Pubblicità

le 7 migliori pubblicazioni indipendenti e zine del 2019

Fiera, mostra, salone. Abbiamo incontrato la curatrice di SPRINT Dafne Boggeri, per chiederle quali sono le pubblicazioni indipendenti e fanzine più interessanti del 2019.

di Alina Cortese
|
21 novembre 2019, 8:44am

Immagine su gentile concessione di SPRINT

Dicembre è ormai alle porte e, ormai da sette anni, un evento richiama gli appassionati di editoria indipendente a Milano: SPRINT.

Fiera, mostra, salone. Non è semplice descrivere SPRINT con una sola parola in quanto raccoglitore di eventi ed incontri che hanno come fil rouge l’editoria e la carta stampata.

Per tre giorni, dal 22 al 24 novembre, mostre e fiera si mescoleranno con talk e performance, portando in scena le pubblicazioni e i progetti più rilevanti della scena editoriale indipendente.

A Porta Venezia, allo Spazio Maiocchi e ad Artifact, spazi dedicati ad una ricerca trans-disciplinare e cross-mediale, co-fondati da Slam Jam e Carhartt WIP, si svolgerà la fiera SPRINT, in concomitanza con mostre, talk e performance. Invece, in zona Isola in Via Pastrengo, O’, sede dell'organizzazione no-profit O’ per la promozione delle ricerche artistiche fondata da Sara Serighelli e Angelo Colombo nel 2001, ospiterà la mostra A *New* Program for Graphic Design di David Reinfurt.

Abbiamo incontrato Dafne Boggeri, artista disegnatrice e curatrice di SPRINT, per chiederle di segnalarci le pubblicazioni indipendenti e fanzine più notevoli del 2019.

1. Archivio Magazine Torino

1574183394450-01_Archivio-Magazine-Torino

È un progetto recente, che mira a presentare il tema dell’Archivio, così attuale in ambito artistico e accademico, in modo sorprendente, osservando le storie dietro alle raccolte e scovando punti di tangenza con mondi paralleli o immaginari laterali, con una cura del contenuto e delle forma eccezionali. Parola d’ordine: avere tutt* un Archivio di Archivio!

The Unreal Issue è il titolo scelto per la quarta pubblicazione del magazine torinese.

In una società caratterizzata dal proliferare delle fake news, dei deep fake e dell’alterazione della realtà, l’esistenza dell’archivio diventa via via più fondamentale. Tra i progetti compresi segnaliamo quello di Claudio Majorana: una serie di fotografie, ritagli di giornale e rullini raccolti dal nonno di Majorana, anche lui di nome Claudio, compongono un archivio di famiglia unico che ha permesso al fotografo di ricostruire la vita del suo omonimo mai conosciuto.

2. COLORAMA Berlin

1574183428801-02_Clubhouse-13-by-COLORAMA-Berlin

Johanna Maierski, fondatrice di Colorama, è una ragazza appassionata di disegno e stampa che ha fondato a Berlino una piattaforma di incontro e produzione per una comunità di artisti con cui realizza anche la collana Clubhouse, totalmente stampata in Risograph (particolare tecnica nata in Giappone, negli anni ’80). Ogni serie, giunta al 13° volume, è prodotta da una session di lavoro collettivo della durata di un fine settimana. Sabato 23 NOV, dalle 18 alle 19, per la prima volta in Italia, Johanna Maierski ci parlerà dei suoi progetti nella sezione TALK di SPRINT a Spazio Maiocchi.

3. KLD REPRO Copenhagen

1574183460739-03_KLD-REPRO-Copenhagen


Kristian B. Johansson, insieme a Wilfred Wagner, sono i fondatori di KLD REPRO, un laboratorio di stampa che è anche uno studio in cui si realizzano edizioni d’artista. Per alcuni periodi, negli scorsi anni, Kristian ha soggiornato nella città di Yangon (Myanmar) in cui ha svolto ricerche sui metodi di stampa tradizionali e su come la tecnologia ne venga coinvolta, dal copy-shop di strada ad una fase più strutturata. Questo asse di esperienze incrociate, Copenhagen ⇄ Myanmar, ha dato vita a importanti materiali editoriali e d’archivio, che Kristian mostrerà in anteprima e di cui parlerà Domenica 24 novembre, dalle 18 alle 19, nella sezione TALK di SPRINT a Spazio Maiocchi.

