mi dispiace, ma la più cool della royal family non è elisabetta

La Principessa Anne "se ne sbatte il c***o" di cosa pensiamo di lei, dice una fonte vicina ai Windsor.

|
mag 24 2018, 1:31pm

Tra gli accessori che durante l'estate abbiamo visto ovunque un posto speciale va riservato agli occhiali con lenti microscopiche (detti anche tiny sunglasses, ve ne avevamo già parlato in lungo e in largo qui). Ormai sono un must have sfoggiato da qualunque celebrità, ma non dalla Principessa Anne, che da decenni preferisce invece i suoi adidas Speed Dealers. Se non avete mai sentito parlare di lei, beh, è perché spesso viene oscurata dai completini pastello della madre, AKA la Regina Elisabetta II. Eppure è Anne la vera icona della Royal Family inglese. Prima di tutte le influencer di Instagram, prima che comparissero su tutte le passerelle, prima che anche Rihanna li sfoggiasse, è stata proprio lei a lanciare lanciare la moda degli occhiali da sole sportivi con lenti fotocromatiche.

È stata vista indossarli ad un evento ufficiale per la prima volta nel 2015 alla Sandown Park Racecourse, una nota corsa di cavalli. Lo stesso aveva fatto nel 2011, durante un evento equestre minore organizzato a Liverpool. Poi c'è stato il matrimonio del nipotino Harry con Meghan Markle e le accecanti luci dei riflettori sono state puntate su tutti i membri della cricca Windsor, compresi quelli che di solito nessuno si fila. Così, due giorni dopo il grande evento, l'unica figlia donna della Regina si è presentata alla Chelsea Flower Show con questi occhiali e internet è impazzito. Sempre cool, sempre con quell'atteggiamento di totale indifferenza di fronte agli sguardi perplessi degli altri invitati, Anne ha messo ben in chiaro che di formalità ed etichetta reale "se ne sbatte il c***o," come dichiarato da una fonte vicina ai Windsor.

Ma non solo porta occhiali da sole fighissimi, Anne ricicla i suoi vestiti senza troppi problemi ed è una fan dell'athleisure in ogni occasione. Forse solo Lady D aveva saputo fare di meglio.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Che poi anche alla Regina Elisabetta vogliamo un sacco di bene, eh: