Animal Crossing è l'ossessione perfetta durante isolamento e pandemia

Un videogioco che unisce nerd della moda e zero traguardi è diventato il rifugio preferito da milioni di utenti nell'epoca del distanziamento sociale.

di Lia Savillo
|
06 aprile 2020, 9:04am

Images by Animal Crossing Fashion Archive

Mentre l'isolamento sociale continua ad essere la normalità, stiamo tutti trovando dei mezzi virtuali per connetterci con gli altri a distanza. Che sia partecipare a una live su Instagram, fare aperitivi su Zoom o giocare a Pictionary su House Party, non si può negare il fatto che Internet non sia mai stato così vivo come in queste settimane.

Una delle comunità nate in questo momento storico è il gruppo di nerd della moda che partecipano al rassicurante mondo virtuale del videogioco Animal Crossing: New Horizons (Nintendo Switch). Data l'impossibilità di fare shopping nei negozi fisici, i cool kid hanno iniziato a ricreare abiti di design digitalmente su questa piattaforma. Da Carhartt e Supreme ai brand di alta moda come Chanel e Dior, gli utenti hanno trovato un modo per mostrare i loro outfit preferiti anche quando sono costretti a casa in pigiama.

Oltre alla scenografia del gioco, perfetta per dissociarsi dalle quattro mura di casa, Animal Crossing offre un'altra forma di escapismo che riesce a differenziarlo da qualsiasi altro videogioco: non ha nessun obiettivo. Puoi fare tutto quello che vuoi, vivere una vita in qualunque modo tu voglia ed essere allo stesso tempo connesso con amici e familiari, senza traguardi o scopi.

Ovviamente, su Instagram c'è una pagina dedicata. Si chiama Animal Crossing Fashion Archive ed è stata aperta da un gruppo di amici delle Filippine che volevano documentare le loro creazioni e outfit. Nel giro di poche settimane ha guadagnato oltre 10k follower, diventando un vero e proprio lookbook per i giocatori di tutto il mondo. Abbiamo parlato con la fondatrice della pagina e fotografa, Kara Chung, per sapere com'è iniziata questa comunità globale di appassionati della moda. E per farci una sorpresa Kara ha chiesto al gruppo di creare una stanza basata sulle cover di i-D, che puoi vedere qui sotto!

Come sei entrata nel mondo di Animal Crossing?
Mi ci sono appassionata durante la quarantena qui a Manila. Sapevo che molti miei amici lo stavano comprando, e anche se era molto diverso dai giochi a cui gioco di solito che hanno una trama intrecciata e pieni di azione, volevo provare a giocarci e divertirmi digitalmente con i miei amici.

Il videogioco sta vivendo un successo globale in questo momento, che cosa ne pensi?
Le persone hanno bisogno di un modo per connettersi e allo stesso tempo identificarsi in un personaggio. In un certo modo, i videogame possono essere una forma di media in cui potersi esprimere attraverso le decisioni e le apparenze del personaggio. Perché alla fine che cos'è il gaming se non una storia alternativa in cui vivere? Mi mancano certi luoghi del mondo fisico, e l'esperienza di riscoprire un gioco infantile è simile ad andare ai giardinetti con gli amici. Le variabili che determinano una casa nel mondo reale possono essere i muri, gli odori, i rumori — ma i giocatori di videogame possono spesso trovare comfort in una musica di sottofondo e una palette colori. Immedesimarsi con il personaggio del gioco è una parte fondamentale per integrarti come giocatore, immergendoti nelle varie fasi dell'avventura.

Sinceramente, penso che sia stato lanciato nel momento perfetto.
Al 100 percento. A causa della quarantena forzata in molti paesi, le persone non hanno modo di connettersi con i propri partner, amici e cari.

