il futuro della moda appartiene ai giovani stilisti cinesi

Siamo stati a Pechino durante la China Fashion Week e abbiamo visto come i giovani stilisti stiano trovando il proprio spazio nel mondo della moda.

di Felicity Kinsella
|
14 dicembre 2015, 11:50am

Le città escluse dal quadrilatero della moda di New York, Parigi, Milano e Londra stanno iniziando a farsi largo, in modo lento ma deciso, all'interno di questo mondo. A Seoul gli stilisti puntano sulla tecnologia e sulla musica pop coreana, il 20esimo anniversario della Sāo Paulo Fashion Week ha portato il Brasile sulle prime pagine di tutte le riviste, mentre i giovani stilisti cinesi stanno esibendo la bellezza e la maestria che li rende così desiderabili. Fondata nel 1997 e diventata parte delle Mercedes-Benz Fashion Weeks nel 2011, la Settimana della Moda cinese insieme ai suoi talenti è finita sotto il nostro radar. E noi siamo andati a Pechino per scoprire gli stilisti più talentuosi. 

D.CNTEX Shiyong Li

broadcast:bo Wang Tao

Vega Zaishi Wang

Vega Zaishi Wang, Liaoning 

Dove hai studiato fashion design?
Mi sono trasferita in Inghilterra quando avevo 15 anni e ho studiato arte e design al Chichester college. Dopo due anni mi sono spostata a Londra e ho provato graphic design, ma lo trovavo noioso e mi sono messa alla ricerca di un tipo di design e di arte che avrei potuto realizzare concretamente con le mie mani. Ho frequentato un corso base al London College of Fashion e poi ho passato tre anni alla Central Saint Martins. Nell'estate successiva al diploma ho fatto uno stage e da quel momento ho ricevuto un sostegno generoso da uno sponsor cinese, incontrato a Londra, il quale mi ha aiutato a lanciare la mia collezione.

Raccontaci un po' della tua ultima collezione...
La mia ispirazione deriva dalla mia esperienza personale unita alla passione per Virginia Woolf. In realtà non riesco a leggere i suoi libri ma sono davvero innamorata di lei come donna. Ho guardato un film che la riguardava e mi sono ritrovata molto in lei come personaggio. Stavo passando un periodo abbastanza difficile della mia vita, lavoravo troppo e mi sentivo sotto pressione. Questa è stata la prima volta in cui ho usato una persona reale come ispirazione ma sentivo che il personaggio di Virginia Woolf era in realtà il tipo di donna per cui creavo, la mia musa è intelligente e indipendente e questo è ciò che ho ritrovato in Woolf. Il modo in cui Woolf è morta è molto triste ma è stato per lei un sollievo dalle sue sofferenze. Questo si riflette nell'uso dei colori nella mia collezione, che inizia con un blu navy e finisce con gradazioni di rosso e motivi a quadri. La musica usata durante la sfilata ha seguito lo stesso tema, la sfilata inizia con un sound leggero e finisce con una canzone rock.

Vega Zaishi Wang

Chi vorresti vedere indossare le tue creazioni?
Tilda Swinton, è sempre bellissima... lei e David Bowie condividono qualcosa che personalmente amo.

In cosa è diversa la China Fashion Week dalle settimane della moda a Parigi, Milano, Londra e New York?
Dal 2008 tutto è cambiato in Cina. Le persone non investono più i propri soldi solo sul cibo. Ora si può avere un certo tipo di vita e la gente sta imparando il significato del gusto e del vero design. Credo che la distanza tra la Cina e l'Europa, parlando di moda, si accorcerà di anno in anno. 50 anni fa i cinesi vestivano con uniformi, tutto aveva un solo colore. Ci sono grandi lacune nella nostra storia e ora che la Cina ha iniziato a crescere credo che la creatività possa davvero aiutare a cambiare le cose. Questo è il motivo per cui dopo il diploma sono tornata in Cina, solo questa nazione mi avrebbe potuto far crescere così velocemente come di fatto è stato. A mio parere i Paesi europei non hanno questo ritmo di crescita, in Europa c'è molto più tempo e spazio per scoprire ed esplorare.

@vegazwang

Rosemoo Li

Rosemoo Li

Rosemoo Li, Pechino 

Dove hai studiato fashion design?
Mi sono diplomata al Beijing Institute of Fashion Technology nel 2010.

Raccontaci un po' della tua ultima collezione...
La mia ultima collezione riprende il tema Wabi-sabi della precedente. Ho iniziato cercando ispirazione nella vita di tutti i giorni. Per la silhouette di questa collezione ho deciso di lavorare con tagli più morbidi e oversize e per i materiali ho optato per qualcosa di organico e naturale che fosse anche delicato e leggero. La palette di colori è molto chiara e neutra.

Chi vorresti vedere indossare le tue creazioni?
Non c'è una persona in particolare che vorrei vedere indossare le mie creazioni, vorrei solo che ogni donna che indossa i miei abiti si senta sicura di sé ed elegante come farebbe ogni celebrità.

broadcast:bo Wang Tao

Vega Zaishi Wang

Rico Manchit Au, Canton

Dove hai studiato fashion design?
Mi sono diplomata all'Istituto Marangoni a Milano e ho dato il via al mio brand RICOSTRU nel 2011.

Raccontaci un po' della tua ultima collezione...
La collezione primavera/estate 16 si chiama "Tasty Breath". RICOSTRU deriva da "respiro" come elemento caratteristico delle forme di vita che ci circondano. Le piante nel nostro studio sono diventate la nostra ispirazione. Abbiamo scelto pelli, reti e pellicole protettive come elementi chiave in questa stagione. Il "respiro" pervade tutta l'intera collezione.

Chi vorresti vedere indossare le tue creazioni?
Donne indipendenti che amano l'arte e la vita.

Come si è evoluta la settimana della moda cinese negli ultimi anni?
La Fashion week in Cina ha ricevuto sempre più attenzione e si è concentrata sempre più su professionalità e nuovi elementi visivi.

@RICOSTRU

GaryWat Qu Tingnan

Crediti


Testo Felicity Kinsella
Foto Scarlett Casciello-Rogers

Tagged:
FASHION WEEK
cina
Pechino
china fashion week