La skincare detox per combattere l'inquinamento

La guida per sopravvivere alla tossicità (ambientale e psicologica) delle città in cui viviamo in 5 semplici step.

di Beatrice Birolo
|
23 febbraio 2022, 5:00am

Esistono diversi elementi che possono danneggiare la nostra pelle e questo non è un segreto: il sole per esempio, ma anche lo zucchero, l’alcol, lo stress, la luce blu emessa dagli schermi del computer o telefono. Ma una delle più impattanti sulla salute della nostra pelle è nell’aria che respiriamo: l’inquinameto atmosferico.

Come è ovvio, può essere particolarmente dannoso soprattutto per chi vive in città. E ancora di più durante i giorni di Fashion Week, in cui corriamo da una parte all’altra della città in mezzo al traffico, sottoponendo la nostra pelle non solo allo stress psicologico ma anche all’inquinamento atmosferico. Lo smog è un nemico subdolo, perché non sempre è chiaramente visible. Così, senza che ce ne accorgiamo, la nostra pelle entra in contatto con sostanze chimiche tossiche che possono danneggiarla, provocando conseguenze come l’aumento dei segni dell’invecchiamento biologico, perdita di elasticità, infiammazioni, disidratazione, pori ostruiti.

Insomma, la barriera cutanea naturale non basta a proteggerci nei giorni frenetici in città. Ed è proprio in queste situazioni che entra in gioco la skincare detox, che in soli 6 step ti può aiutare ad affrontare l’inquinamento, a prevenire problemi futuri e ad annullare eventuali danni esistenti.

La skincare detox contro l’inquinamento atmosferico

Inquinamento dell’aria: cos’è e come si crea

Oltre al fumo delle sigarette e alla polvere, esistono certi tipi di agenti inquinanti che danneggiano la nostra pelle, come il monossido di carbonio, il piombo, gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) che vengono trasportati dall’aria (molti dei quali sono presenti anche nel fumo delle sigarette), gli ossidi di azoto. E queste ​​sono solo alcune delle sostanze che, soprattutto vivendo in città, minacciano la salute della nostra pelle.

Come la pelle reagisce all’inquinamento

Spoiler: non bene. La pelle è la nostra barriera protettiva contro l’inquinamento e lo stress ambientale, causato da quegli agenti atmosferici che, penetrando in profondità, danneggiano i nostri organi. A volte, questo succede senza che neanche ce ne accorgiamo, attraverso processi come l’assorbimento e l’inalazione, come avviene per esempio con le particelle di ferro dei binari del tram o con l’aria tossica che respiriamo camminando nel traffico.

Come proteggere la pelle dall’inquinamento in città (e non solo)

Per proteggere la pelle dall’inquinamento atmosferico è importante alzare le barriere: più sono forti, meno particelle dannose riusciranno a superarla. La costanza è dunque la base per una skincare detox efficace, oltre a optare per ingredienti che aiutino a fortificare questo strato esterno. Come farlo? Utilizzando una serie di prodotti anti-inquinamento—di cui magari neanche sapevi di avere bisogno.

Non possiamo parlare del rafforzamento della barriera cutanea senza menzionare le ceramidi: costituiscono il 50% dei lipidi (aka grassi) presenti nella nostra pelle, essenziali per fortificare lo scudo della nostra pelle e mantenere l’idratazione a un livello ottimale.

Guida per una skincare anti inquinamento in 6 semplici step

Skicare detox Step 1: Rimuovi le impurità

Rimuovere tutti i residui accumulati sul viso durante la giornata è importantissimo, soprattutto se parliamo di particelle impercettibili. Attenzione però a mantenere gli olii naturali presenti nell’epidermide. L’olio detergente Biorescue di Montalto svolge esattamente questa funzione: è adatto a tutti i tipi di pelle e contiene ingredienti come la camomilla—efficace contro le infiammazioni—e il tè verde—ricco di antiossidanti per combattere i danni causati dall’inquinamento.

Nel caso della skincare detox serale, per una pulizia efficace che prepari la pelle ad assorbire meglio i prodotti degli step successivi, dopo l’olio detergente applica un detergente schiumogeno delicato, come per esempio il Gentle Gel Facial Cleanser di Grown Alchemist, con ingredienti lenitivi che donano sollievo alla pelle.

Bonus step: Se vuoi proprio esagerare, un tocco rinfrescante, ma anche utile per rinforzare la barriera cutanea, è un tonico ricco di antiossidanti (in questo caso la lavanda e il prezzemolo) e privo di alcol è l’ideale, come il Parsley Seed Anti-Oxidant Facial Toner di Aesop.

