Immagini courtesy di Balenciaga. 

La Balenciaga A/W 22 ha immortalato un paese in profonda crisi

Attingendo dalla propria storia personale, con questa collezione seminale Demna ha riflettuto sulla traumatica esperienza della guerra e sulla condizione di rifugiato.

di Osman Ahmed
|
09 marzo 2022, 5:00am

 Immagini courtesy di Balenciaga. 

Inutile negarlo, una sensazione di tensione incombe sulle sfilate di Parigi. Perché mentre la moda va avanti, il mondo assiste allo scoppiare del conflitto in Ucraina. L'industria si trova in una strana situazione, lottando sia per celebrare la bellezza che per riconoscere la sofferenza di questo momento storico, e le persone coinvolte. Nella maggior parte dei casi, le maison di moda hanno fatto dichiarazioni di solidarietà o donazioni. Ma a causa della rapidità con cui il conflitto si è sviluppato, abbiamo ancora visto poco sulla passerella–e fuori dalla passerella—che riesca ad articolare appieno la situazione. Ogni stilista ha impiegato mesi di lavoro per creare queste collezioni, ritrovandosi in soli 10 giorni ad allontanarsi bruscamente dalla gioia “post-pandemica” per essere testimone di una proliferazione di violenza. Ben 1,5 milioni di persone sono già fuggite dall'Ucraina, in quella che è diventata la crisi migratoria più grande e rapida attestata in Europa dai tempi della Seconda Guerra Mondiale. L'industria della moda (molti conglomerati hanno chiuso i negozi e bloccato il commercio con la Russia) può giocare solo una parte minore in una questione geopolitica così complessa.

In questi casi, i vestiti diventano dispositivi limitati in quello che possono rivelarci sul mondo, ma a volte una sfilata di moda può catturare momenti storici specifici, anche se solo accidentalmente. E nella periferia di Parigi, in una gigantesca palla di neve appositamente costruita, Demna ha messo in scena una sfilata di Balenciaga che passerà alla storia come una delle dichiarazioni più potenti—e politiche—mai viste su una passerella. Il tipo di sfilata di cui si parlerà nei decenni a venire, allo stesso modo in cui oggi riflettiamo sulle sfilate seminali di McQueen, Galliano e Margiela.

balenciaga A/W 22 donna bionda nella neve vestito nero

Su ogni seduta si trovava una maglietta giallo e blu, i colori della bandiera ucraina, con una nota di Demna: "La guerra in Ucraina ha scatenato il dolore di un trauma passato che mi porto dentro dal 1993, quando la stessa cosa è successa nel mio paese d'origine [la Georgia]. Da quel momento sono diventato un rifugiato per sempre."

Le note proseguivano: "In un momento come questo, la moda perde la sua rilevanza e il suo effettivo diritto di esistere. La settimana della moda sembra una specie di assurdità. Per un momento ho pensato di cancellare la sfilata a cui io e il mio team abbiamo lavorato duramente e che aspettavamo con ansia. Ma poi ho capito che cancellare questa sfilata avrebbe significato cedere, arrendersi al male che mi ha già fatto traumatizzato così tanto per quasi 30 anni.”

uomo nella neve con occhiali da sole balenciaga A/W 22

In un'enorme passerella ovale costruita ad hoc, le modelle camminavano attraverso un vento burrascoso e una teatrale tempesta di neve. Tremando, vestiti solamente di abiti striminziti tenuti insieme da nastro adesivo, portavano i loro pochi effetti personali in sacchetti della spazzatura, camminando su tacchi a spillo appuntiti. Alcunɜ avevano addosso piumini giganti e felpe con cappuccio, altrɜ indossavano poco più che biancheria intima e un asciugamano Balenciaga. La sfilata si è aperta con la lettura da parte di Demna di un’ode alla resistenza scritta dal poeta ucraino Oleksandr Oles, morto in fuga dai nazisti nel 1944. Non c’è stata una traduzione: era dedicata alle persone che avevano bisogno di sentirlo, ha detto, ed è stato seguito da una morbida e poetica sinfonia al pianoforte. A tratti inquietante, ha provocato ciò che nessun’altra sfilata era riuscita a fare finora: far scaturire empatia. Non un momento di distrazione, lustrini e piume che abbiamo visto in ogni altra sfilata di questa stagione. Guardando questo momento, siamo effettivamente riuscitɜ a provare empatia per le persone che hanno perso tutto, compresa la loro patria.

