un'estate a napoli

Il fotografo e contributor di i-D Brett Llyod ha condiviso con noi le sue foto di un'estate trascorsa a Napoli fatta di spiagge affollate, sole cocente e un gran vociare.

|
27 giugno 2016, 1:20pm

"Napoli è una città che ti lascia a bocca aperta, una fusione tra bellezza e mistero," racconta il fotografo Brett Lloyd parlando del soggetto del suo libro, Scugnizzi, a Summer In Naples. La città italiana è conosciuta per le sue problematiche, ma anche per il suo charme irresistibile. È una delle città più antiche del mondo, ma Lloyd si è innamorato del fatto che gli abitanti sembrino non prestare attenzione al prestigio della loro città, dandone per scontati molti aspetti. "La città è abbandonata a se stessa piuttosto che essere preservata come un museo a cielo aperto." 

Scugnizzi, nel titolo, fa riferimento ai ragazzi di strada, che Lloyd descrive come "piccole gang di ragazzi adorabili, sempre sul punto di combinare qualche marachella." Per questo suo progetto ha passato molto tempo a scattare loro e il resto dei napoletani, soprattutto sulle spiagge della città, poco lontano dal Vesuvio. "Le spiagge sono le zone più povere ma coi i personaggi più bizzarri. Tutti sembrano conoscersi, e questo spiegherebbe tutto il gioioso chaos che c'è tra gli ombrelloni. Sembra che la gente venga qui per fare una pausa di qualche ora, prima di tornare ai loro affari e ai loro obblighi lavorativi e familiari. Sulla spiaggia anche i bambini si danno da fare. Passano il tempo a cercare conchiglie e delle cozze per rivenderle la sera ai ristoranti."

Sebbene i progetti di ognuno ricoprano un determinato periodo di tempo, Lloyd afferma che questo ha cambiato qualcosa in lui, per sempre. "Mi sono innamorato di Napoli. Ci verrò ancora e ancora per scoprirne di più su questo universo vorticoso." 

Crediti


Testo Stuart Brumfitt
Foto Brett Lloyd