com'è milano vista da una giovane londinese?

Conosciamo meglio Zeinab Batchelor, una giovane ragazza dell'East London che ha dato vita ad una serie fotografica per raccontare sentimenti, luoghi e persone che l'hanno accompagnata durante il suo soggiorno in Italia.

di Cecilia Broschi
|
05 ottobre 2016, 1:30pm

Zeinab Batchelor è una giovane ragazza di 22 anni dell'East London. "Sono una normale ragazza che sta provando ad entrare a far parte di questa grande industria e allo stesso tempo sta cercando di rendere sua mamma orgogliosa di se," ci racconta. Come fotografa definisce la sua estetica una fusione tra il documentario e la fotografia di moda; i suoi ritratti, semplici e personali, sono realizzati esclusivamente in analogico, su pellicola 35mm e medio formato. In questa intervista ci racconta come durante il suo soggiorno a Milano si sia sempre sentita ispirata dall'ambiente circostante riuscendo a dare vita ad una serie di immagini, un diario della sua permanenza in Italia, dove ha potuto ritrarre posti e persone che l'hanno aiutata a dare forma alla sua estetica personale. Ecco cosa ha colpito di Milano una giovane ragazza inglese che ha vissuto in Italia per soli pochi mesi.

Quando hai vissuto a Milano? 
Mi sono trasferita a Milano lo scorso febbraio. Ora sono dovuta tornare a Londra ma l'Italia mi manca da matti! Devo restare in Inghilterra per finire il mio ultimo anno di università. Ho sempre desiderato viaggiare, per questa ragione ho deciso di trascorrere sei mesi del mio corso di laurea a Milano, grazie ad uno scambio tra studenti. Mia sorella e il mio migliore amico sono andati in Erasmus rispettivamente in Spagna e in Olanda, quando sono andata a trovarli ho pensato che fosse un'esperienza davvero incredibile, per questo ho deciso di fare lo stesso.

Cosa ti piace di questa città?
L'architettura e i paesaggi sono bellissimi. Esteticamente è un altro mondo rispetto al Regno Unito. C'è sempre qualcosa da guardare, dai graffiti disegnati sui muri degli edifici ai balconi pieni di fiori e poi, la moda. Per non parlare della tranquillità che questa città ti trasmette, la cultura mi ha fatto subito sentire come a casa, e, naturalmente… amo la lingua, è così romantica!

Se Milano fosse una canzone quale sarebbe?
Paradise di Sinead Harnett.

Hai incontrato gente interessante?
Sì. Mi sento sempre ispirata, anche quando semplicemente passeggio lungo la strada trafficata di Corso Buenos Aires. Mi piace osservare la gente. Ho avuto il piacere di incontrare persone che sento rimarranno mie amici per sempre. La cerchia di amicizie che si è creata intorno a me è sorprendentemente stimolante, in qualche modo siamo tutti artisti! Mi hanno sostenuta come fossero la mia famiglia lontana da casa. Devo ringraziare soprattutto un mio amico, il quale mi dice sempre di credere in quello che voglio perché nulla è impossibile.

Cos'hai voluto catturare con questa serie d'immagini?
Principalmente il mio intento era quello di documentare chi e cosa mi circonda. Volevo collezionare un archivio per poi potermi guardare indietro e apprezzare ancora e ancora il mio periodo in Italia, per sempre. Volevo mostrare la mia percezione della gioventù, sfruttando i miei amici più vicini come soggetti. Sono proprio loro ad essere diventati i modelli del candido diario della mia vita, l'editoriale di me stessa. Il mio intento era quello di trasmettere l'energia nuda e cruda dei giovani passando per generi, classi sociali, razze e stili diversi. Ho rappresentanto il concetto di 'Colorful Youth' non solo dal punto di vista estetico ma includendo una varietà di individui.

Cosa vuoi far trasparire della città attraverso la tua serie?
Principalmente le bellezze con cui entravo in contatto tutti i giorni, credo che l'essere una turista abbia giocato a mio favore; erano le cose più semplici a catturare la mia attenzione. Mi piace accoppiare le immagini in base a colori e a tonalità che sento complementari. Trovo che questo procedimento renda la mia serie più ordinata visivamente, connettendo un'immagine con un altra ho la sensazione di riassemblare le sensazioni che provavo mentre immortalavo quell'attimo, un senso di sicurezza e appartenenza, con miei amici e l'Italia stessa.

@zaynxx

zeinabbatchelor.com

Crediti


Testo Cecilia Broschi
Foto Zeinab Batchelor

Tagged:
Cultură
milano
Foto
Italia
cecilia broschi
giovane
ragazza
zeinab batchelor