i film che stanno facendo discutere al sundance

Un documentario sulle questioni razziali in USA, una denuncia a Scientology e il racconto di due prostitute transgender girato esclusivamente con un iPhone 5s.

di i-D Team
|
28 gennaio 2015, 1:10pm

Still from Mistress America

Non si tratta soltanto di una piacevole vacanza nello Utah; il Sundance Film Festival è il luogo dove i distributori scelgono i film che vedrete durante l'anno. La Fox Searchlight si è aggiudicata Me and Earl and the Dying Girl per 12 milioni di dollari, cosa che fa di questo adattamento di un romanzo young adult il più costoso di sempre al Sundance, davanti ai 10 milioni di dollari di Little Miss Sunshine. 

Un frame del film Going Clear

Uno dei più controversi di quest'anno è il documentario di denuncia su Scientology di Alex Gibney, Going Clear, basato su Going Clear: Scientology and the Prison of Belief di Lawrence Wright, che ha sollevato una grande polemica anche perché sostiene che i noti seguaci di questo culto - Tom Cruise e John Travolta - dovrebbero essere ritenuti responsabili per il suo presunto abuso di potere. 

Il film del quale si è parlato di più fino ad ora potrebbe essere The End of the Tour, con Jason Segel che interpreta il grande e compianto autore americano David Foster Wallace. Questa scelta è stata derisa, anche se poi l'interpretazione di Segel è stata comunque ampiamente lodata; Variety ha addirittura suggerito che potrebbe valergli una corsa agli Oscar. Quelli del 2016, gente. 

Frame dal film The End of the Tour

Con la tecnologia in continua evoluzione, usare un iPhone 5s per girare un film su due prostitute transgender che lavorano a LA può suonare come una scelta coraggiosa da presentare al Sundance piuttosto nella vostra cameretta su iMovie. Ma Tangerine di Sean Baker, girato con tre iPhone 5s, ha una bellezza rara e tutta sua.  

Mistress America, la screwball comedy di Noah Baumbach e Greta Gerwig ambientata a Manhattan è stata recensita con quattro stelle. Lena Dunham ha poi debuttato con Eloise, il suo documentario per la HBO sulla sua eroina letteraria d'infanzia. Infine, uno dei film più attesi di questa edizione del festival è stato 3 ½ Minutes di Marc Silver, un documentario molto attuale che parla delle questioni razziali e della violenza legata alle armi in USA. 

Tagged:
cinema
Sundance