foto dal graduation show di accademia costume & moda

Durante Altaroma, 22 studenti hanno presentato la loro prima collezione, dimostrando che i talenti emergenti ci sono eccome, basta dar loro lo spazio che meritano.

|
30 gennaio 2019, 12:38pm

Molti di noi, nel periodo dopo la laurea, si ritrovano a vagare in un indefinito vuoto esistenziale, nel tentativo di capire che cosa fare del proprio futuro. Ma c'è un modo per evitare di cadere in questo tunnel di incertezza: collaborare già durante il percorso di studi con aziende di settore, facendo stage e mettendo così un primo, timido piede all'interno del mondo professionale. È questo il caso dell’Accademia Costume & Moda di Roma, che ha dato a 22 studenti selezionati (16 per l’abbigliamento e sei per gli accessori) la possibilità di lavorare alla realizzazione di una capsule collection personale in collaborazione con aziende specializzate nel Made in Italy.

Il risultato delle collaborazioni è confluito nel graduation show che si è tenuto lo scorso 26 gennaio presso Pratibus District, nella cornice di Altaroma.

Sofia Scarponi
Sofia Scarponi
Agnese Balsamin
Agnese Balsamini

Il progetto si chiama Talents 2019 e rappresenta la sintesi del percorso formativo triennale, dimostrando l’alto livello creativo e professionale raggiunto dagli studenti coinvolti. Un lavoro straordinario, che da un lato ha sottolineato l’eccellenza della manifattura italiana (tra aziende tessili, lanifici, setifici, ricamifici, guanterie, aziende pellettiere, concerie e calzaturifici) e, dall’altro, ha consentito agli studenti di presentare collezioni altamente identitarie, create a partire tanto da un’attenta ricercerca culturale e individuale, quanto da una sperimentazione nei tessuti, nella materia, nel design e nella tecnica.

Annamaria Biasiol
Annamaria Biasiol
Antonio Barraco
Antonio Barraco

Ma gli studenti non sono stati soli. A coadiuvarli c’erano Santo Costanzo per l’abbigliamento e Luigi Mulas Debois per gli accessori, che si sono aggiunti all'esperienza artigianale delle aziende partner e alla possibilità di affidarsi ai loro processi industriali. In questo modo, gli studenti hanno potuto instaurare un fitto dialogo con esperti del settore, riuscendo a esprimere il loro estro, la loro personalità artistica e le loro abilità stilistiche. Numeri alla mano, così commenta il progetto A. Lupo Lanzara, Vice Presidente dell'Accademia: "La relazione con le aziende del Made in Italy, le maison e le produzioni per lo spettacolo continua a evolvere. Rispetto al 2017 abbiamo raddoppiato il numero delle aziende coinvolte nel final work e possiamo dire con orgoglio che l’Accademia, solo per il Talents 2017, vanta un tasso di occupazione del 93%. A oggi sono più di 80 le aziende che collaborano in maniera attiva all’experience didattica dei ragazzi, trasversalmente su tutta l’offerta accademica."

Francesco Castaldo
Francesco Castaldo
Tania Cellini
Tania Cellini

Una giuria di addetti ai lavori ha valutato le collezioni in termini di ispirazione, tecnica e styling. A vincere sono stati Luca Rao, con la sua collezione Uomo e Alice Paris nella sezione accessori.

Luca Rao
Luca Rao
Alice Paris
Alice Paris

Se spesso si ha l'impressione che università e lavoro siano due mondi incapaci di comunicare tra loro, forse dobbiamo ricordarci più spesso che le occasioni esistono, e basta sfruttarle.

Sara Scascitelli
Sara Scascitelli
Livia Viola
Livia Viola
Karen Papace
Karen Papace
Alessia Scasseddu
Alessia Scasseddu
Alessia Romanazzi
Alessia Romanazzi
Benedetta Giunti
Benedetta Giunti
Eleonora Falchi
Eleonora Falchi
Olimpia Pediconi
Olimpia Pediconi
Chiara Donati
Chiara Donati
Diletta Caracci
Diletta Caracci
Eleonora Di Girolamo
Eleonora Di Girolamo
Giuseppe Maldera
Giuseppe Maldera

Segui i-D su Instagram e Facebook

Altri giovani talenti italiani da conoscere, qui:

Crediti


Testo di Benedetta Pini
Fotografia di P&P Fotografia