Immagini su gentile concessione di Fredrik TjærandsenI

chi è lo studente della csm dietro (dentro?) l'abito che è ovunque su instagram

La sua collezione si è meritata una standing ovation e diversi applausi a scena aperta durante il graduation show della Central Saint Martins. Qui ci racconta come l'ha creata.

di Ryan White; traduzione di Gaia Caccianiga
|
05 giugno 2019, 8:04am

Immagini su gentile concessione di Fredrik TjærandsenI

"Si sta bene qua dentro," mi dice Fredrik Tjærandsen mentre gonfia il pezzo interno di uno dei suoi capi-palloncino con una pompa ad aria. "I modelli lo trovano abbastanza rilassante. È quando te lo devi infilare che è scomodo."

Il pezzo di fronte a noi fa parte della collezione di laurea di Fredrik, un ibrido tra palloncini e vestiti che ha presentato durante il graduation show della Central Saint Martins qualche giorno fa. Ultimo dei 43 studenti di moda a far sfilare il suo lavoro in passerella, i video della sua collezione erano già diventati virali prima ancora che lo show finisse. Le strutture multicolore che fluttuavano attraverso l’aula magna della CSM hanno invaso Instagram, alcune restando gonfie, mentre altre si sgonfiavano elegantemente, trasformandosi in capi drappeggiati. Ogni volta, il pubblico applaudiva estasiato.

Fredrik-Tjaerandsen balloon designer

Dopo la standing ovation di una parte del pubblico, Fredrik ha ricevuto il premio Talent Professional L'Oreal. Subito dopo, diverse personalità di spicco nell'industria della moda si sono messe in contatto con lui per congratularsi, dal critico Tim Blanks all'icona della musica Erykah Badu. "Mi ha mandato un DM per dirmi che adora la collezione," mi spiega Fredrik. "Non pensavo che avrei avuto tanto successo. Appena finita la sfilata, ho aperto Instagram e ho gioito perché in mezz'ora ero passato da 1.000 a 1.600 follower. Figurati come mi sono sentito quando, il giorno dopo, sono arrivato a 70.000!"

Fredrik è cresciuto in una piccola città norvegese e si è trasferito a Londra per studiare alla CSM dopo aver finito il liceo. "L'arte ha sempre fatto parte della mia vita, ma poi verso i 15 anni mi sono appassionato alla moda. Mi piaceva cucire e tagliare modelli, e poi ho scoperto questa scuola," mi dice indicando l’aula dove siamo seduti. "Avevo fatto domanda entrare nel corso triennale di Fashion Design, ma non sono stato accettato. Invece, mi hanno preso per quello in arti generalizzate. Mi hanno detto che ero più adatto a quello. Così ho fatto scultura, e l’ho quasi scelta al posto di moda. Sto ancora cercando di mantenere una serie di elementi plastici nel mio design... Sono sempre stato molto multidisciplinare."

Fredrik-Tjaerandsen-balloon-designer

Questo mix di discipline (che è poi una delle tante ragioni per cui la CSM è un'università rinomata in tutto il mondo) ha permesso a Fredrik di concettualizzare nuove possibilità nella creazione di abiti e creare qualcosa di completamente nuovo. "Durante il primo anno ho fatto molti vestiti. Vestiti ben tagliati. Nel secondo anno ho iniziato a esplorare idee più astratte. Cosa può essere un indumento? Quali sono i limiti? Abbiamo due tutor [nel corso triennale di Fashion Womenswear, NdA]. Una è un'artista visiva [Anna-Nicole Ziesche], mentre l'altra è una designer di moda [Heather Sproat]. Entrambe ci hanno stimolato in modo creativo. Ricordo che questo progetto l'ho iniziato durante il secondo anno. Diciamo che mi è andata bene, perché so come creare e realizzare vestiti, e uno dei miei tutor mi ha detto: 'Ok, è chiaro che tu sappia tagliare, ma che altro puoi fare?' Questo mi ha davvero colpito. È lì che ho iniziato a fare cose più astratte."

Il punto di partenza per la sua collezione di laurea sono i "ricordi d'infanzia poco chiari," mi spiega Fredrik mentre guardiamo insieme video e immagini del progetto sul suo computer. "Volevo davvero rendere l’idea di quella nebbiosità... A volte mi tornano in mente cose che non riesco proprio a collocare. È quella sensazione di essere circondati dalla foschia. Il modo in cui lavoro è molto ambiguo, pieno di cose che non posso davvero spiegare. Ma sto cercando di creare qualcosa che ti dia questa sensazione." In tutte queste foto e video, Fredrik è all'interno degli abiti. "Provo sempre ogni capo," ci tiene a precisare. "Voglio vedere la sua funzionalità."

Fredrik-Tjaerandsen-balloon-designer

I movimenti all'interno delle sue creazioni, però, sono importanti quanto il prodotto finale. "Faremo una mostra tra un paio di settimane, spero di poter mostrare alcuni video. Il mio lavoro riguarda più il processo che il risultato... Sperimento con i materiali, collegandoli al corpo."

"Questa è una delle bolle più grandi," mi dice indicando un altro video. "Non ci stava nello spazio della sfilata. Quattro sono esplosi, completamente distrutti. Lo spazio era limitato, quindi dovevo davvero pianificare ogni singolo secondo per far uscire le persone al momento giusto. Siccome alcuni abiti non si sono sgonfiati sul palco, quelli verdi e quelli gialli si sono scontrati nel backstage. Abbiamo cercato di spingerli lungo pareti in modo che gli altri potessero passare, ma uno è esploso alla fine. Ho dovuto rifarlo per la rassegna stampa e ora è arancione. Penso che l’altro fosse un po' meglio."

Fortunatamente, nessun disastro ha intralciato la sfilata per la stampa. "Ho avuto così tanta ansia a riguardo. Tutti i modelli erano in piedi sulla scala... Ma erano circondati da spigoli! Avevamo tutti paura che gli abiti scoppiassero. E la gente intanto continuava a toccarli. L'ho trovata una cosa bella, però, perché indica che i miei abiti sono qualcosa di diverso da solito, che vuoi toccare per cercare di capire. Certo, però, se fossero scoppiati me la sarei presa," scherza Fredrik.

Fredrik-Tjaerandsen-balloon-designer-3
Fredrik-Tjaerandsen
Fredrik-Tjaerandsen-BA-graduate-collection

Crediti


Tutte le immagini su gentile concessione di Fredrik Tjærandsen

Tagged:
Central Saint Martins
talenti emergenti
Fredrik Tjærandsen