I documentari crime su Netflix da vedere assolutamente

Se hai visto "Sanpa" e ora cerchi altre docuserie o reportage di true crime, ecco qui i nostri titoli preferiti su Netflix.

di Britnee Meiser
|
04 gennaio 2021, 5:00am

Screenshot via YouTube

Tutti amano i documentari crime, o almeno i documentari true crime fatti bene. Il più recente è Sanpa, docuserie italiana disponibile da pochi giorni su Netflix in cui si ricostruiscono le vicende della comunità per tossicodipendenti fondata negli anni ‘70 da Vincenzo Muccioli.

Ma già nel 2015, quando su Netflix uscì la docuserie Making a Murderer, ci siamo tutti accorti della potenza di queste storie. Per quanto raccapricciante, un fatto di cronaca eserciterà sempre un certo fascino su di noi. Vi ricordate, ad esempio, quanto si è parlato di Wild Wild Country, il documentario sul culto di Osho?

E se dopo aver visto Sanpa siete alla ricerca di altre storie vere così agghiaccianti da farvi gelare il sangue, qui ne trovate alcune disponibili su Netflix—così da non dover neanche fare la fatica di cambiare piattaforma di streaming.

PS: se invece cercate le ultime novità del catalogo Netflix, eccovi serviti.

Rapita alla luce del sole

I rapimenti di Jan Broberg (il plurale è voluto, purtroppo) sono talmente assurdi che anche il documentario Rapita alla luce del sole fatica a spiegare la psicosi e il potere manipolatorio dell’aguzzino, Robert Berchtold. Anche solo la trama mette i brividi: quando Jan Broberg aveva 12 anni è stata rapita dal suo vicino Robert Berchtold. Una volta riportata indietro Jan, Broberg ha passato anni cercando di intrappolare la famiglia della ragazza in una ragnatela di fiducia, bugie e condiscendenza—solo per poi rapirla di nuovo, questa volta in ben altre circostanze.

Strong Island

Strong Island è un documentario sul razzismo sistemico, ma anche un ritratto profondamente personale di una famiglia e del suo dolore. Il filmmaker Yance Ford racconta l'omicidio di suo fratello William Ford Jr., un insegnante nero di Long Island ucciso con un colpo di pistola da Mark Reilly, un impiegato bianco di una carrozzeria, coinvolto in affari poco chiari. La giuria, composta da 23 persone bianche, ha scagionato Reilly, lasciandolo libero con la scusante di difesa personale. Il documentario è stato nominato agli Oscar, rendendo Ford il primo regista transgender a ricevere una nomination.

Conversazioni con un killer: The Ted Bundy Tapes

La storia del noto serial killer Ted Bundy terrorizza l’opinione pubblica da decenni ormai. La docuserie in quattro episodi realizzata dal filmmaker Joe Berlinger getta nuova luce sulla vita e gli omicidi di Bundy. Per farlo, Berlinger ha studiato le conversazioni avvenute tra Bundy e il suo psicologo nel 1980, quando il killer aspettava la condanna a morte. Il risultato è un’agghiacciante, ma riflessiva, confessione dei crimini da parte di Bundy, che mette però contemporaneamente in luce le falle del sistema legale americano.

Jeffrey Epstein: soldi, potere e perversione

Tra vizi, isole private e traffico sessuale, la vita del miliardario pedofilo Jeffrey Epstein sembra troppo raccapricciante per essere vera. Lo scalpore mediatico è stato generato dal suo arresto nel 2019, e dopo la sua improvvisa morte in carcere non ha fatto che crescere vertiginosamente. Quello che rende Jeffrey Epstein: soldi, potere e perversione così potente è il fatto che sentiamo raccontare la vicenda direttamente dal punto di vista delle vittime. Oltre a ripercorrere la storia di crimini e bugie di Epstein, la serie vuole fare in qualche modo giustizia, dando voce a donne in precedenza costrette a rimanere in silenzio.

The Innocence Files

Questa docuserie in nove parti è incentrata sulla storia delle vittime del sistema giudiziario statunitense. Nella maggior parte dei casi si tratta di persone nere che sono stati accusate ingiustamente o i cui processi sono stati mal gestiti e le cui pene sono quindi sproporzionate rispetto ai crimini commessi. Attraverso storie individuali di razzismo e ingiustizia, The Innocence Project punta a tracciare un quadro generale delle fratture insite nel sistema di giustizia criminale americano.

Amanda Knox

Questo documentario racconta il travaglio emotivo e fisico di Amanda Knox e Raffaele Sollecito dopo essere stati scagionati dall'omicidio di Meredith Kercher. Il candore estremo di Amanda, di Raffaele e del pubblico ministero Giuliano Mignini emerso durante le interviste è una dimostrazione dell'integrità giornalistica con cui i filmmaker hanno rappresentato il caso—proprio ciò che è mancato nei tabloid mediatici negli anni in cui scoppiò “il caso di Meredith”.

The Great Hack - Privacy violata

The Great Hack getta uno sguardo terrificante sull'ascesa di Cambridge Analytica, l'azienda di data che ha raccolto le informazioni di migliaia di utenti Facebook, per poi usare quelle informazioni al fine di creare pubblicità a favore della campagna presidenziale di Donald Trump nel 2016 e il voto sulla Brexit. Ancora più inquietante, il documentario rende chiaro il fatto che, anche se Cambridge Analytica non c'è più, ci sono altre decine o forse centinaia di aziende che ne hanno raccolto il testimone.

Una precedente versione di questo contenuto è stata pubblicata in data 09/07/2020

Segui i-D su Instagram e Facebook

Se siete qui, probabilmente potrebbe interessarvi anche la nostra recensione di Dark:

Tagged:
Netflix
true crime
documentari
cosa guardare
docuserie
sanpa
documentari crime