questa mostra è un dito medio agli stereotipi sulle donne africane

Si chiama "Black Magic Women" e inaugura oggi a Bologna. Cosa state aspettando?

di Benedetta Pini
|
08 marzo 2019, 10:24am

Ciò che non si conosce fa paura. L’ignoranza in merito al continente africano, la sua storia, la sua contemporaneità, le sue culture e ricchissime produzioni artistiche, ha fatto sì che nel corso dei secoli venissero a crearsi una serie di miti che oggi, nel 2019, è diventato un’urgenza sfatare. Lo stereotipo dell’Africa come luogo inerte e sofferente mortifica una realtà ben più sfaccettata, un prisma in continuo fermento all’interno del quale riesce a trovare spazio anche uno slancio giovane e vivace, che merita di essere conosciuto e valorizzato.

1551958958485-01_Lubee_Abubakar
Fotografia di Lubee Abubakar

È questa la battaglia portata avanti dall’azione culturale Vivere insieme in pari dignità, una rete di associazioni (come Bambini nel Deserto onlus-ong), piccole imprese, professionisti e appassionati. Decenni di attività da parte di singole realtà no profit non sono stati sufficienti per liberare l’Africa da quel velo di pregiudizi che adombra il continente. Nel corso di un intero anno, Vivere insieme in pari dignità promuoverà quindi una serie di eventi culturali volti a promuovere un dialogo tra diversi popoli che sia davvero efficace, per sviluppare l’attitudine all’ascolto e all’apertura nei confronti dell’altro.

1551958972445-02_Jenevieve_Aken
Fotografia di Jenevieve Aken

“La fotografia dell’Africa è materia viva. Il suo è un panorama mutevole, difficile da includere dentro categorie che vanno bene altrove, qui si tratta di un mondo a sé, che merita un discorso a parte, che aspetta di essere rivelato nella sua gioiosa, caotica esuberanza,” queste le parole del fotografo Giulio Rimondi per descrivere la mostra da lui curata.

1551958967924-08_Lubee_Abubakar
Fotografia di Lubee Abubakar

Non un’esclusione degli autori africani, ma una celebrazione delle autrici, la cui sensibilità ribalta la concezione della donna-oggetto in quella di donna-soggetto. Al centro della mostra c’è la donna, non più vittima ma fotografata o fotografa, intellettuale e artista, forte e determinata, che porta sulle proprie spalle il peso delle difficoltà del continente e investe nel suo sviluppo, tra contraddizioni da una parte e risorse immense dall’altra.

1551958973626-05_Maheder_Haileselassie
Fotografia di Maheder Haileselassie

Un binomio, quello di “Africa” e “Donna” che, declinato dalle fotografie delle sei artiste selezionate dai curatori dell’esposizione, dimostra quanti pregiudizi esistano su realtà lontane dalla nostra e quanto sia importante liberarsene.

1551958978406-07_Lubee_Abubakar
Fotografia di Lubee Abubakar
1551971003506-06_Nicky_Woo
Fotografia di Nicky Woo
1551958986408-03_Jessica_Sarkodie
Fotografia di Jessica Sarkodie
1551958958626-04_Francesca_Tosarelli
Fotografia di Francesca Tosarelli

La mostra Black Magic Women è visitabile a Bologna presso la Fondazione Pio Istituto delle Sordomute Povere dall’8 marzo al 31 marzo 2019. Tutte le informazioni le trovate qui.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Altri fotografi che dovreste conoscere:

Crediti


Immagini su gentile concessione di Fondazione Pio Istituto delle Sordomute Povere in Bologna

Tagged:
africa
News
bologna
lubee abubakar
mostre in italia
cose da fare
Giulio Rimondi
Nicky Woo
Jenevieve Aken
Jessica Sarkodie
Mahader Haileselassie
Francesca Tosarelli