Cosa vale la pena guardarsi su Netflix a marzo

Qualche parola random per convincervi a passare anche il prossimo mese sul divano: Studio Ghibli, Shia LaBeouf, Freud e il Canaro della Magliana.

di Benedetta Pini
|
27 febbraio 2020, 9:33am

Frame dal film "La città incantata"

Siamo barricati in casa da quasi una settimana; niente teatro, cinema, concerti, aperitivi, birrette, serate, eventi. Le misure preventive per contrastare la diffusione del Coronavirus hanno gettato l'Italia nel panico, scatenando episodi di psicosi collettiva e generando nella collettività paranoie infondate di fronte a una situazione che richiederebbe invece il massimo della lucidità e dell'impegno civile. Di fatto, la sensazione è quella di essere stati gettati nel bel mezzo di un film post apocalittico in cui nessuno se la sente di uscire di casa. Ed è tutto davvero strano.

Ma uno degli effetti collaterali di questa situazione è che finalmente siamo tutti assolti peso delle ansie sociali e dal senso di colpa che in fondo tutti proviamo quando decidiamo di stare a casa sul divano invece che uscire; quando ogni giorno sembra ci sia almeno evento irrinunciabile a cui andare, pena la gogna sociale.

Tutto questo ci porta a una ovvia conseguenza: mentre un numero consistente di attività rischia il fallimento, Netflix sta forse vivendo il suo momento di massima ascesa. Perché se siamo tutti costretti a stare ai domiciliari -- o comunque è vivamente consigliato --, non ci resta che loggarci sulla piattaforma e recuperare i titoli della nostra watchlist.

Ma se avete voglia di qualcosa di nuovo o siete dei fruitori seriali di film e serie TV e siete arrivati a un punto morto nelle vostre idee, eccovi un elenco bello sostanzioso di nuovi arrivi.

Studio Ghibli (1 marzo)

La città incantata
La principessa Mononoke
Nausicaä della valle del vento
La Storia della Principessa Splendente
La ricompensa del gatto
La storia infinita

Come vi avevamo accennato, man mano stanno arrivando su Netflix (quasi) tutti i film dello Studio Ghibli. Una delle poche notizie positive di questi giorni è proprio che il 1 marzo potremo vedere tre delle opere di Miyazaki più belle di tutte. Ma non solo, perché arriveranno anche La ricompensa del gatto, film firmato da Hiroyuki Morita ma sempre prodotto dallo Studio Ghibli. E poi La Storia della Principessa Splendente, anime diretto e prodotto dal co-fondatore dello Studio Ghibli Isao Takahata. Altro regalo del mese: La storia incantata, che insieme ai gioiellini targati Ghibli riuscirà ad alleggerire il mood angosciante e claustrofobico si questi fiorni.

I nuovi mostri (1977) - 1 marzo

Film collettivo a episodi diretto da Mario Monicelli, Dino Risi ed Ettore Scola, è una sorta di sequel de I mostri (1963) di Dino Risi che racconta i vizi dell'Italia di fine anni Sessanta, con un registro tra il violento, il comico e il tragico e uno sguardo spietatamente cinico, che dipingono una progenie di individui esecrabili e moralmente riprovevoli. Un film d'obbligo per scoprire il grande cinema nostrano e riflettere sull'Italia di oggi.

Lock & Stock - Pazzi scatenati - 1 marzo

Film meno conosciuto di Guy Ritchie, che raggiungerà il mercato internazionale solo con Snach - Lo strappo nel 2001, Lock & Stock è una commedia ironica e politicamente scorretta che richiama l’atmosfera cupa di film come Trainspotting (1996) e This is England (2006). Angolature estreme, colonna sonora intensa, a tratti quasi inquietanti, e ritmo frenetico sono la cifra stilistica del regista, che questa volta racconta le vicende di quattro ragazzi che vogliono vincere al gioco contro un gangster. Come prevedibile, le cose iniziano a mettersi male, ma a quel punto, invece di battere in ritirata, continuano col loro piano rischiando tutto, finendo in un folle loop di truffe senza via di uscita.

