ellen allien vuole farci ballare fino all'alba, e oltre

Il festival berlinese Melt! compie vent'anni ed Ellen ci suona dalla prima edizione. Noi di i-D l'abbiamo intervistata per parlare di Sleepless Night, set leggendari e notti che sembrano non finire mai.

di i-D Staff
|
06 luglio 2017, 10:03am

Questo articolo è originariamente apparso su i-D Germania.

È domenica sera, e come ogni anno dietro la consolle c'è Ellen Allien che con il suo set chiude il festival berlinese Melt!. Edizione dopo edizione, nessuno lo dice ma tutti sanno che il suo live è sempre il più atteso. La gente balla a piedi nudi sulla sabbia seguendo i suoi ritmi techno e dimenticando che mancano poche ore al lunedì. Il quotidiano scompare per lasciare spazio alla magia, difficile da descrivere a parole. Ci abbiamo provato, chiedendo alla produttrice discografica e DJ berlinese di raccontarci cos'è Sleepless Floor.

Qual è la prima cosa che ti viene in mente se dico Sleepless Floor?
Mi sento accaldata e la pelle si arrossa per l'eccitazione. Nella mia testa si rincorrono immagini della notte e dell'alba tra set e dancefloor. Rivedo tutto davanti a me, compresi gli inizi, quando io, Motte e Hawtin suonavamo insieme.

C'è una traccia che colleghi istintivamente a Sleepless Floor?
Sì, "You" di Boytronic.

Qual è la cosa più incredibile che ti è successa allo Sleepless Floor?
Kiki suona, io salto sul palco e impazzisco dalla gioia. E poi i Massive Attack dal vivo, il loro sound è semplicemente perfetto. Ho così tanti ricordi, la lista è pressoché infinita.

Di cosa hai bisogno per restare sveglia tutta la notte?
Musica che mi faccia impazzire, caffè e a volte Guarana. Ma è soprattuto la musica a tenermi sveglia e attiva. Oppure un bacio intenso.

Per quante ore di fila resisti di solito allo Sleepless Floor?
Resistito? Eeeeeh? Sono sempre gli altri a volersene andare prima di me. Forse tra le 16 e le 30 ore.

Hai un rituale Sleeples Floor?
Sì, due: ci vado sempre con gli stessi amici e ballo sempre finché non mi sento in paradiso.

Perché ci torni ogni anno?
Non potrei fare diversamente. È un legame troppo forte.

Crediti


Foto di Hannes Bieger

Tagged:
techno
Ellen Allien
Melt
Clubbing
club culture
berlino
interviste di musica
sleepless night