Incontra i vincitori votati dal pubblico per la categoria moda della prima presentazione di laurea online

Ecco i progetti delle categorie womenswear, menswear, moda sostenibile, sportswear e denim, che hanno convinto di più il pubblico, ricevendo il maggior numero di voti.

di Tom George; traduzione di Carolina Davalli
|
25 settembre 2020, 3:00pm

Ora che sono terminate le votazioni per il Global Design Graduate Show, sviluppato da noi di i-D insieme ad ARTSTHREAD, la giuria avrà modo di decidere quali saranno i vincitori definitivi all’interno delle categorie moda, che quest’anno -- per la prima volta -- è supportata dalla rinomata casa di moda Gucci.

Nel frattempo, dai un’occhiata ai sorprendenti progetti che hanno ricevuto più consensi da parte del pubblico nelle categorie di sportswear e denim, moda e tessuti sostenibili, womenswear e menswear.

SPORTSWEAR & DENIM

September Park, BFA in Moda alla SCAD Savannah, Georgia. USA.

pjimage.jpg

Titolo del progetto di laurea: PS² (Park September Postal Service)

Il postino è una di quelle figure che, universalmente, vengono considerate come persone fidate, con cui ci fa piacere comunicare e a cui affidiamo gli oggetti che possediamo.

Questa sensazione condivisa, diventa il fulcro di PS², una collezione gender-free ispirata dalle divise dei corrieri e dai materiali utilizzati nelle spedizioni. “Le forme astratte delle stampe sono state ricavate dagli angoli smussati e stropicciati di lettere postali, delle confezioni e delle scatole di cartone,” afferma September.

September 3.jpg

Preparandosi alla laurea, e al prossimo capitolo della sua carriera, September ha voluto inserire all’interno dei suoi capi dei barcode ed etichette postali che forniscono informazioni su di lei e che danno accesso al suo portfolio digitale; “rappresentano il fatto che sono pronta ed aperta a nuove opportunità.”

September 2.jpg

MODA / TESSUTI SOSTENIBILI

Lisa Naunheimer, MA in Tessuti presso la Royal College of Art, UK.

pjimage-2.jpg

Titolo del progetto di laurea: Treasure

“Questa collezione parla dell’amore per i vestiti. Racconta le storie del rapporto tra un gruppo di donne molto speciali per me e parte della mia infanzia e i loro abiti preferiti–pezzi che ho tenuto e conservato per tutti questi anni,” afferma Lisa.

a686b30d21e33fe68f1b2cd0e11896ca.jpg

Utilizzando tecniche couture complesse e faticose, manodopera e artigianalità, tinture naturali e materiali riciclati, ho creato una collezione di abiti fragili, che hanno bisogno di attenzione e vanno maneggiati con cura. Abiti a cui ci leghiamo affettivamente, e a cui ci sentiamo connessi nel profondo, esattamente come dovrebbe essere la moda in senso lato,” ci ricorda Lisa.

e49e2cf82a4d1f70e45e5a4240449cf6.jpg

WOMENSWEAR

Lucy Saunders, BA (Hons) in Moda presso la Kingston School of Art, Regno Unito.

pjimage-3.jpg

La collezione finale di Lucy è interamente focalizzata sul riutilizzo dei tessuti da vela. L’obiettivo della designer è quello di prendere parte al movimento interno alla moda orientato verso l’upcycling creativo

pjimage-4.jpg

“Non solo sono visivamente attratta dalle vele, ma si tratta anche di oggetti che hanno vita molto breve, dato che solitamente vengono buttate se sono rotte o consumate.” Lucy ha dato a quei vecchi materiali una nuova vita, trasformandoli in abiti confortevoli con linee drammatiche, colori vibranti, layering intriganti e raffinati dettagli creati con le cime.

pjimage-5.jpg

MENSWEAR

Sofia Adell, BA (Hons) in Design della Moda presso lo IED Istituto Europeo Di Design Barcelona, Spagna.

pjimage-7.jpg

Titolo del progetto di laurea: SER

Il concetto Giapponese di ikigai--che significa “una ragione per esistere”--è al centro della collezione finale di Sofia, SER. Ogni capo è infatti stato creato utilizzando esclusivamente gli oggetti che sono stati parte della vita della giovane designer fino a oggi. Per esempio, le lunghe maniche e l’orlo dei pantaloni che strisciano sul pavimento sono il ricordo di suo nonno, mantenendo vivo la sua memoria attraverso la moda.

Sofia 3.jpg

“I colori neutri trasmettono il sentimento di malinconia del passare del tempo e dei cambiamenti permanenti,” spiega Sofia. “Ma, allo stesso tempo, è contrastato da un tocco di luce, che rimanda al desiderio di continuare a vivere, innovarsi, evolversi ed esplorare.”

pjimage-8.jpg

Qui puoi scoprire di più sugli altri partecipanti al Global Design Graduate Show di quest’anno.