Inner Circus, o l'album di famiglia dei tuoi demoni interiori

La teoria degli 8 archetipi della psiche umana elaborata da Jung è sempre più popolare, e per questo Anna Evstigneeva ha deciso di analizzarla, in foto.

di Gloria Venegoni
|
13 luglio 2021, 1:12pm

Secondo uno dei concetti più diffusi di psicologia—tanto da essere anche alla base degli archetipi astrologici—, la mente umana tenderebbe a riprodurre una serie pattern emotivo-comportamentali che, combinati in vari modi, andrebbero a costituire la singola personalità di un individuo. Questi schemi, generalmente assorbiti durante l’infanzia, plasmano il modo in cui gestiamo le nostre relazioni future e la risposta agli stimoli del mondo esterno. Di fatto, ogni persona sviluppa una serie di questi pattern secondo declinazioni disfunzionali, e un po’ di autoanalisi potrebbe essere la chiave per farli emergere e decostruirli.

Ovviamente, non è così semplice. Trattandosi di schemi intessuti nella nostra personalità e nel modo in cui leggiamo il mondo, diventa complesso metterli a fuoco e acquisire la piena consapevolezza degli esiti tossici che questi bias comportano. Dunque, sembriamo destinati a continuare a ripeterli ancora e ancora, finché non arriveremo a un punto di rottura. E non siamo noi a dirlo ma il più famoso e pop dei teorici di psicologia: Jung.

Se infatti la teorizzazione degli archetipi alla base dell’indole umana ha permesso la nascita di molti studi di psicologia, come ad esempio la schema therapy, è stato Jung ad avvalersi del concetto per sviluppare l’ormai nota classificazione degli 8 tipi di personalità. Una teoria che, da un lato, ha dato involontariamente il via a quella semi-piaga sociale dei test di personalità basati su estroversione e introversione (se vi chiedevate cosa fossero le sigle ENTP, INFP, INFJ che campeggiano nelle bio sui social media, ecco, arrivano da lì); dall’altro, è stata anche la base di diversi studi che hanno portato avanti la teoria di Jung con lo scopo di riconoscerli, catalogarli e inserirli nella pratica terapeutica al fine di decostruirli.

In questo panorama si inserisce il progetto Inner Circus della fotografa Anna Evstigneeva, che ha deciso di dare una forma visiva a questo bestiario psicologico. Prendendo come riferimento le teorie degli studiosi John Beebe, Linda Berens e Chase S. Joseph, le menti dietro alla teoria degli 8 archetipi della psiche umana, Anna ha trasformato in fotografia quegli schemi comportamentali che sarebbero responsabili dei nostri stati di coscienza, come anche delle nostre ombre incoscienti. Sorvolando per un momento sull’accuratezza scientifica degli assunti psicologici di questa classificazione, abbandoniamoci all’allure dark di questi ritratti per farci un viaggio tra le allucinazioni ipnagogiche che precedono il sonno.

L’archetipo dell’eroe

ragazzo che rappresenta l'eroe con luce dal petto, foto di Ann Evstigneeva
Il modello indossa una tuta vintage fatta su misura. Stivali Demonia.
ragazzo vstito con tutina da super eroe inner circus foto di Anna Evstigneeva
Il modello indossa una tuta vintage fatta su misura. Stivali Demonia.
l'eroe primo piano ragazzo capelli rossi foto di Anna Evstigneeva
Il modello indossa una tuta vintage fatta su misura. Stivali Demonia.

L’eroe entra in gioco quando riusciamo a trovare la forza e il coraggio per affrontare la realtà, permettendoci di entrare in contatto con il flusso delle cose attorno a noi e modellarle a nostro piacere. L’eroe è l’invincibilità.

L’archetipo del genitore

il genitore ragazza seduta su palla nera inner circus foto di Anna Evstigneeva
La modella indossa placca dorata sul seno di Plastron. Cintura con catene fatta su misura da ETRO. Leggings di United Colors of Benetton Handmade. Orecchini e braccialetti ZHERNOV artifactory.
primo piano de il genitore di inner circus foto di Anna Evstigneeva
L'archetipo del genitore.
ragaza itratto di tre quarti inner circus Fotografie di Anna Evstigneeva
L'archetipo del genitore

L’archetipo del genitore non si trova facilmente, è direttamente proporzionale alla maturità della persona. Si sviluppa con l’evolversi, ed è quella parte di noi che, con razionalità e scetticismo, ci fa agire responsabilmente, supportandoci con affetto nelle nostre decisioni. L’archetipo del genitore è l’uscita dalla comfort zone.

L’archetipo del bambino

il bambino ragazza in piedi su una gamba su una palla inner circus 8-function model is based off of the work of John Beebe and Linda Berens and Chase S. Joseph.

Total look Nealyo Uniform.
ragazza con topo con frange Fotografie di Anna Evstigneeva
Total look Nealyo Uniform..
ragazza con acqua davanti al viso inner circus foto di anna evstigneeva
l'archetipo del bambino

L’archetipo del bambino è la fonte interiore di creatività ed energia infinte a cui attingiamo con gioia quando crediamo nella possibilità che tutto possa accadere. L’archetipo del bambino è la scintilla che si accende quando facciamo ciò che amiamo.

