Il designer che porta la tradizione romagnola direttamente nel 2020

"Uno dei miei principali obiettivi è proprio quello di diffondere la femminilità all’interno del guardaroba maschile."

di Giorgia Imbrenda
|
19 marzo 2020, 3:23pm

Rebel Label è la rubrica di i-D che incontra, intervista e qualche volta fotografa i brand emergenti (e non) in Italia. Oggi è il turno di Federico Cina, designer che rivisita la tradizione romagnola, sua terra d'origine, mixando tutto quello che ha imparato durante i suoi studi a Firenze e in Giappone. La sua estetica è caratterizzata da una stretta connessione tra abbigliamento femminile e maschile. Il risultato sono capi che perdono ogni asprezza data da confini e regole non scritte, acquistando invece una metaforica morbidezza.

Intervista Federico Cina rubrica Rebel Label

Ciao Federico! Raccontaci di te e del percorso che hai seguito per arrivare ad avere un tuo brand.
Nasco a Sarsina, un piccolo paese che conta circa 3000 abitanti nel cuore della Romagna. All’età di 18 anni mi iscrivo al Polimoda di Firenze, che concludo con un’esperienza di sei mesi al Fashion College di Osaka, in Giappone. Ancora studente, la mia carriera inizia come consulente per brand come Brooks Brothers ed Emilio Pucci. Queste esperienze si sono rivelate importantissime per capire le dinamiche che regolano il mondo della moda e per definire il mio principale obiettivo: dedicarmi ad un progetto esclusivamente mio, disegnando collezioni profondamente personali ed intime.

E come ci sei poi riuscito?
È stato un percorso piuttosto lungo. Dopo aver vissuto per molti anni fuori dalla mia terra, decido di tornare in Romagna e di immergermi, ancora per una volta, in quell’atmosfera romantica e raffinata che da sempre contraddistingue la mia terra. Il ritorno a Sarsina ha segnato per me un nuovo punto di partenza a livello professionale, ma soprattutto personale. Recuperando i valori e le testimonianze della tradizione romagnola, infatti, ho riscoperto una bellezza semplice e genuina che mi ha spinto a dedicarmi completamente alla creazione e allo sviluppo del mio brand.

Intervista Federico Cina rubrica Rebel Label designer

Come definiresti in tre parole il tuo brand?
Romantico, artigianale e raffinato.

Quanto la tua terra d’origine influisce sulle tue creazioni?
La Romagna e le sue tradizioni sono per me principale fonte d’ispirazione per la realizzazione delle mie collezioni. Il mio intento è quello di condividere i valori che caratterizzano da sempre la mia terra dal resto del mondo.

Oltre alla cultura romagnola, quali sono gli altri riferimenti ed ispirazioni che hanno avuto un forte impatto su di te?

Fin da ragazzino ho coltivato una forte passione per il mondo dell’arte e della poesia; in particolare l’arte contemporanea mi ha sempre aiutato a sviluppare i concetti che esprimo all’interno delle mie collezioni.

Intervista Federico Cina rubrica Rebel Label designer

Parlaci della tua ultima collezione, “I Bei Tempi". E soprattutto a chi ti sei ispirato?
La mia ultima collezione FW20 si ispira all’archivio fotografico di Vittorio Tonelli, maestro e fotografo sarsinate che per anni ha lavorato come ricercatore e testimone della vita contadina romagnola. “I Bei Tempi” è un vero e proprio viaggio nel tempo, un “nostalgico” ritorno al passato volto alla ricerca di una bellezza semplice e pura.

I tuoi sono capi che racchiudono in loro una certa delicatezza. Sono romantici, quasi femminili se vogliamo. È un tuo modo per andare oltre il concetto di stereotipi nella moda?
Esattamente. La mia estetica è caratterizzata fortemente da una stretta connessione fra abbigliamento femminile e abbigliamento maschile, infatti uno dei miei principali obiettivi è proprio quello di diffondere la femminilità all’interno del guardaroba uomo.

Intervista Federico Cina rubrica Rebel Label designer

Quanto conta oggi la sartorialità e l’aspetto artigianale di un prodotto?
Per me risulta fondamentale, in particolare ciò che tento di fare è proprio quello di promuovere e valorizzare l’aspetto artigianale che contraddistingue da sempre la mia terra. La Romagna mi ha trasmesso valori rari al giorno d’oggi come la sincerità, l’importanza dell’aspetto umano e della famiglia; infatti il mio sogno è proprio quello di riuscire a condividerli con il mondo attraverso i miei capi.

Qual è la tua creazione alla quale sei più legato?
Il look a cui sono più legato è sicuramente il completo presente nella collezione SS20; realizzato direttamente con il tessuto delle tradizionali tovaglie romagnole, esso è per me la testimonianza storica della bellezza che caratterizza il mio popolo.

Chi è il personaggio, ideale o in carne ed ossa, che sogni di vestire?
Vorrei tanto vestire un personaggio che condivida al 100% i miei valori e la mia “visione” del mondo.

Intervista Federico Cina rubrica Rebel Label designer
Intervista Federico Cina rubrica Rebel Label designer
Intervista Federico Cina rubrica Rebel Label designer
Intervista Federico Cina rubrica Rebel Label designer

Segui i-D su Instagram e Facebook

Leggi anche:

Crediti

Testo Giorgia Imbrenda
Fotografia Alessandra Francesca Coppola
Stylist Luca Paolantonio

Tagged:
Μόδα
giovani designer
talenti emergenti
Federico Cina