Pubblicità

mykki blanco ci ha parlato del suo primo album e della sua collezione di parrucche

Finalmente Mykki Blanco è in Italia! Questa sera si esibirà infatti all'Hilton Club di Milano, una delle sei città scelte per presentare il suo nuovo mixtape "Gay Dog Food". Così mentre ci prepariamo a ballare tra i grattacieli di Porta Nuova, qui...

di i-D Team
|
12 novembre 2014, 12:50pm

Mykki Blanco by Bruno Staub

Mykki Blanco non aveva intenzione di diventare seriamente una rapper. Inizialmente per le sue performance artistiche si faceva chiamare con il suo vero nome, Michael Quattlebaum Jr, e il rap è stata una svolta quasi accidentale. Ma ora non più. All'Afropunk Festival di Brooklyn quest'estate è apparsa in gran forma e ha confermato le sue ottime doti: una presenza scenica forte e tonica, accompagnata da testi taglienti che arrivano al pubblico in profondità. Dopo un tour estenuante durato otto mesi, ora è una delle figure chiave della scena hip-hop. Una sorta di macchina eccellente e slanciata, con una favolosa collezione di parrucche. "Onestamente, chi non vorrebbe migliorare crescendo?" ci ha detto riguardo al perfezionare le sue doti da rapper.

Il suo aspetto agit-prop inizialmente può aver dato l'impressione che tutto per lei girasse attorno al punk e alla politica, ma Mykki ci tiene a precisare che il suo travestimento è un modo per essere bella e divertirsi. "Non voglio essere un modello per nessuno, non ancora. Non accostatemi alla sfera politica, perché onestamente non ho abbastanza esperienza. Lasciatemi essere giovane e lasciatemi divertire, ne riparleremo quando avrò alle spalle 20 anni di carriera". 

Lo scorso autunno ha pubblicato il mixtape Miss Snow White, che ha mostrato "il suo lato poetico e artistico ma da club, quindi festoso e divertente" in contrapposizione all'atmosfera "dark e seducente" dell'ultimo EP. Ora è in uscita il suo primo album. "Si chiamerà Michael. Voglio raggiungere il meglio. Ci saranno alcuni nomi leggendari e sarà una dichiarazione culturale per il 2014. Ve lo garantisco."

Quando hai comprato una parrucca per la prima volta?
Nel 2006, quando mi travestivo disordinatamente da punk. Come 'Mykki Blanco' ho indossato la prima parrucca nel 2011. Ho iniziato con quelle sintetiche, la prima era una spessa parrucca marrone con la frangetta. Ho sempre avuto più o meno il mio colore naturale di capelli, ma volevo una frangetta perché ho la fronte grande. Poi ho smesso per un po' di indossarle e ho iniziato a fare le extension. All'inizio mettevo delle extension terribili ad Harlem, poi un amico stylist mi ha mandato da questa donna fantastica, Clynn Hercules, che ha un salone a Flatbush, a Brooklyn.

Che differenza c'è tra indossare una parrucca e avere le extension?
Le extension dovrebbero essere cucite ai tuoi capelli naturali. Quelle fatte bene. Le extension scadenti sono attaccate con la colla. Dovrebbe essere vietato dalla legge perché danneggiano i follicoli dei capelli. Le extension sono su delle strisce, così le puoi cucire una ad una. Con una parrucca invece si mette direttamente un unico grande pezzo e lo si cuce ai tuoi capelli. Nel giro di poco hai una testa piena di capelli! La puoi togliere facilmente, senza rovinare nulla. Tutte le celebrity oggi indossano parrucche. La 'lace front wigs' è molto diffusa, perché puoi tenere i tuoi capelli indietro e cucire solo la parte anteriore."

Quando avevi un aspetto più punk portavi parrucche più brutte e tagliuzzate. Ora che look avrai?
Ogni volta che ho un look femminile quello che voglio più di tutto è essere bellissima. Ora sono in un momento diverso della mia vita, ho superato quel look.