L’archetipo dell’inferiore

ragazza primo piano con maschera di lato inner circus
l'archetipo dell'inferiore
archetipo ell'inferiore vestito con ali dark inner circus Fotografie di Anna Evstigneeva
L'outfit della modella è su creazione di Yelizavetta Volosovska. Scarpe Maison Margiela.
ragazza con trucco scuro e braccio in alto inner circus Fotografie di Anna Evstigneeva
L'outfit della modella è su creazione di Yelizavetta Volosovska.

L’archetipo dell’inferiore è il lato più debole della psiche umana, l’alcova della vergogna e dell’insicurezza. Qui si annidano le nostre paure, è dove la freccia colpisce quando veniamo toccati nei nostri punti deboli. L’archetipo dell’inferiore è quell’angolo oscuro dove gli errori commessi sembrano non trovare redenzione.

L’archetipo della nemesi

la nemesi testa in una scatola inner circus foto di Anna Evstigneeva
l'archetipo della nemesi
ragazzo con testa in una scatola e toga Fotografie di Anna Evstigneeva
Il modello indossa un kimono creato da Nealyo Uniform.
ragazzo biondo testa nella scatola inner circus Fotografie di Anna Evstigneeva
l'archetipo della nemesi

L’archetipo della nemesi è il portale dell’inconscio, che teniamo chiuso per proteggere il nostro ego dagli attacchi esterni (e interni). Da qui nascono quegli atteggiamenti passivo-aggressivi che, sotto sotto, sappiamo essere stati attivati per difenderci dagli attacchi diretti ai propri punti deboli. Difficile da riconoscere, facile da proiettare sugli altri, l’archetipo della nemesi è lo scudiere dell’eroe, che permette di mantenere la propria autostima abbastanza alta per agire.

L’archetipo del critico (o giudice interiore)

il critico o giudice interiore ragazzo con giacca verde e testa sotto campana di vetro foto inner circus foto di Anna Evstigneeva
Il modello indossa giacca Yelizavetta Volosovska. Camicia Lanvin. Gioielli ZHERNOV artifactory.
ragazzo con giacca d verde inner circus Fotografie di Anna Evstigneeva
Il modello indossa giacca Yelizavetta Volosovska. Camicia Lanvin. Gioielli ZHERNOV artifactory.
ragazzo con capelli a corna e giacca a fantasia e sfera di cristallo inner circus
Il modello indossa giacca Yelizavetta Volosovska. Camicia Lanvin. Gioielli ZHERNOV artifactory.

L’archetipo del critico è quella vocina fastidiosa che non smetterà mai di torturarci per convincerci che non siamo mai abbastanza. Non solo, è anche quella parte di noi che criticherà il prossimo. Causa prima di rabbia e ipocrisia, anche se di primo impatto sembra estremamente negativo, l’archetipo del critico costituisce anche la spinta che ci spinge al perfezionamento.

L’archetipo dell’imbroglione

ragazza tutina e capelli rossi finti inner circus Fotografie di Anna Evstigneeva
La modella indossa body e guanti Tender and Dangerous. Stivali Ali Saulidi.
ragazze volti riflessi con capelli rossi Fotografie di Anna Evstigneeva
l'archetipo dell'imbroglione
ragazze sedute a terra e capelli rossi inner circus Fotografie di Anna Evstigneeva
La modella indossa body e guanti Tender and Dangerous. Stivali Ali Saulidi.

L’archetipo dell’imbroglione è il fratello oscuro del bambino interiore. Trattasi della punto più debole del quadro della psiche umana, è il labirinto degli specchi che ci inganna e rende i problemi più semplici enormi, e quelli difficili piccolissimi. L’imbroglione è l’archetipo della confusione da cui nasce la spinta a rompere i propri limiti.

L’archetipo del demone/angelo

the demon il demone due ragazzi dalle fattezze inquietanti foto di Anna Evstigneeva
Total look Postushna.
ragazza vestito bianco trucco inquietante rosso e capelli biondi inner circus Fotografie di Anna Evstigneeva
Total look Postushna.
ragazzo mani giunte e trucco rosso capelli biondi inner circus Fotografie di Anna Evstigneeva
Total look Postushna.

L’archetipo del demone è il volto bifronte di Giano. Il suo lato demoniaco è il più oscuro del circo della psiche, è quel lato che ci spinge alla furia e alla pura malvagità. Forza distruttiva, il demone ci spingere a compiere le azioni per cui non ci perdoneremo mai, anche se a volte riusciamo a travestirlo di vesti angeliche e giustificarne persino le azioni: fino a che il velo bianco della finzione non cadrà. Solo quando impareremo a riconoscere il demone per quello che è, allora riusciremo davvero a cambiarne la natura e usarne la forza in positivo.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Fotografie di Anna Evstigneeva
Styling Sasha Dudchenko
MUA e capelli Yevgeniya Kozlova

Modell*:
L’archetipo dell’eroe e l’archetipo della nemesi: Yura Horban, per Linea 12 Models
L’erchetipo del genitore: Precious
L’archetipo del bambino: Xenya per 1313 agency
L’archetipo dell’inferiore: Mariia Baza per EGO MODELS Management, Michelle & Nicol Feldman
L’archetipo del critico: Noah per NAME Management LLC e Anton
L’archetipo dell’imbroglione: Anja Victor per Balls Models e Love Dee per Intermodels MA
L’archetipo del demone: Sava per Mi Models e Andrij per Cat-b agency

Testo di Gloria Venegoni

Leggi anche:

Tagged:
Goth
arte
Psicología
subconscio
Inner Circus