4. LEONHARD LAUPICHLER Berlin

1574184423431-04_NEW-AESTHETIC-by-Leonhard-Laupichler

L’edizione NEW AESTHETIC, di Leonhard Laupichler, è la protagonista di Artifact c/o Spazio Maiocchi. Un’installazione site-specific che occuperà la caratteristica piattaforma metallica dell'ambiente, per far emergere i contenuti del libro. Leonhard ha selezionato e documentato una raccolta di 98 caratteri di stampa che si relazionano alla tipografia in modo emotivo, in cui il significante slitta verso un'espressività sentimentale evidente, oltre al significato che il testo stesso può avere. Questa meticolosa presentazione è condensata in un volume di 300 pagine pieno di collaborazioni, dal colore segnaletico giallo Simpson.

5. LEEBINSOYEON Seoul

1574184461047-05_Shape-of-Shame-by-LEEBINSOYEON-Seoul

È una giovanissima artista di Seoul che a SPRINT presenterà la pubblicazione autoprodotta in 200 esemplari Shape of Shame. Il tema della storia è la ‘vergogna’, analizzata in maniera poetica e sottile, da una passeggera sensazione di disagio per piccole esperienze quotidiane ad un sentimento più radicato, in cui aspetti come la società e l’educazione hanno un peso fondamentale. Lo stile del disegno di Leebin è estremamente curato e onirico, e si realizza a pieno negli effetti di trasparenza con ombre e sfumature evanescenti e vaporose. La stampa è Risograph anche se è interpretata in modo anti-RISO, senza dunque esaltare le caratteristiche del fuoriregistro/retino ma sforzandosi di ottenere un risultato lunare, quasi litografico.

6. VERA KING Gdańsk ⟨PO⟩

1574184482671-06_VERA-KING

Vera King è un’artista Polacca che abbiamo conosciuto attraverso le copertine dei dischi del gruppo femminista Siksa, che è stato recentemente ospite al Cinema Beltrade di Milano per TOMBOYS DON’T CRY. Vera si esprima con una forma minimale per una versione sagomata della realtà. Il suo background da tatuatrice la aiuta a condensare significati e forme che sembrano affiorare da una massa di ritagli e che portano con sé una forza primordiale prorompente. Per la prima volta in Italia, fra gli altri progetti, potremo vedere anche le edizioni dei suoi poster.

7. Collletttivo Milano

1574184559865-Screen-Shot-2019-11-19-at-182835

Nato come gruppo di condivisione di una tipografia open-source, Collettivo è una piattaforma di scambio ed incontro per tutt* gli appassionati del disegno e dei caratteri. Per SPRINT presenteranno alcuni progetti realizzati con il nuovo type Apfel Grotezk Brukt, una versione ecologica della font Apfel Grotezk Regular realizzata da Luigi Gorlero. Questo carattere sarà scaricabile gratuitamente dal sito collletttivo.it dal 22 novembre e permetterà di risparmiare il 18% di inchiostro della stampante.

A questo link potete trovare il font, collletttivo parteciperà anche attraverso un talk Domenica 24 novembre dalle 16 alle 17.

La settimana edizione di SPRINT si svolgerà dal 22 al 24 novembre 2019 a Milano presso O’, Via Pastrengo 12, e Spazio Maiocchi e Artifact, Via Achille Maiocchi 7. Tutte le informazioni qui.

L’edizione di questo anno è dedicata a La Pecora Elettrica, libreria antifascista situata a Centocelle, Roma.

Segui i-D su Instagram e Facebook

La scorsa edizione vi spingevamo a spendere tutto lo stipendio da SPRINT, per questa edizione ve lo consigliamo di nuovo:

Crediti

Testo di Dafne Boggeri e Alina Cortese

Tagged:
Collletttivo
VERA KING Gdańsk
LEEBINSOYEON
LEONHARD LAUPICHLER
KLD REPRO
COLORAMA
Archivio Magazine