Pubblicità

la fotografa yana toyber unisce la purezza dei corpi nudi allo spettacolo della natura

Yana Toyber supera i preconcetti legati al nudo nella fotografia con la sua serie This Time.

di i-D Staff
|
04 novembre 2015, 11:55am

Ex ballerina e studentessa della School of Visual Arts di New York, Yana Toyber con le sue foto dai toni rosa e blu ci mostra la bellezza dei corpo umano e dei paesaggi naturali. Scattate su pellicola termosensibile, le sue polaroid assumono un colore bluastro quando vengono scattate in un luogo freddo e si tingono di rosa, ora e arancione se il clima è caldo. La fotografa newyorkese ha riunito tutte le immagini che ha scattato negli ultimi tre anni in un libro chiamato This Time. La raccolta unisce la purezza dei corpi nudi all'atmosfera da sogno delle fotografie di Ryan McGinley, un'ode alla magia della pellicola, che rende nostalgico ogni momento che è stato immortalato dalla sua macchina fotografica.

Come ti sei appassionata alla fotografia?
Al liceo ero considerata una musa da molti studenti di fotografia e mi volevano come modella. Passavo il tempo in studio a guardare libri di fotografia e mi sono innamorata di questa arte. Ho capito che volevo stare dietro all'obbiettivo, creando immagini e affascinando la gente con le mie foto. 

Cosa cerchi di comunicare con i tuoi lavori?
Vorrei mostrare quei momenti che non sono visibili ad occhio nudo.

Qual è l'idea che sta dietro This Time?
L'idea dietro This Time è che il tempo non è lineare e che è astratto. Ho cercato di catturare questo concetto con le mie foto. Ho usato una fotocamera istantanea con una pellicola termosensibile, il risultato è questo gruppo di foto astratte che prendono forma con il tempo. Ci sono voluti 3 anni per realizzarle tutte.

Cosa hai imparato sulla percezione del tempo da parte dell'uomo e sul suo rapporto con la natura?
Ho imparato quanto è prezioso ogni momento, quanto può cambiare, e quanto si può creare con il tempo.

Chi sono i tuoi soggetti?
Sono tutti miei amici.

C'è qualche foto con una storia particolare e che ritieni speciale?
La foto della ragazza che tiene in mano un fiore è legata ad una storia buffa. Questa mia amica mi ha portata con lei in una spiaggia nudista alle Hawaii così potevo scattarla nuda senza problemi. Era una spiaggia bellissima ed era abbastanza vuota. Quando, alla fine dello shooting, ha cominciato a rivestirsi, un uomo si è avvicinato a noi e ci ha chiesto se volevamo compagnia. In quel momento mi è sembrata una domanda strana ma poi mi sono ricordata che eravamo in una spiaggia nudista dove la gente cerca di portarti a letto. L'ho trovato davvero divertente!

I tuoi scatti sono pianificati o spontanei?
Entrambe le cose. Pianifico i viaggi che devo fare per scattare e ho un'idea generale di come sarà la foto, ma molto viene lasciato al caso. 

I tuoi soggetti non si fanno problemi a farsi scattare nudi?
Molti sanno già che li fotograferò nudi quando gli chiedo di lavorare con me, ma certe volte devo cercare di convincerli!

È difficile scattare foto di nudo senza rendere le immagini sessualizzate?
Per me non è difficile. Le mie foto sono più che altro un mix tra nudo e natura, più che sessualizzare le immagini mi sembra di mettere a confronto corpi e paesaggi. 

Ci sono molti nudi nelle tue foto, che cosa ti affascina della nudità? 
Fotografo il corpo nudo perché, tolti i veli che solitamente lo ricoprono, fa trasparire le emozioni in modo sincero. 

Cosa speri rimarrà alla gente sfogliando This Time?
Spero che la gente sentirà le immagini piuttosto che guardarle. 

A cosa lavorerai in futuro?
Ora sto lavorando ad una zine con PAPER WORK NYC e a un progetto sulle vasche da parto considerate sacre alle Hawaii.

yanatoyber.com

Crediti


Testo Felicity Kinsella
Foto Yana Toyber