la nuova collezione palace porta gli anni '80 e '90 nel futuro

Per la nuova campagna pubblicitaria Palace, Ari Versluis ha immortalato proprio il tizio che ti piace, o il tizio che vorresti essere a tutti i costi.

di Ben Reardon
|
03 ottobre 2017, 3:08pm

Dal lancio del loro brand, i ragazzi della Palace non hanno mai smesso di creare nuovi codici estetici e d'abbigliamento. La Palace detta legge, e il suo successo risiede tanto nella intelligenza, quanto nell'integrità e nella spiccata personalità dei suoi fondatori. Tutti abbiamo sognato di berci una birra con la tribù Palace. Magari di andare allo skatepark con loro, berretto in testa e t-shirt Getting Higher addosso. La forza del loro marchio sta in questo: hanno saputo racchiudere in pochi capi un immenso numero di riferimenti a storiche contro-culture, rendendole sempre incredibilmente contemporanee e attuali.

Un po' venditori ambulanti, un po' teppistelli, un po' banchieri con troppi soldi e un po' imbroglioni corrotti, quello che unisce questi personaggi così diversi tra loro è che sono al 100 percento i tizi con cui vorresti uscire stasera. E se non sono il tuo tipo, allora probabilmente vuoi essere uno di loro, vestirti come loro e comportarti come loro.

La narrazione della nuova collezione Palace (che esce venerdì) e della sua campagna pubblicitaria sembra essere divisa in due capitoli diversi, con la crew Palace che pronta per una camminata in montagna, o per un venerdì sera a Londra a colpi di velluto, stampe geometriche e colori fluo.

E chi meglio di Ari Versluis, il genio dietro l'iconico e iper-copiato progetto Exactitudes, poteva fotografare la nuova collezione Palace? Dagli anni '90 in poi, Versluis documenta lo stile delle tribù in giro per il mondo, fotografandone i protagonisti su sfondo bianco e inserendoli in una griglia. Nessuno scampa al suo occhio: banchieri, gabber, goth, skater, buttafuori, calvi, vecchie zie. Tutti vengono immortalati dal suo obiettivo, perché non importa quanto unici cerchiamo di essere, il modo in cui ci vestiamo rimane il nostro passe-partout per accedere alla comunità di cui vogliamo fare parte.

Tagged:
Streetwear
Palace
skatewear
Blondey McCoy
Ari Versluis
Exactitudes