Love Story - 1 marzo

Commedia romantica cult degli anni '70, il film racconta della storia d'amore tra due studenti di Harvard, il ricco Oliver, ragazzo tra i più popolari dell'università, e Jennifer, una ragazza semplice e di famiglia umile. I due superano le differenze sociali, la disapprovazione della famiglia di lui, che li costringe a duri sacrifici per poter sbarcare il lunario, e mille altre difficoltà, ma la vita continua a metterli di fronte a drammi e sofferenze, finché non arriva la notizia più struggente di tutte, contro la quale si rimane inermi, impotenti. Non aspettatevi niente di eccezionale, perché si tratta di una storia d'amore lineare tutta incentrata sui sentimenti, ma è l'ideale se siete soli la domenica pomeriggio e cercate empatia per i vostri drammi amorosi. Preparate i fazzoletti, perché ne potreste uscire davvero a pezzi.

Film cult da rivedere

The Truman Show - 1 marzo
Suspiria (1977) - 1 marzo
Un giorno di ordinaria follia - 1 marzo

Una tripletta di film molto diversi tra loro, accomunati dal fatto che non hanno bisogno di presentazioni. The Thruman Show per gli irriducibili idealisti; Suspiria per chi cerca una dimensione altra e disturbante; Un giorno di ordinaria follia se volete passare un paio d'ore in un universo dove dominano l'assurdo e il nonsense.

Dogman - 3 marzo

Nel 1988 Pietro De Negri uccide l'ex pugile Giancarlo Ricci, dichiarandosi colpevole con una testimonianza in cui racconta di averlo sottoposto a torture disumane, per poi venire smentito dall'autopsia. Soprannominato il Canaro della Magliana, ha catalizzato l'attenzione dei media, che ne hanno esasperato il sensazionalismo insistendo sui dati più macabri della dinamica. Garrone spoglia la vicenda di questo fascino perverso e restituisce il contesto di disagio, sopraffazione, disperazione e abusi in cui hanno agito vittima e carnefice, ambientando il tutto nella desolazione di Castel Volturno. Un film tragico nel vero senso della parola.

Guilty - 6 marzo

Come reagireste se il vostro fidanzato venisse accusato di stupro e si dichiarasse innocente? A complicare ulteriormente il quadro, la denuncia viene esposta dalla weirdo della scuola e l'accusato è il tipico ragazzo popolare e sicuro di sé. Tra moventi, desideri reconditi, voglia di rivalsa, dove sta la verità e dove la menzogna? Un film prodotto da Netflix India che vi costringerà a mettere in discussione tutti i vostri pregiudizi.

100 Humans - 13 marzo

100-humans-netflix-uscite-marzo-2020

Immaginate di prendere 100 persone diversissime tra loro per sesso, ceto sociale, etnia, religione, cultura, provenienza geografica e riunirle tutte nello stesso spazio, per sottoporle a una serie di esperimenti sociali Ecco, è da qui che parte questa nuova serie tv targata Netflix. Non sappiamo cosa aspettarci, ma l'obiettivo è quello di fare emergere riflessioni sull'età, il sesso, la felicità e altri tasselli che compongono l'esistenza umana.

Lost Girls - 13 marzo

Una madre alla ricerca incessante e disperata della figlia scomparsa, quando anche le forze dell'ordine sembrano essere scettiche sull'esito positivo dell'operazione. Ma non è il primo e unico omicidio rimasto irrisolto nella zona. Sulle isole di South Shore di Long Island il cosiddetto serial killer di Long Island sta uccidendo un numero crescente di giovani sexworker, e le due storie sembrano intrecciarsi sempre di più. La situazione si fa torbida e contorta, un po' alla Twin Peaks, con la differenza che è tratto da una storia vera avvenuta nel 2010.

