sarà rihanna a chiudere la settimana della moda di new york

Savage x Fenty sta guadagnando sempre più consensi. Sì, è il brand di lingerie di Rihanna, ma è anche una delle poche linee di intimo che propone capi adatti a tutti i corpi e tutte le taglie.

|
ago 24 2018, 2:06pm

Fotografia di Paolo Roversi. Moda di Alastair McKimm.

La Settimana della Moda di New York è un po' in crisi ultimamente. Una volta gigante dell'industria, oggi la Grande Mela fatica a trattenere i suoi designer nella metropoli. Ultima defezione in ordine cronologico, quella di Alexander Wang, che a partire dalla prossima stagione sfilerà a dicembre e giugno, al di fuori del calendario ufficiale della Fashion Week. Certo il ritorno di alcuni grandi nomi, come Calvin Klein by Raf Simons, Rodarte e Proenza Schouler, a cui si aggiungono gli insostituibili Jeremy Scott e Marc Jacobs rendono comunque l'agenda newyorkese piuttosto interessante, ma è innegabile che il trend sia quello di volare dagli Stati Uniti a Parigi, ultimamente.

Di conseguenza, nelle ultime stagioni si è parlato molto delle collaborazioni tra brand e celebrità. Ma anche dei brand creati dalle celebrità stesse, come Yeezy e Fenty x Puma. Ora, prevediamo che il vero talk of the town della prossima NYFW sarà invece Savage x Fenty, il brand di lingerie creato da Rihanna che a oggi si propone come una poche linee di intimo che propone intimo non solo adatto a corpi molto diversi tra loro, ma anche estremamente sexy. E chiunque abbia una quinta può confermarvi quanto sia difficile trovare un reggiseno comodo e sensuale allo stesso tempo.

La sfilata è stata definita come un'"esperienza immersiva" da qualche parte a Brooklyn, e la collezione sarà disponibile immediatamente dopo il termine dello show, se così possiamo chiamarlo. Forse non sarà il grande cambiamento che serve alla NYFW per risollevarsi dal recente torpore, ma non vediamo l'ora di vedere diversità e inclusività in passerella.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

E comunque sul sito di Savage x Fenty puoi fare acquisti decisamente interessanti:

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK.