basquiat e warhol in mostra a mantova

Mantova Outlet Village e ONO arte contemporanea presentano una mostra che narra la storia di due grandi personalità dell'arte, il cui rapporto travolgente fu destinato a sgretolarsi nel tempo.

|
09 gennaio 2017, 9:55am

L' incontro casuale tra i vicoli di Manhattan ha forgiato uno dei sodalizi più importanti e drammatici della storia dell'arte contemporanea, quello tra Andy Wahrol e Jean Michel Basquiat. ONO arte contemporanea e Mantova Outlet hanno deciso di raccontare la loro storia, attraverso una mostra fotografica intitolata Andy Warhol e Jean-Michel Basquiat - Dalla Pop Art alla Street Art; dove 36 scatti di diverso formato, illustrano l'amicizia più controversa del XXI secolo.

L'esposizione, inaugurata l'8 gennaio 2017 dalla storica d'arte Daniela Sogliani, oltre al rapporto tra Warhol e Basquiat darà voce agli animi tumultuosi vissuti negli anni rivoluzionari della Factory, abbagliati dalle luci di Manhattan e da locali come il Club 57, luoghi underground e gallerie di sperimentazione dove è nata la vera essenza del pop.

Negli anni '60 l'artista fondò la Factory, un paradiso artificiale che dava ai talenti la possibilità di esprimere la loro creatività liberamente. Musica, pittura, fotografia, performance: l'energia di Warhol e dei suoi seguaci avanguardisti iniziò a riversarsi per le strade di New York e tra i vicoli di Manhattan. È proprio qui che avvenne il leggendario incontro con il giovane graffittista, che all'epoca aveva 17 anni e operava nel duo SAMO insieme all'amico Al Diaz.  

I due iniziarono a lavorare in simbiosi nella produzione di alcune opere a quattro mani primitive e profondamente istintive e collaborarono fino alla morte di Warhol avvenuta nel 1987, che sconvolse profondamente Basquiat e lo fece entrare in un circolo di autodistruzione, tra droga e problemi di salute mentale. Il giovane artista è morto prematuramente di overdose nel suo appartamento a New York il 12 agosto del 1988. Oggi è considerato il genio fondatore della Street Art che ha portato il graffitismo nelle gallerie d'arte, chiudendo in bellezza l'epoca aurea dell'arte contemporanea. 

Crediti


Testo Marica Bartoli
Foto su gentile concessione di Mantova Outlet Village