Demna è uno deɜ pochɜ designer che può davvero capire in prima persona gli orrori della guerra. Da bambino, lui e la sua famiglia hanno attraversato le montagne del Caucaso come altri 250.000 connazionali, scappando dalle loro case e dai separatisti abkhazi durante la guerra civile del paese. Lui conosce il terrore e la brutalità attualmente inflitta all'Ucraina da Vladimir Putin. Uno dei primi rifugi della sua famiglia sfollata è stato a Odessa, la città nel sud dell'Ucraina che è attualmente sotto minaccia. "Fare questa sfilata mi ha dato l’occasione di parlare del mio passato e cercare di esprimerlo visivamente," ha detto Demna nel backstage, emozionato. "Si trattava di camminare attraverso il passato di 30 anni fa, quando ero nel rifugio, come moltɜ giovani ucrainɜ di 10 anni fanno ora con i loro genitori, senza sapere quando il soffitto cadrà sulla nostra testa."

balenciaga A/W 22 nastro adesivo giallo

Inizialmente l’allestimento in un globo di neve a grandezza naturale. era pensato par far riflettere sulla possibilità che in un futuro non troppo lontano la neve sembrerà quasi esotica. Era inteso come un commento sulla crisi climatica e sul ruolo sempre più importante della realtà virtuale—il Metaverso e tutto il resto—nel futuro dell'esperienza della natura. “Forse tra 50 anni, dovremo sfruttare luoghi come questo per vivere un'esperienza artificiale di certe condizioni meteorologiche che diamo per scontate,” ha spiegato. Naturalmente, questo intavola di nuovo anche il dibattito sulla necessità o meno di abiti nuovi. Ecco perché era giusto che i vestiti non avessero importanza—in effetti, probabilmente ne avete già la maggior parte nel vostro guardaroba. Invece, molti dei look erano caratterizzati da un nastro da scena del crimine firmato Balenciaga—Kim Kardashian si è presentata in prima fila avvolta da capo a piedi con questo nastro, tanto che in autunno Balenciaga venderà rotoli di nastro adesivo per coloro che vorranno crearne la propria versione.

Da un po' di tempo a questa parte, Demna è a capo dell'industria della moda con la sua visione unica della gestione di un vero megabrand moderno che, partendo dall'haute couture e arrivando al nastro adesivo, passa addirittura per i Simpson e i videogiochi. Nessun altrǝ riesce a farlo altrettanto bene e, nel caso di questa sfilata, nessun altrǝ designer avrebbe mai potuto. Questo perché più che soltanto politica, questa sfilata era personale e, parlando delle sue esperienze traumatiche come rifugiato, Demna ha fatto quello che pochɜ possono fare: usare la moda come un dispositivo per far luce sulla situazione vissuta da altre persone.

"Sono solo le persone innocenti che muoiono in una guerra e io l'ho sperimentato," ha detto dopo la sfilata. "In realtà ho tenuto bloccato questo trauma dentro di me per 30 anni fino a quando ho iniziato a leggere le notizie la scorsa settimana che mi hanno ricordato tutto questo dolore." Quando gli è stato chiesto quale fosse il messaggio della sfilata, Demna ha semplicemente risposto: "Il messaggio è l'amore, sempre.” 

I look finali non avrebbero potuto dirlo meglio: una tuta gialla e un abito blu con uno strascico al vento sono scesi uno dietro l’altro sulla passerella. Insieme componevano i colori inconfondibili della bandiera ucraina, provando a offrire un barlume di speranza.

balenciaga A/W 22 UOMO TUTA NERA
balenciaga A/W 22 vestito nero occhiali da sole orecchini sfilata neve
balenciaga A/W 22 uomo con treccine pantaloni neri ochiali da sole
balenciaga A/W 22 uomo stivali a punta
balenciaga A/W 22 donna vestito a fiori arancioni
balenciaga A/W 22 donna nastro adesivo balenciaga rosso
balenciaga A/W 22 occhiali da sole e giacca e jeans
balenciaga A/W 22 occhiali da sole
balenciaga A/W 22 elijah felpa grigia
balenciaga A/W 22 asher felpa nera
balenciaga A/W 22 ZHUO CHEN
balenciaga A/W 22 TOM completo bianco largo
balenciaga A/W 22 oliwia
balenciaga A/W 22 EUGENIE vestito nero con strascico

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Leggi anche:

Tagged:
Balenciaga
Paris Fashion Week
PFW
demna gvasalia
A/W 22