Pubblicità

dior celebra le eroine di guerra

Per la S/S 20 Maria Grazia Chiuri si è ispirata a Catherine Dior, sorella di Monsieur Dior, deportata nel campo di concentramento di Ravensbruck perché membro della resistenza durante la Seconda Guerra Mondiale.

di Felix Petty
|
26 settembre 2019, 10:39am

L’ispirazione per questa stagione non è arrivata dall'archivio di Christian Dior. Nemmeno da quello di qualche altro genio creativo o maestro delle arti visive, come accaduto in precedenza sotto la supervisione del Direttore Creativo della Maison, Maria Grazia Chiuri. Per la Spring/Summer 2020, infatti, Chiuri ha scelto di esplorare la storia della sorella di Monsieur Dior, Catherine.

Catherine Dior è nata nel 1917 e fu parte attiva della resistenza francese durante la Seconda Guerra Mondiale. Per questo, fu deportata nel campo di concentramento di Ravensbruck. Dopo il conflitto, riuscì a tornare a casa e scelse di diventare una giardiniera. La sua professione, come anche il suo coraggio, forza e spirito di giustizia, hanno influenzato la progettazione della collezione S/S 2020 della Maison.

Quella che abbiamo visto in passerella è stata una collezione immensa, che ha usato l'idea di giardino come il punto di partenza per parlare di creatività, ambiente, femminismo, comunità, storia e passato dell'Europa. “Tutti noi vediamo il giardino dallo stesso punto di vista del Signor Dior,” ha detto Maria Grazia, prima della sfilata. “È sempre stato considerato un elemento decorativo. Io, invece, ho voluto spostarmi verso un concetto diverso, più semplice se vogliamo. Ho inteso il giardino come il luogo della speranza, come lo è stato per Catherine dopo la guerra.”

1569343632561-_FRE2753

Il primo elemento da analizzare era lo spazio stesso della sfilata: un’enorme foresta di alberi trapiantata in location grazie al lavoro degli attivisti del collettivo di giardinaggio Coloco, che Maria Grazia ha scoperto lo scorso anno a Manifesta 12 a Palermo. “Creano progetti comunitari in giro per il mondo e si impegnano a piantare alberi. Volevo fare un gesto che fosse attivo, un’azione vera e propria, così abbiamo creato uno spazio per la sfilata che potrà essere riciclato, perché a fine show questi 164 alberi saranno piantati in tutto il mondo. Volevamo fare qualcosa meno Dior, meno decorativo, più attivista, qualcosa in linea con la realtà contemporanea.”

Così, le modelle si sono inoltrate nella foresta di alberi provenienti da tutta Europa, con i capelli raccolti in quell'acconciatura che fa l'occhiolino a quella di una famosa Greta. I vestiti riprendevano look anni ’90, dai più formali ai più pratici. In apertura abbiamo visto camicie azzurro-cielo con gonne di raffia e abiti lunghi, così da esprimere una connessione tra la collezione e l'elemento della terra. C’erano anche motivi floreali, ma non banali, più fiori di campo che ampollose decorazioni a suon di petali di rosa. Le scarpe erano pratiche, adatte a passeggiare in mezzo alle foreste. Una sezione della collezione ha preso ispirazione dal movimento hippy, un’altra sembrava molto nouvelle vague, un’altra faceva riferimento a Catherine, ricordando i look anni ’40 del Signor Dior, un’altra ancora riprendeva la sua ossessione per il Giappone.

Per Maria Grazia, tutto ruotava intorno al concetto di “riflessione” — il giardino come uno spazio per l’individualità e la creatività, “passione e pazienza," come l'ha descritto lei. “Amo esprimere la mia creatività, i miei desideri, ma ci sono sempre molte contraddizioni. Vogliamo avere meno impatto sull’ambiente, eppure siamo una Maison di lusso. Come facciamo? Dobbiamo creare qualcosa senza tempo, ma credo anche, come designer, è importante fare delle domande, perché io non ho tutte le risposte.”

1569343678788-_FRE1403
1569343688628-_FRE1711
1569343696401-_FRE1883

Segui i-D su Instagram e Facebook

Volete rinfrescarvi le idee? Qui trovate il nostro report della prima sfilata Dior firmata Maria Grazia Chiuri:

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK

Tagged:
Paris
Dior
Paris Fashion Week
maria grazia chiuri
spring/summer 20
ss20