Parlaci delle tue parrucche.
Ho la parrucca 'Biba', con dei voluminosi ricci Anni 60 e 70 e capelli naturali da ragazza hippie. È quella che uso più spesso, perché rispecchia di più la mia personalità. Se fossi nato donna, avrei voluto avere quei capelli. L'hair stylist Martin Harper mi ha venduto una parrucca prima del mio grande tour europeo. È veramente crespa, molto vicina a come sarebbero realmente i capelli afro-americani con la permanente. Questa qui è davvero valida, perchè ci si può fare di tutto. Resiste a qualsiasi temperatura, può essere lisciata, ondulata, arricciata. Sono capelli veri. È quasi quello che chiamano 'weft hair'. Quando ero a Parigi quest'anno ho comprato tre 'lace front wigs' di capelli veri in un negozio molto carino chiamato Top Chic, su Boulevard Saint Denis vicino ai parrucchieri per i neri e gli africani di Parigi. Una di queste è morbidissima e di un castano più chiaro. È la più lunga che ho ed è ottima per scatenare i capelli.

Ci sono delle parrucche che non useresti?
Non voglio capelli da Tumblr! Voglio solo colori naturali. Un fotografo ha voluto farmi una foto solo con la retina per capelli, senza parrucca. Mi ha talmente sconvolto che sono quasi scappata dal set. Voleva usarla per il suo portfolio, ma io ho pensato: "non è una foto in stile Nan Goldin, è uno solo uno scatto squallido."

Ti senti una persona diversa a seconda della parrucca che indossi?
Tiro fuori diversi aspetti di me. Come ti ho detto prima quando indosso 'Biba' è come essere una ragazza hippie. Quella castana più chiara è la mia versione bruna di Belle de Jour, da donna sexy. Una vera bomba. Con quella riccia, quando è cucita ai miei capelli, non sento il bisogno di truccarmi molto. Mi sento abbastanza versatile e un maschio androgino. Quando ho un look più sobrio, sento invece il bisogno di truccarmi e travestirmi ogni giorno perché così ho un look completo.

Attiri tipi diversi di uomini a seconda della parrucca che indossi?
Sicuramente. Quando sei completamente truccata e travestita, attiri un certo tipo di ragazzi. Quando hai un aspetto androgino e sei un ragazzo, ma con capelli da ragazza, attiri un altro tipo di ragazzi. La cosa che preferisco è indossare una bella parrucca, non truccarmi e vestirmi da ragazzo. Ma tutto in rosa.

Quali sono le parrucche che ami di più?
Amo le parrucche di Naomi Campbell, quelle di Beyoncé e quelle di Rihanna.

È divertente il fatto che non si sappia così tanto che queste donne portino sempre delle parrucche.
Le donne nere lo sanno perfettamente! I media popolari non ne parlano, ma le donne di colore sanno benissimo che si tratta di parrucche. Portano più parrucche che extension, perché stanno più rigide sulla testa. Le donne che lavoravano nella moda negli anni '80 hanno danneggiato il loro cuoio capelluto per l'uso ripetuto di colla e extension, quindi le pop star e le celebrity più giovani oggi preferiscono usare le parrucche. E a dir la verità, l'industria delle parrucche è decisamente migliorata. Oggi si possono indossare parrucche che sembrano molto naturali.

Cosa ti piace delle parrucche di Rihanna? 
Sono impeccabili. Quelle di Rihanna sono un perfetto esempio di parrucche che sembrano extension. È stata di recente alle Barbados e ha usato una parrucca corta e riccia che sembrava veramente naturale. Tutti pensavano fossero i suoi capelli naturali. Un mio amico mi ha detto: "Quella è una parrucca." Nessuno gli credeva, ma alla fine ci siamo tutti resi conto che aveva ragione. Perché dieci giorni dopo aveva delle nuove extension sui suoi capelli naturali e la differenza era evidente. Amo il fatto che le parrucche di Rihanna siano fatte così bene. Anche quelle di Beyoncé lo sono sempre.

E quelle di Naomi? Adoro quelle di Naomi. La loro qualità continua a migliorare. È sempre stata in prima linea per quanto riguarda le innovazioni nell'industria dei capelli e per quanto riguarda ciò che le donne di colore possono fare con i propri capelli. Naomi e Tyra [Banks] vengono da un periodo in cui essere una super modella significava fare servizi fotografici tutti i giorni, quindi cambiare in continuazione pettinatura con parrucche ed extension cucite o incollate. Ed era anche un periodo in cui non si sapevano molto lavorare i capelli delle persone di colore. In questo Naomi e Tyra sono delle vere icone.

@MykkiBlanco

Crediti


Testo Stuart Brumfitt
Foto Bruno Staub
Capelli Tetsuya at De Facto Inc
Trucco Stevie Huynh da D+V Management
Assistente fotografo Andrew Beardsworth
Produzione Andrea Jackson da De Facto Inc

Tagged:
Mykki Blanco
hilton club
Interviste