Il sequel di Chiamami col tuo nome è stato cancellato

Proprio quand'eravamo pronti per un secondo round di torride ed estatiche vacanze nelle campagne italiane e un'altra sana dose di Timothée Chalamet.

di Douglas Greenwood
|
08 giugno 2021, 4:00am

Immagine via Sony Pictures Classics/Alessio Bolzoni

Che si tratti degli Oreo di Lady Gaga o dell’approvazione da parte di un* ex che in realtà vorrebbe fossimo mort, tutt noi desideriamo cose che in realtà non ci fanno per nulla bene. In cima alla lista c'è un sequel di Chiamami col tuo nome: il film gay diventato fenomeno globale firmato Luca Guadagnino che ha reso famoso il nostro rubacuori Timothée Chalamet, catalizzando quasi mezzo decennio di appropriazione queer e della tematica che verte sulla differenza di età nelle coppie, pur affermandosi come vero e proprio capolavoro. Bene, buone notizie per coloro che erano già pronti a scrivere post sdegnati sui social: il sequel di Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino, sventolatoci sotto il naso da lui e dal suo team negli ultimi tre anni, sembra essere stato ufficialmente bocciato.

In un'intervista con Deadline, condotta il primo giorno delle riprese di Bones & All, il prossimo film di Guadagnino sul cannibalismo—interpretato dal Timmy stesso e il co-protagonista di CMBYN Michael Stuhlbarg—, a Luca è stato chiesto a che punto fosse la creazione del fatidico sequel. Recentemente, aveva avvicinato un nuovo sceneggiatore dopo che James Ivory, dopo aver vinto un Oscar per il suo adattamento del libro di André Aciman, si è ritirato dall’industria. Le cose sembravano progredire, con entrambi i gli attori originali interessati al progetto (sì, Armie Hammer incluso). Finché l’aria non è improvvisamente cambiata.

“La verità è che, nonostante in cuor mio voglia ancora farlo, al momento sto lavorando a questo film,” ha confessato Luca a Deadline, “e a breve spero di cominciare a lavorare a Scarface. Ho molti progetti su cui lavorare e vorrei concentrarmi su questo e altri film che vorrei fare.”

Considerando lo stallo della carriera di Armie Hammer—causato dall’emergere di accuse sul suo conto rispetto al suo atteggiamento off-screen, accuse che hanno portato alle dimissioni sia la sua agenzia e che il suo addetto stampa—non potevamo sorprenderci più di tanto. Una sostituzione nel cast sembra del tutto impossibile da contemplare, tenendo conto che le due performance centrali sono ciò che sorregge l’intero film, e l’impressione è che senza di lui il progetto non avrebbe modo di esistere.

Timothée Chalamet ha a sua volta iniziato la sua transizione verso altri film di spessore. Lo aspetta un anno pieno di progetti, incluso il film in cui interpreterà Willy Wonka, che si prevede richiederà estenuanti prove fisiche e riprese che dureranno mesi. Quindi, parrebbe che Chalamet non avrebbe comunque il tempo di far parte di questo progetto nel prossimo futuro.

Quindi eccoci qui. Ora che abbiamo la conferma che il sequel di Chiamami col tuo nome è stato effettivamente cancellato, abbiamo l’ennesima scusa per riguardare per la centesima volta l’originale, con la certezza che nessun sequel potrebbe mai superarlo in bellezza.

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK.

Segui i-D su Instagram e Faccebook.

Crediti:

Testo di Douglas Greenwood

Leggi anche:

Tagged:
Film
cinema
queer
LGBTQ
chiamami col tuo nome