Pubblicità

sin dal 1970 l'adolescenza affascina i più grandi fotografi

The Teen Years, una mostra collettiva che si terrà in California, spazia tra i decenni attraverso gli occhi di diversi artisti per ritrarre con eleganza la complessità dell'adolescenza.

di Emily Manning
|
04 agosto 2016, 1:08pm

Joan Albert, Martin, July 1980

Sappiamo tutti delle difficoltà che i giovani affrontano durante la crescita: ognuno vive l'adolescenza in mondo diverso, colorandola di vicende familiari più o meno complesse, problemi con la propria sessualità, gender ed etnia, o con il modo di esprimere e accettare se stessi. È dunque normale che molti fotografi trovino gli anni dell'adolescenza assolutamente d'ispirazione per molte delle loro fotografie. Dai Tulsa kids di Larry Clark alle camere da letto adolescenziali ritratte da Adrienne Salinger, alcune delle foto più rappresentative degli ultimi anni sono state scattate in camere da letto e sedili posteriori di qualche auto, in quel luogo a metà tra il trovare te stesso e la strada giusta da intraprendere.

Elaine Mayes, Haight Street, 1968

The Teen Years, una mostra collettiva che si terrà alla Joseph Bellows Gallery a La Jolla, California, riunisce immagini che catturano l'evoluzione dell'adolescenza decennio dopo decennio. All'inizio degli anni '60, Edward Sturr ha fotografato la cultura del tuning e i ragazzi da Coney Island a Chicago. Queste foto sono affiancate dalla visione poetica di Mark Steinmetz, scattate 40 anni dopo Hightway 441. The Teen Years documenta le prom night a Detroit, i ragazzi di strada di Haight-Ashbury e i campeggi estivi di South Boston. Le immagini vintage e allo stesso tempo contemporanee costituiscono un ritratto onesto dell'adolescenza. 

Mark Steinmetz, Highway 441, Georgia/North Carolina Stateline, 1997

Le immagini della mostra potrebbero sembrare familiari ad alcuni lettori di i-D, come quelle di Bill Yates sui ragazzi di periferia che si riunivano al Sweetheart Roller Rink di Tampa all'inizio degli anni '70. In quegli anni Bill era uno studente che passava le sue estati studiando e lavorando come assistente dell'iconico fotografo Garry Winograd. Al suo ritorno al college a settembre cercava disperatamente dei soggetti da scattare e in quel momento scoprì una pista da roller in legno costruita negli anni '30. Per gli adolescenti del sud della Florida quello era il luogo dove cercare la propria identità e sperimentare con la loro sessualità e il loro stile in un'America in mutamento.

Christine Osinski, Two Girls with Big Wheels, 1983-84

La mostra include anche immagini della periferia scattate della fotografa Christine Osinski a Staten Island nel 1980. Dopo che Osinski si trasferì da Manhattan ai margini della città iniziò a portarsi dietro una fotocamera gigante con lo scopo di scoprire le aree circostanti nei caldi mesi estivi. Invece dei pazzi pendolari di Manhattan, Osinski scoprì una comunità di adolescenti della classe operaia nelle strade deserte di Staten Island. "C'è qualcosa da dire sulla gioventù," dice Osinski, "Anche la foto più triste se è di un ragazzo giovane porta con se un senso di speranza, una speranza che guarda nel futuro."

Michael Mulno, untitled, from Young People, 2010

Crediti


Testo Emily Manning 

Tagged:
america
larry clark
Cultura
Foto
Adrienne Salinger
Bill Yates
adolescenti
christine osinski
gioventù