Pubblicità

gli scatti di sarah moon fermano lo scorrere del tempo

Non ci credete? Potete giudicare da voi, perché l'Armani Silos ospiterà una retrospettiva proprio in suo onore.

di Federico Rocco
|
20 settembre 2018, 10:53am

La fille de l'écluse. Fotografia di Sarah Moon, 1990.

Lo scorrere del tempo e le sue naturali conseguenze rappresentano il tema forse più discusso e dibattuto dall’alba dei tempi fini a oggi. Pochi possono affermare con sicurezza di aver sempre saputo gestire al meglio l'incedere dei giorni, o addirittura fermarlo in un istante, in un’immagine che abbia un significato duraturo. Che resti.

Coney Island by Sarah Moon, 2016.

Tra questi pochi c'è Sarah Moon. Fotografa pioniera di uno stile unico fin dagli anni '70 e da una Parigi letteralmente e letterariamente ribaltata dai moti giovanili del '68, Sarah Moon è riuscita nell’impresa più ardua per un fotografo: affermare un’estetica del tutto personale, che rendesse le sue immagini immediatamente riconoscibili. Senza troppi artifici. Ecco perché è stata immediata l’empatia, nata e cresciuta naturalmente in anni di collaborazione, con un altro pioniere dell'unicità: Giorgio Armani. A suggellare le loro affinità sarà la retrospettiva all’Armani Silos From One Season to Another, interamente dedicata al lavoro immaginifico della Moon.

La robe à pois by Sarah Moon, 1996.

Dalle celeberrime fotografie di moda a quelle di animali, di fiori e paesaggi industriali (meno note ma assolutamente esemplificative del lavoro dell’artista), la mostra al Silos riflette sullo scorrere del tempo e sulle domande che noi tutti ci poniamo in relazione all’atemporalitá ed evanescenza dell’arte, sull’effimero legato all’estetica. Un’estetica composta di ricordi e memorie, di "cartoline fantastiche o souvenir di un poetico altrove." E forse è proprio l’amore per la sottrazione e l’attaccamento all’essenziale hanno reso la simbiosi con il mondo Armani quasi fisiologica.

Le pavot by Sarah Moon, 1997.

Le immagini nebbiose e indefinite della Moon dialogano alla perfezione con gli spazi violenti e crudi, quasi brutali, del Silos; e proprio per questo parlano una lingua così forte, il cui unico strumento è la semplicità del messaggio a favore di un totale coinvolgimento del pubblico chiamato da sempre a interpretare e immedesimarsi nelle opere della Moon, così come negli abiti Armani.

La retrospettiva "From One Season to Another" sarà visitabile all’Armani Silos dal 19 settembre 2018 al 6 gennaio 2019. Tutte le informazioni le trovi qui.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Altra mostra a cui non vediamo l'ora di partecipare, però a Venezia:

Crediti


Testo di Federico Rocco
Immagini su gentile concessione di Armani Silos

Tagged:
Fotografia
armani silos
mostre a milano
SARAH MOON