7 fashion moment iconici delle Bratz

Non puoi parlare di stile Y2K senza parlare di Bratz.

di Francesca Petroni
|
21 maggio 2022, 4:00am

Dai look di Euphoria allo scrolling su Depop, dalle revival challenge anni ‘00 su TikTok all’hashtag Y2K su Instagram con più di 3 milioni post, gli anni Zero sembrano pervadere l’immaginario estetico di Gen Z e Millennial. Nostalgia a parte, chi ha vissuto la propria infanzia in quegli anni ha stipato nel proprio bagaglio culturale riferimenti iconici, a tratti mitici, che per qualcuno sono state le W.I.T.C.H., per qualcun altro Metal Slag, e per qualcun altro ancora le Bratz. E anche se in quegli anni non c’eri ancora, l’influenza di questi fenomeni è stata tale da protrarsi trasversalmente lungo le generazioni, impattando anche te.

Le Bratz, nello specifico, hanno rivoluzionato il mondo dei giocattoli, facendo la loro comparsa sul mercato il 21 maggio 2001 e spodestando a gamba tesa la storica e noiosa Barbie. Il resto è storia. A crearle fu il disegnatore, ormai miliardario, Carter Bryant. Nel 2000 incontrò Isaac Larian, direttore della MGA Entrateinment, per mostrargli i suoi bozzetti. Queste bambole piacquero moltissimo alla figlia di Larian, tanto convincerlo a metterle in produzione.

Caratterizzate dalle sproporzioni dei corpi e dei visi, marcatamente irrealistici, con labbra giganti, nasi piccoli, teste enorme, corpi sottili, gambe lunghe e longilinee che terminavano in piedi enormi, indossavano sempre look pazzeschi, bold e curati nei minimi dettagli. Le prime Bratz messe in commercio con il claim “Fashion for passion” furono Cloe, Sasha, Jade e Yasmin, con quell’aria da bad girl ispirata a Britney, alle Spice, a Beyoncé e a tutte le queen della scena pop del momento, ribaltando la classica idea della bambola principessa ingenua e indifesa e costruendo un nuovo immaginario, assertivo e cool. Qualche anno dopo, alle quattro sono state aggiunte altre varianti, le Lil Bratz, le Bratz Babyz, svariati cuccioli di peluche e i Bratz Boyz. No, non hanno niente a che fare con l’insipido Ken. Esattamente come le Bratz, ciascuno di loro manifesta una personalità delineata, curati nei minimi particolari, dagli occhiali da sole, alla bandana, fino alle scarpe platform.

L’apice del successo della Bratz viene toccato nei primi anni ‘00, quando spopolarono, vinsero numerosi premi e ne furono venduti milioni di pezzi in Europa e negli Stati Uniti. Le Bratz dominavano ufficialmente il mercato delle bambole. Col successo, però, arrivano anche le critiche, che consideravano il giocattolo diseducativo, in quanto avrebbe incoraggiato uno stile di vita considerato controverso e dannoso per l’infanzia, e veicolato un modello estetico femminile malsano e tossico, improntato su magrezza assoluta e teste esageratamente grandi, sinonimo di un fisico irrealistico e di un messaggio ancora più problematico in un momento storico in cui i disordini alimentari in età adolescenziale hanno raggiunto il picco.

Intanto, le Bratz hanno dato vida ad altri personaggi, cartoni animati, film, videogiochi, canzoni e una sconfinata serie di merchandising. Con una costante: look pazzeschi. Qui abbiamo individuato i 7 più iconici.

Bratz i-Candy

Collant colorati, crop top sopra a maglie aderenti. Palette arancione, fucsia e verde. Scarpe in PVC, super mini con tasconi. Ed ecco il look iconico di una delle prime edizioni delle Bratz lanciate sul mercato.

Bratz Treasures Sasha

Lanciata nel 2005, Treasures è la serie di look rock'n'roll, dotata di un kit di accessori per passare dalla notte al giorno in un attimo. Bandana, borsa viola bucherellata e teschio in vista aggiungono all’outfit quel tono sassy tipico di Sasha.

Bratz Dynamite Nevra

Il look di Nevra per la linea Dynamite ci riporta incredibilmente a oggi. Iper contemporaneo, ci fa pensare che Balenciaga non ha inventato niente di nuovo con rispetto a questi super stivali.

Bratz Sweetheart Meygan

Romantico e scintillante, questo look mixa in modo incredibile denim e animalier. La borsa gioiello, totalmente decontestualizzata, tradisce l’essenza di questo look: “perfetto per ogni occasione”.

Bratz Space Angelz Pop Starz

La linea delle Bratz Space Angelz Pop Starz nasce per celebrare l’ovvia popolarità della gang di bambole, che culmina nell’uscita di un vero e proprio singolo: Bein’ Who We Are. Futuristi e all’avanguardia, abbinamenti alieni, makeup e capelli decisamente audaci, tra cui spicca il rossetto a scacchiera, questi look ti fanno venire voglia di fondare una girl band ora.

Bratz Midnight Dance

Le regine della notte si mascherano, vivono e osano. Tulle, gonne indossate sopra i pantaloni, corsetti e choker mettono insieme uno stile gotico e un po’ dark. La Avil di quel tempo ne andrebbe sicuramente fiera.

Bratz Step Out!

Step Out! nasce in occasione del quinto anniversario delle Bratz. Un classico denim che unisce e accomuna, top scollati e jeans a vita bassa, un po’ la versione Carrie Bradshaw, funziona sempre.

Crediti

Testo: Francesca Petroni
Artwork cover: Elisa Paiardi

Leggi anche:

Tagged:
Y2K
anni '00
Trend
Μόδα
bratz