Skincare detox Step 2: Fai una maschera per il viso

Un altro prodotto che può aiutare a proteggere la tua pelle dai danni causati dallo stress ambientale (e dallo stress in generale) è una maschera viso, da applicare una o due volte a settimana. La maschera C-Tox del brand coreano Yepoda è l’ideale: a base di argilla, curcuma e vitamina C, aiuta a eliminare le impurità, a decongestionare la pelle e a ridurre la comparsa di linee sottili. Una maschera perfetta per la vita di città.

Skincare detox Step 3: Proteggi e ripara la tua pelle

Come già sappiamo, gli antiossidanti sono lo scudo che ci difende dai radicali liberi e impedisce a dell’aria inquinata di danneggiare la nostra pelle. Per introdurli nella nostra beauty routine esistono modi molto semplici: puoi applicare un siero dopo la detersione, ad esempio l’Elisir di De Mamiel Intense Nurture Antioxidant Elixir, che contiene acido ferulico (un antiossidante e antinfiammatorio di origine naturale) per impedire che i metalli si depositino sulla pelle, proteggendola durante l’esposizione alle aggressioni ambientali.

Mantenere i livelli di antiossidanti alti per tutto il giorno non è facile, per questo aggiungere pochi prodotti, ma mirati, può davvero fare la differenza. Ad esempio esistono prodotti all in one, come l’Slisir schiarente e Antiossidante di Goldfaden MD, ricco di acido ferulico, vitamina C e vitamina E, che aiutano a ravvivare la pelle spenta migliorandone la grana, da utilizzare sia al mattino che alla sera. Il prodotto ideale per contrastare le macchie solari o la perdita di elasticità.​​

Skincare detox Step 4: Idrata la tua pelle

Uno degli ultimi passi della tua beauty routine è passare all’idratazione, in modo che i prodotti usati in precedenza vengano assorbiti adeguatamente dalla pelle. Fortunatamente ci sono molti prodotti sul mercato in questo momento con buone formule, la Klairs Rich Moist Soothing Cream ha una consistenza adatta a tutti i tipi di pelle.

Anche l’acido ialuronico è un ingrediente da tenere d’occhio quando si parla di garantire il mantenimento di idratazione della nostra pelle, avendo proprio lo scopo di rimpolparla: se hai i tempi ristretti ma non vuoi rinunciare a questo step, puoi affidarti a prodotti come la Mist Have di Yepoda con acido ialuronico e lavanda, uno spray per il viso da utilizzare durante la tua skincare routine ma anche durante la giornata se senti che la tua pelle si sta disidratando (magari sentendola tirare) o ti stai stressando troppo (e si sa, la lavanda aiuta sempre).

Bonus step: Se durante la skincare serale desideri un passaggio extra per proteggere la pelle dall’inquinamento cittadino, una maschera notte fa al caso tuo—da applicare una o due volte a settimana. Sceglila con ingredienti come il tè nero, il kombucha e l’estratto di semi di litchi, come l’Overnight Mask di Fresh, che presenta un preparato potente per migliorare l’aspetto della pelle e bloccare l’attacco dei radicali liberi.

Skincare detox Step 5: Non dimenticarti la crema solare!

Uno dei passi più importanti—e spesso ignorati—per alimentare la funzione regolare della barriera della pelle è assicurarsi di applicare ogni giorno una protezione solare (anche d’inverno!). Le radiazioni dei raggi UV, in combinazione con gli agenti inquinanti trasportati dall’aria, possono causare gravi danni. Thank You Farmer's Sun Project Water Sun Cream è un’ottima scelta per via della texture leggera e di facile assorbimento: idrata grazie all’acido ialuronico, calma le irritazioni con gli estratti di Centella Asiatica e garantisce una protezione solare 50+ . 

Un consiglio finale sulla skincare detox

Per proteggere la tua pelle dall’inquinamento e rafforzamento la barriera cutanea, non è necessario utilizzare per ognuno di questi step tutti i prodotti anti-inquinamento indicati, né seguire necessariamente ogni giorno ciascuno degli step. Anche un prodotto e uno step possono fare la differenza, se applicati correttamente.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Crediti

Testo: Beatrice Birolo
Artwork cover: Maria Laura Buoninfante

Leggi anche:

Tagged:
Beauty
Skincare