10 cose che dovete sapere su matilda lutz

Abbiamo incontrato la giovane attrice italiana che vive a Los Angeles per parlare di sogni, passioni, di Gabriele Muccino e dell'ultimo film di cui è protagonista, L'Estate Addosso.

di Cecilia Broschi
|
14 settembre 2016, 9:00am

In occasione dell'uscita dell'ultimo film di Gabriele Muccino, L'Estate Addosso, proiettato oggi per la prima volta nelle sale cinematografiche italiane, abbiamo avuto il piacere di conoscere meglio Matilda Lutz, una delle protagoniste del film. Matilda è una giovane attrice italiana che dopo aver studiato recitazione a Milano con Michael Rodgers, si è trasferita a Los Angeles per continuare gli studi con il maestro Larry Moss. A soli 24 anni ha avuto la possibilità di sperimentare il cinema italiano e americano recitando in film come Rings e L'Universale. Forse il suo viso vi sembrerà familiare in quanto è anche stata una dei volti della campagna primavera/estate 16 di Miu Miu fotografata da Steven Meisel. Prima di farvi trasportare dalla trama del film e dalla colonna sonora firmata Jovanotti scoprite qui sotto 10 cose che ancora non sapete sull'attrice.

1. Il film parla d'estate ma lei ha avuto solo pochi giorni di vacanza, al contrario della protagonista...
Prima di recarmi a Venezia ho avuto solo quattro giorni di vacanza, ho approfittato del fatto di essere in Italia e ho fatto un viaggio in macchina. Una notte a Matera, poi giù verso il Salento... L'ultima notte l'ho trascorsa a Ostuni. L'Italia è sempre l'Italia... Che bella! Ho una cosa in comune con la protagonista però: pensare di avere sempre il controllo su tutto e poi scoprire che le cose non vanno mai come da programma. Sono un po' nerd in questo.

2. Lavorare con Muccino ti forma come attrice...
"È un regista onesto, sa esattamente cosa vuole dai suoi attori e non si risparmia mai nel tirarti fuori ciò che vuole da te. È empatico, sente le emozioni di ogni personaggio, femminile o maschile che sia, e riesce sempre a trasmettertele."

3. Nata in Italia, ha un cognome straniero e vive a Los Angeles...
"Da piccola ero un po' persa. Il mio cognome è tedesco, mia nonna è austriaca, il papà americano e la mamma italiana. La mia famiglia è in giro, sparsa per il mondo. Quando mi chiedevano 'Sei Italiana?' rispondevo di si. 'Sei Americana?' 'Sì' spesso mi chiedevano se mi sentivo più italiana o più americana, io non lo sapevo e andavo in confusione, avrei voluto rispondere con un 'Boh'. È cosi tutt'ora, ma ora l'ho accettato. Sono un po' di tutto, forse potrei definirmi cittadina del mondo." 

4. Per lei vivere a Los Angeles è sempre una scoperta...
"Non è la mia città, ci vivo da poco e sto ancora scoprendo tante cose. Una delle cose più belle di LA è l'avere e poter cambiare stili di vita in un'unica città. Ogni quartiere - Silver Lake, Santa Monica, Beverly Hills, Venice Beach - offre qualcosa di diverso. E poi che dire...È estate tutto l'anno! Il bel tempo aiuta. Devo ammettere che una volta che mi sono trasferita negli Stati Uniti ho riscoperto i pregi e la bellezza dell'Italia, che prima davo per scontate.

5. Oltre alla recitazione ha un sacco di altre passioni.
"Adoro leggere, viaggiare, surfare, cantare e fare boxe. Mi piace provare cose nuove e mettermi alla prova con cose che non ho mai fatto prima. L'ultima novità è che ho iniziato rock climbing per esempio."

6. Il suo lavoro ha aspetti positivi e altri più difficili da affrontare...
"Una delle cose che preferisco è il poter viaggiare, scoprire e vivere con gli occhi di una del posto città, paesi e continenti nuovi. Mi piace studiare mille personaggi diversi, conoscere culture, lingue, emozioni, abitudini locali. Non si smette mai di imparare. La difficoltà è soggettiva, di solito è difficile quello che non siamo capaci di fare. Per me la difficoltà più grande è parlare in pubblico, fare interviste o conferenze, ma ci sto lavorando!"

7. Avendo fatto esperienza di entrambe, secondo lei ci sono pro e contro sia nel cinema italiano che in quello americano...
"Innanzitutto andrebbe fatta una distinzione tra grandi produzioni e film indipendenti. Ho notato che negli Stati Uniti c'è molta più pressione, forse per il fatto che anche quando si tratta di un film a basso costo si parla comunque di 10 milioni di dollari. Ma comunque non ho preferenze, e non voglio fermarmi a recitare in italiano e in inglese. Un giorno mi piacerebbe interpretare una donna francese o un'agente segreto russo."

8. Attrici e film l'hanno fatta appassionare a questo lavoro...
"La mia attrice modello è Valeria Golino, ma ce ne sono tante altre tra cui Meryl Streep, Monica Vitti, Marilyn Monroe, Michelle Williams. E poi tantissimi film! Tra i miei preferiti ci sono La scelta di Sophie, Léon, Vacanze Romane e Mommy."

9. Alle giovani ragazze che vogliono fare le attrici consiglia...
"Il primo consiglio è di provare sulla propria pelle le difficoltà perchè sono proprio quelle che fanno crescere e imparare. Di non buttarsi giù quando si sbaglia, ma di imparare da questi sbagli e usarli come lezione per delle situazioni future. Ma soprattutto di ascoltare, tappandosi le orecchie. Tante persone, spesso anche familiari e amici, vogliono darti consigli, ma la verità è che nessuno sa, perchè non esiste giusto o sbagliato. Segui il cuore e l'instinto e tutto andrà come deve andare. Ovviamente non smettere mai di studiare, il lavoro e l'impegno sono indispensabili." 

10. Un giorno vorrebbe tornare in Italia...
"In un futuro mi piacerebbe vivere in Puglia, anche se per ora sto bene a Los Angeles. Mio fratello Martin vive a cinque minuti da me, la mia migliore amica a due passi e vivo con un ragazzo Italiano. Per ora non mi manca nulla proprio perchè abbiamo la nostra piccola comunità italiana lì a LA. Comunque ho la fortuna di tornare in Italia di tanto in tanto a trovare la mia famiglia e i miei amici." 

Crediti


Testo Cecilia Broschi
Foto Leco Moura
Un ringraziamento speciale a D'Management Group Milan

Tagged:
Cultură
Italia
L'Estate Addosso
Gabriele Muccino
cecilia broschi
matilda lutz