American Honey - 17 marzo

La poco più che adolescente Star è un'adolescente ribelle dallo spirito libero e solare, segnata da un tormentato passato di abusi. Per questo decide di lasciare la famiglia, lasciandosi alle spalle un padre violento, una madre assente e due fratellini che non hanno fatto niente per meritarsi questa situazione. Si unisce a un gruppo di ragazzi come lei, che vivono alla giornata vendendo porta a porta abbonamenti a riviste, in un loop continuo di stasi senza passato né futuro. Senza vincoli, obblighi o responsabilità, si mettono in viaggio attraverso il Midwest e per sopravvivere senza lavorare o scendere a compromessi con le aspettative della società, scelgono la facile via dell'illegalità, avendo come unico credo il divertimento più sfrenato. Un road movie tra drammi, amori e delusioni che ritrae la generazione successiva a Larry Clark, l'AIDS, il punk, la rabbia giovanile, le rivendicazioni e l'utopia della rivoluzione sessuale, restituendo un quadro disilluso del sogno americano e della sottocultura americana degli anni '80.

Feel Good - 19 marzo

Mae Martin nei panni di... Mae Martin, la comica canadese ex tossicodipendente che con i suoi spettacoli e la sua stessa vita ha sempre messo in discussione ogni categorizzazione e aspettativa della società. La protagonista della serie è infatti una stand-up comedian in ascesa da poco trasferitasi a Londra, che proprio come Mae Martin costruisce i propri spettacoli traendo ispirazione dalle proprie folli vicende personali, tra dipendenze, eccessi, sessualità e romanticismo esacerbato. Una serie tv divertente e leggera che riflette sull'amore e il bisogno spasmodico di affetto; molto relatable.

Self Made: Inspired by The Life of Madam C.J. Walker - 20 marzo

Self-Made-Inspired-by-The-Life-of-Madam-CJ-Walker-uscite-netflix-marzo-2020

Sarah Breedlove, nota come Madam C. J. Walker, (23 dicembre 1867 - Irvington, 25 maggio 1919), è stata un'imprenditrice, filantropa e attivista statunitense, ma non è nota esattamente per questo motivo: è stata la prima donna americana a diventare milionaria senza l'aiuto di nessuno. L'attività che l'ha portata a questo successo è stata lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti per capelli dedicati alle donne nere. Se volete capire che cos'è davvero il femminismo e che cosa significa essere una persona emancipata, guardatevi assolutamente questo documentario, e prendete appunti.

Freud - 23 marzo

Tra film e romanzi, Freud è stato raccontato un po' in tutti i modi e proporre l'ennesima rivisitazione della sua figura con uno sguardo che sia davvero innovativo è difficile, ma Netflix ci prova lo stesso. Un giovanissimo Sigmun Freud si mette sulle tracce di un serial killer nella Vienna del XIX secolo, facendo squadra con una medium e un investigatore della polizia veterano di guerra. Osteggiato dai colleghi e dalla società per via delle sue teorie rivoluzionarie e anticonvenzionali, sarà lui ad avere in mano le sorti dell'Austria, stretta nella morsa di una cospirazione omicida. Un thriller che prende la storia vera vi infonde pesanti dosi di romanzo, avendo come modelli titoli come Mindhunter e The Alienist. Vogliamo dargli fiducia, ma staremo a vedere.

Eighth Grade - 31 marzo

Il liceo fa schifo praticamente a tutti, e anche chi ne è uscito illeso proverà sicuramente delle emozioni per lo meno contrastanti nel guardarsi indietro e ricordare com'era la vita nel pieno di quel momento tanto cruciale quanto complesso del passaggio di maturazione verso l'età adulta. Per questo Eight Grade è così relatable: perché parla di e con ciascuno di noi, instaurando un dialogo con quella nostra parte adolescenziale che credevamo di esserci lasciati alle spalle ma che fa ancora parte di noi, con tutto il bagaglio di insicurezze che ci portiamo ancora dietro mentre cerchiamo di imparando a gestirle. Restituire quel disagio adolescenziale senza banalità non è facile, ma Eight Grade riesce a farlo come la migliore tradizione del coming-of-age, mettendo in gioco tutte le sfide reali, strazianti e dolci che pertengono all'esplorazione di sé, della sessualità e delle passioni.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Leggi anche

Crediti

Testo di Benedetta Pini

Tagged:
cinema
Netflix
Marzo
nuove uscite
Studio Ghibli
serie tv netflix
cosa guardare