vivian maier, la madre della street photography, è in mostra in italia

Apre oggi al Museo MAN di Nuoro la prima mostra italiana su Vivianne Maier.

di Eloisa Reverie Vezzosi
|
10 luglio 2015, 3:25pm

Viviamo nell'era digitale in cui si è soliti condividere ogni nostro singolo istante e rendere il mondo idealmente consapevole delle nostre abilità, positive o negative che siano. Ufficialmente, non siamo un popolo molto riservato.

Smettetela per un momento di controllare il vostro profilo Instagram, per conoscere una persona che invece non avrebbe mai voluto rivelare il suo inimmaginabile talento e che una volta diventato pubblico ha fatto innamorare non solo l'America. Per l'anagrafe, Vivian Maier era una bambinaia di famiglie ricche tra Chicago e New York. In realtà, Vivian Maier era un'abilissima fotografa che con gelosia nascondeva tutti i suoi scatti nelle stanze in cui si trovava ad abitare - un archivio di 150mila negativi, insieme ad appunti, registrazioni, film in super 8 o 16 millimetri. Sin dagli anni Cinquanta, infatti, e per il resto della sua vita, la donna aveva immortalato le strade e le persone che incontrava nei suoi quartieri. Tata Vivian non parlò mai a nessuno della sua passione, non realizzò mai una mostra né una pubblicazione fino a che, nel 2007, grazie alla tenacia di un giornalista, John Maloof, la sua storia divenne un libro, Alla ricerca di Vivian Maier.

Oggi, per la prima volta, la fotografia di Vivian Maier arriva in Italia. Dal 10 luglio al 18 ottobre il Museo MAN di Nuoro ospiterà la mostra monografica dedicata all'antesignana della street photography, curata da Anne Morin e realizzata in collaborazione con diChroma Photography.
L'esposizione comprenderà le 120 fotografie dell'archivio Maloof, scattate tra gli anni '50 e '60, 10 filmati in super 8 e una selezione di immagini a colori realizzate a partire dalla metà degli anni '60. 

Le baby sitter possono essere paragonate ormai a figure mitologiche e personaggi fiabeschi. Il cinema ci insegna che tra loro c'è chi sa volare o chi si rivela essere il padre che i figli avrebbero sempre voluto, e poi, nella vita reale, c'è chi ha come superpotere l'arte della fotografia.

Crediti


Testo Eloisa Reverie Vezzosi

Tagged:
arte
Μόδα
street photography
Vivian Maier
nuoro