Cosa ti ha portato a creare un account Instagram per gli outfit dei personaggi?
È partito come uno scherzo, uno spazio dove postavo gli outfit dei miei amici. Abbiamo una chat di gruppo dove ci mandiamo le immagini. Mi sono presa una pausa dal mio lavoro di fotografa, e mi sono concentrata sul modo in cui questi look venivano presentati.

Animal Crossing: videogioco di moda per la quarantena

Come vivi il fatto che la tua pagina stia ottenendo così tanta visibilità?
Felicemente sorpresa. È come un episodio di Black Mirror, tutti uniti all'interno di una simulazione. Come Jorge Wieneke (aka Similarobjects), che ha fondato il club Matryoshka e ha detto recentemente in un'intervista: “Se lo spazio non esiste, createlo." Ecco, non pensavo che questo profilo IG potesse essere significativo per altri, al di fuori del mio piccolo gruppo di amici che creava outfit per divertimento, ma ogni giorno mi scrivono persone da tutto il mondo per dirmi che li ho rallegrati o che la pagina li ha fatti riflettere su questo momento particolare. Ci sono molte persone rinchiuse nelle loro stanze, che non possono muoversi, e questo gli fornisce un mezzo per esprimersi.

Quali sono alcuni dei tuoi look preferiti nella pagina?
Mi piace molto vedere i brand di Manila come Toqa, Carl Jan Cruz, Fortune WWD. E look di persone come gli art director Isai Araneta, Una & RA e Jason Roberto.

Hai idea del perché le persone hanno iniziato a replicare capi già esistenti nel mondo reale, invece che crearne di loro da zero?
Lo streetwear è incentrato sul concetto di comunità. Nelle ambientazioni limitate, nel gioco pixelato, alcune delle grafiche più facili attraverso cui comunicare includono i simboli che definiscono alcuni brand. Il potere di un logo nello streetwear è simile a quello dello stemma di una squadra, e vedere un'altra persona comunicare attraverso quello stesso simbolo è rassicurante. Ti fa sentire parte di una comunità online.

Oltre alla moda, quali altre cose hanno connesso i gamer della comunità AC:NH in questo momento di distanziamento sociale?
Mia cugina ha celebrato il suo compleanno una settimana fa assieme a dei personaggi del gioco che le hanno organizzato una festa. Alcuni amici ed io abbiamo partecipato portandole dei regali. Nel gioco gli utenti possono scrivere messaggi e scambiarsi regal: giocare con persone che conosci vuol dire svegliarti con messaggi e regali digitali. So che coppie che non si vedono da tanto hanno iniziato ad usare il gioco per passare del tempo insieme. Grazie a una fotocamera interna con filtri, questo videogame offre anche diversi modo per scattare foto. Dunque i ricordi e i contatti che creiamo online possono in qualche modo fare evaporare l'idea di essere così lontani, erigendo ponti di collegamento attraverso mezzi emotivi e virtuali.

È troppo figo! Hai altri scopi creativi dietro alla pagina? Come crescerà?
Ho visto che molte persone stanno replicando capi di brand molto conosciuti. Sto lavorando con degli artisti per capire come traslare il loro lavoro dentro al gioco, creando lookbook, showroom e gallerie virtuali.

Come credi che questo gioco, o i videogame in generale, aiutino le persone a gestire questo momento storico?
All'epoca della PlayStation io e mio fratello, assieme a due cugini, ci portavamo il nostro controller e giocavamo a Chocobo Racing tutti insieme. Ognuno di noi giocava attraverso a un personaggio su uno schermo solo. Prima dovevamo preoccuparci di spolverare le memory card o controllare se il nostro hardware stesse registrando. La facilità del gaming online, real-time, mi porta a questi ricordi d'infanzia, sentendo l'effetto di dover prendere decisioni istintive ad ogni turno. È un modo per restare legati a questa forma di società.

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK

Tagged:
Gaming
nintendo
Streetwear
Cultură
Videogame
Nintendo Switch
Animal Crossing
quarantena