gli altri e contemporaneamente lasciarsi aiutare. Insomma, creare comunità e lavorare insieme per un obiettivo comune. Per me Just Go Bigger ha senso solo se inteso come motto collettivo."

1551702005450-nike_JustgoBigger_720_Scarpe_Fotografia_PartyIMG_1322
Fotografia su gentile concessione dell'Ufficio Stampa Nike

E quello a cui abbiamo partecipato giovedì è un evento perfetto per spiegare questa dinamica di crew che collabora, si diverte e cresce insieme. Se poi lo si fa indossando tutti le stesse Air Max 720, ancora meglio.

Crediti


Fotografia di copertina, 1 e 5 su gentile concessione dell'Ufficio Stampa Nike
Fotografia 2, 3 e 4 di Rosario Rex Di Salvo

Segui i-D su Instagram e Facebook

Sempre dal mondo Nike, la nostra intervista a Ghali di pochi giorni fa: