Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura

Foto dalla manifestazione per l'approvazione del DDL Zan a Milano

Eravamo in 8000 a dirvi che sul DDL Zan non si fa un passo indietro: il tempo è scaduto ed è ora di prendere una posizione contro omotransfobia e abilismo.

di Gloria Venegoni
|
11 maggio 2021, 9:45am

Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura

“Questa non dovrebbe essere una battaglia di parte, stiamo parlando di vite delle persone, di persone che vengono bullizzate, discriminate, fatte oggetto di odio semplicemente per quello che sono, semplicemente perché esistono". —Alessandro Zan

Arriva dritto al punto Alessandro Zan, dal palco allestito da I Sentinelli di Milano all’ombra dell’Arco Della Pace in occasione della manifestazione di sabato 8 maggio a Milano per l’approvazione del DDL-Zan, il disegno di legge più famoso del momento, al centro di accesissime contese politiche.

Si tratta di un’estensione della legge Mancino—quella che punisce atti di odio su base razziale, etnica, religiosa o nazionale—per aggiungere come aggravante discriminazioni basate su sesso, genere, orientamento sessuale, identità di genere e abilismo. No, non si tratta di una riduttiva “legge del Pride”, ma di una legge a tutela di ogni persona vittimizzata sulla base di queste qualità, cisgender incluse—per quanto siano statisticamente meno rispetto a quelle subite dalla comunità LGBTQ+—e oggetto di aggressioni dirette all’esistenza dell’individuo, come a dire “tu non dovresti esistere.”

In piazza, sabato, eravamo in otto mila, col supporto di personalità quali Porpora Marcasciano, Susanna Camusso, Gaia Gozzi, Cathy La Torre, Jean Pierre Moreno e la moderazione di Daniela Collu e Carla Stracci. Questo è il tempo della mobilitazione, e il livello di partecipazione e rispetto dimostrato alla manifestazione di sabato scorso ne è una prova. Il tempo è scaduto davvero, ed è ora di prendere posizione contro omotransfobia e abilismo.

C’eravamo anche noi, in quella piazza, e ti raccontiamo, in foto, com’è andata:

flash mob durante manifestazione in supporto ddl Zanoli, foto di Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura
Mano rainbow alla manifestazione a Milano in supporto al ddl San, foto di Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura
Primo piano di Alessandro Zan alla manifestazione in sostegno al ddl Zan a Milano, foto di Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura
primo piano occhi molto truccati e mascherina, dalla manifestazione in sostegno al ddl Zan a Milano, di Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura
mascherina con muso di gatto, foto manifestazione ddl Zan, di Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura
toppa con pronomi he him his e capelli arancioni, dalla manifestazione in sostegno al ddl Zan a Milano, diLuca Santese, Marco P. Valli / Cesura
drag queen con occhiali da sole e foulard e parrucca bionda caschetto, dalla manifestazione in sostegno al ddl Zan a Milano, foto di Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura
collane con borchie catene e lucchetto dalla manifestazione in sostegno al ddl Zan a Milano, foto di Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura
make up nero estremo dalla manifestazione in sostegno al ddl Zan a Milano, foto di Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura
tatuaggio forbice dalla manifestazione in sostegno al ddl Zan a Milano, foto di Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura
trucco occhi rainbow con scritto gay pride dalla manifestazione in sostegno al ddl Zan a Milano, foto di Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura
scritta graffito odio, dalla manifestazione in sostegno al ddl Zan a Milano, foto di Luca Santese, Marco P. Valli / Cesura

Trovi il testo del Ddl-Zan qui. Preparati: sabato prossimo (15 maggio) e domenica (16 maggio) si torna in piazza in tutta Italia, partecipa alle manifestazioni, nel rispetto delle normative Covid-19.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Testo di Gloria Venegoni
Foto di Luca Santese e Marco P. Valli / Cesura

Leggi anche:

Tagged:
queer
LGBTQ
Politică
Fotografia
Cultură
ομοφοβία
manifestazione
abilismo
ddl zan