il futuro acquatico e fluttuante di margot bowman

L'artista britannica presenta W.E.T. al nuovo SPAZIO RIDOTTO di Venezia, una video installazione che esplora i cambiamenti climatici sul mondo

di i-D Team
|
24 marzo 2015, 9:25am

In attesa dell'apertura della 56. Biennale d'Arte "All the World's Future", gli appassionati d'arte contemporanea possono visitare al nuovissimo SPAZIO RIDOTTO la mostra di Margot Bowman "W.E.T." curata dai nostri i-D contributors Gloria Maria Cappelletti e Fabrizio Meris.

Come meglio preparaci al tema della Biennale, dedicato al rapporto tra l'arte e lo sviluppo della realtà umana, sociale, politica, nell'incalzare delle forze e dei fenomeni esterni, se non con il lavoro di Margot Bowman? "W.E.T." esplora in chiave digitale l'impatto dei cambiamenti climatici sul mondo di oggi e guarda alle diverse realtà sociali nella prospettiva di un futuro in cui si sarà costretti a fare i conti con il riscaldamento globale.

Il progetto si divide in due fasi. La prima è costituita da un questionario distribuito attraverso il sito w-e-t.net che chiede ai partecipanti di riflettere sull'impatto sociale e politico dello stile di vita contemporaneo. 

Nella seconda fase le informazioni raccolte servono all'artista britannica come ispirazione per immaginare il modo in cui verrà creato questo nuovo mondo fluttuante acquatico e le comunità future che lo abiteranno.

Il risultato finale e' una complessa video installazione, visitabile dal 25 Marzo al 26 Aprile presso SPAZIO RIDOTTO, in Calle del Ridotto 1835 San Marco a Venezia

spazioridotto.com

Crediti


Immagini e Video Courtesy dell'Artista e Gloria Maria Gallery

Tagged:
Venice
Wet
arte
Margot Bowman
Cultură
venezia
Biennale
fabrizio meris
gloria maria cappelletti
biennale arte
spazio ridotto
zuecca projects