Alla ricerca della spensieratezza perduta con la nuova campagna Nike "Play New"

Sbagliando si impara, e non è mai stato così vero.

di Carolina Micella
|
10 maggio 2021, 11:50am

Se c’è qualcosa che quest’anno ci ha insegnato, è che solo chi sa mettersi in gioco può evolversi e, perché no, stravolgersi, intraprendendo nuove strade e aprendosi a prospettive inaspettate. Reinventarsi è la parola chiave che abbiamo imparato per contrastare la staticità di questi ultimi mesi, ed è uno stimolo alla vita di cui fare tesoro, da custodire anche quando tutto questo sarà finito. Perché è proprio questo l’impulso che spinge a dare sempre di più, a cambiare prospettiva ed essere aperti ad accogliere il nuovo senza paura. L’alternativa? Un destino fatto di amarezza, rimorso e frustrazioni.

Mettersi in gioco in questo senso, significa anche un po’ tornare bambini, recuperare quell’atteggiamento impulsivo, quella sana inconsapevolezza e quella libertà genuina che ci fa mettere da parte per un attimo le paure che la vita, a furia di porte chiuse in faccia, consolida sempre di più, finendo con l’inibirci. Ed è proprio questa dimensione di leggerezza e spensieratezza che vuole invitarci a ritrovare la nuova campagna di Nike Play New, dimostrando proprio che, per quanto più cresciamo e meno siamo disposti a rischiare, lo sport non ha età, e non smetterà mai di essere quell’atto liberatori e istruttivo che ci ha fatto crescere e continua a farci maturare.

Portavoce della campagna sono atleti di spicco di discipline diversissime, tra cui la cestista Sabrina Ionescu, la sprinter Dina Asher-Smith e l’atleta paralimpico Blake Leeper. Sono loro a celebrare lo sport inteso come pratica che ci insegna a provare, a sbagliare, a rialzarci e a metterci in gioco sempre e comunque. E ci dimostrano tutto questo in prima persona: per la campagna Nike Play New ciascun atleta si è ritrovato a svolgere uno sport totalmente lontano dalla propria disciplina, riscoprendo quella gioia spontanea dell’apprendimento, che significa poi conoscenza di sé e dei propri limiti, ma anche quel lieve imbarazzo dell’imprecisione e dell’errore da cui non c’è che imparare.

Ma Nike si spinge ancora oltre, coinvolgendo nel progetto Play New non solo atleti ma anche un’artista, la musicista Rosalía, quasi a sottolineare che non serve essere dei campioni in qualche sport per dedicarsi a un pomeriggio sportivo liberatorio in cui rilasciare tutte le nostre endorfine. Riscoprirsi imperfetti e umani è da sempre un punto focale per Nike, condizione sine qua non per avere un rapporto onesto con se stessi e gli altri in tutte le dimensioni della vita, dentro e fuori la sfera sportiva.

Campagna 2021 Nike Play New
Campagna 2021 Nike Play New con Blake Leeper
Ragazzo in bicicletta per la campagna 2021 Nike Play New
Campagna 2021 Nike Play New con Dina Asher-Smith
Campagna 2021 Nike Play New con Sabrina Ionescu
Campagna 2021 Nike Play New con Dina Asher-Smith
Campagna 2021 Nike Play New con Sabrina Ionescu

Crediti

Testo di Carolina Micella
Immagini Courtesy di Nike

Leggi anche:

Tagged:
nike
 sportwear
play new
campagna nike 2020