Untitled #6

ricordiamo l'attore anton yelchin attraverso i suoi scatti onirici

Prima della sua tragica scomparsa l'attore di talento stava preparando la sua prima mostra. Ora a LA, 'Anton Yelchin: Photographs' raccoglie 40 ritratti surreali scattati nel corso di 6 anni.

di Hannah Ongley
|
29 novembre 2016, 9:05am

Untitled #6

Quando Anton Yelchin è morto in un tragico incidente lo scorso giugno è stato ricordato per i suoi ruoli brillanti come attore in film quali Star Trek, Like Crazy, e l'horror punk di Jeremy Saulnier Green Room. Ma la bravura di Yelchin va ben oltre la recitazione. È cresciuto con il punk e suonava il basso in una band, The Hammerheads, ed è morto 3 settimane prima di debuttare come direttore artistico.Prima dell'incidente fatale aveva anche in programma di inaugurare una mostra personale di fotografia. Anton Yelchin: Photographs è stata inaugurata all'inizio del mese alla Other Gallery di Los Angeles, e raccoglie una serie di ritratti onirici scattati su pellicola nell'arco di 6 anni.  

Untitled #16

La mostra è stata curata da un piccolo gruppo di persone messo assieme dai genitori di Yelchin e consegna ai fan una piccolo tesoro per ricordare lui e la sua carriera. "Appassionato di fotografia da sempre, Yelchin stava per iniziare la sua carriera come fotografo quando è morto, e gli erano stati commissionati dei lavori da varie pubblicazioni internazionali," ha detto Kelly Cole di Other gallery. "Le foto di Yelchin sono ritratti drammatici — sperimentali, provocatori e surreali." I soggetti sono per la maggior parte giovani donne e uomini, alcuni nudi e altri con maschere grottesche; persone e luoghi ordinari sono resi incredibili grazie all'esposizione multipla, le luci magiche e la saturazione alta. 

Untitled #1

Untitled #5

Untitled #28

Untitled #10

Untitled #24

Untitled #36

Untitled #11

Untitled 15

"Anton Yelchin: Photographs" è in mostra alla Other GalleryHollywood fino al 31 dicembre 2016

Crediti


Testo Hannah Ongley
Foto Anton Yelchin, su gentile concessione di Other Gallery

Tagged:
Cultură
Anton Yelchin