la guida i-D alle subculture beauty di youtube

Dai cosplay al kawaii, passando per i makeup artist uomini che stanno smontando gli stereotipi di genere, abbiamo selezionato dieci trend beauty imperdibili.

di Hannah Ongley
|
29 maggio 2017, 4:33pm

Se non trovate una tribù beauty nella vita reale, potreste probabilmente trovarla su YouTube—e se così non fosse, potete sempre dar vita a un culto voi stessi. Nel decennio circa dal suo lancio, la piattaforma video è diventata un parco giochi che collega centinaia di migliaia di giovani ad altri giovani. Dal kawaii al K-pop, passando per le haul girls e i goth, immergetevi tra le subculture beauty più creative di internet. È un mondo meravigliosamente strano e variegato. 

Fan sfegatati di K-Pop
Quando Grace Neutral ci ha detto che sarebbe volata a Seoul per osservare in prima persona l'industria beauty del paese, "è impossibile sottostimare l'influenza del K-Pop sul popolo sudcoreano." Tra le strade del paese e nei suoi locali notturni l'ideale K-Pop mainstream si rispecchia sui volti rifatti degli adolescenti e fiorisce nella cultura delle SPA disseminate per le città. Su internet, superfan e fissati del makeup condividono e si immergono tra tutorial di trucco e video con fotomontaggi degli idoli K-Pop del momento dal successo spaventoso. Uno dei tutorial presenti su YouTube più popolari di sempre s'intitola "How To Look Like a K-Pop Star" e in 6 minuti la beauty guru Michelle Phan spiega come riprodurre il look della girlband Girls Generation—le cui canzoni fanno ovviamente da colonna sonora al video.

Drag Queen
Non è difficile capire perché la comunità drag è una delle più visibili di YouTube. Considerando la dipendenza che genera un clown contouring, glitter, ciglia finte e sopracciglia scolpite a regola d'arte—e il fatto che tutte queste cose sono difficilissime da fare senza che qualcuno ti spieghi come muoversi passo a passo—è chiaro che le drag queen più conosciute del web hanno un'influenza enorme. Alcuni dei video più popolari sulla piattaforma sono i RuVealings della serie Logo della Drag Race di RuPaul. E anche i favolosi tutorial di trucco di Trixie Mattel hanno raggiunto più di un milione di visualizzazioni.

Haul Girls
I cosiddetti video haul nascono sulla scia degli "unboxing"—in cui blogger e non mostrano il contenuto dei pacchi ricevuti dai brand ai loro spettatori— e prevedono l'esposizione e dettagliata descrizione di quanto acquistato nell'ultima estenuante sessione di shopping. Non confondeteli con i Tumblr degli adolescenti che si divertono a rubacchiare al centro commerciale e poi caricano una prova del loro atto di coraggio online. Gli haul di YouTube sono tutti sorrisoni, riprese in HD e interpretazione quantomeno discutibile delle linee guida fornite dalle associazioni a tutela dei consumatori. E se la maggior parte delle blogger beauty sfoggiano solitamente acquisti non particolarmente costosi, i video più stranamente affascinanti vedono come protagoniste ragazze che fanno shopping come lavoro e continuano a tirar fuori prodotti da una busta MAC o Sephora per più di 10 minuti.

Cosplay
Vi sorprende sapere che il tutorial beauty più visto di sempre insegni agli spettatori a trasformarsi in un personaggio dei cartoni animati? Al diavolo tecniche come il clown contouring e sopracciglia folte, nel 2017 tutti vogliono assomigliare alla protagonista di Frozen, Elsa. Il femminismo si è infiltrato nella comunità dei cosplay con personaggi autosufficienti, positivi e che non hanno bisogno di una figura maschile accanto e il mondo beauty di YouTube rispecchia questa tendenza. La scena del gaming potrebbe ancora avere la sua buona dose di questioni maschiliste irrisolte, ma dal 2015 finalmente il Comic-Con ha raggiunto la parità dei sessi—e su internet sono le donne a guidare l'assalto grazie a nuovi personaggi come la supereroe musulmana di 16 anni Kamala Khan.

Kawaii
Kawaii è un termine molto generico, che in giapponese significa letteralmente "carino" ma viene associato a una lunga serie di codici estetici del paese e può assumere le accezioni più diverse. Allo stesso modo, anche la comunità Kawaii di YouTube è estremamente sfaccettata, inclusiva e carina, andando oltre le ciglia finte e lo scotch per far sembrare la palpebra orientale più pronunciata. Due esempi sono l'idolo zombie Akari Aoki o le trasformazioni ammazza-stereotipi di Miles Jai.

Seapunk
A differenza della maggior parte delle subculture beauty che si sono fatte largo su internet dopo essere nate nella vita reale, la scena Seapunk è nata nella realtà virtuale—in particolare, dal DJ Lil Internet che nel 2011 ha coniato il termine in un tweet che recita "SEAPUNK LEATHER JACKET WITH BARNACLES WHERE THE STUDS USED TO BE"—giacca in pelle seapunk ricoperta di cirripedi al posto delle borchie. La parola è diventata un hashtag, poi un'etichetta discografica e una cultura visuale fatta di capelli verdi, gioielli incollati sul viso e animazioni di delfini in 16 bit. Come gran parte delle subculture nate online, non ci è voluto molto prima che il trend comparisse sulle passerelle d'alta moda e in video pop mainstream.

Goth
I Goth hanno una certa rilevanza sul web da moltissimi anni, ma YouTube ha dato una possibilità alle subculture di questa subcultura, come gli ultragoth o gli OG, la possibilità di prosperare sugli schermi dei nostri computer invece che nascondersi dietro gli stessi. Altra sub-subcultura degna di nota è il pastel goth—che è uno dei tag più cercati su Tumblr dal 2013—e parliamo di visualizzazioni a video che superano di misura gli standard estetici classici. Su una piattaforma non esattamente nota per invogliare al dialogo aperto e sereno, è d'ispirazione vedere questi ragazzi a loro agio nonostante il loro essere "altri" di fronte a milioni di spettatori.

Bambole Viventi
Come dice il nome stesso, si tratta di ragazze e ragazzi che vogliono trasformare le Barbie in realtà. La bambola vivente ucraina Valeria Lukyanova è forse la più conosciuta dal grande pubblico con 370k followers su Instagram e 120k su YouTube, dove i suoi magici tutorial in cui si trasforma in bambola hanno accumulato milioni di visualizzazioni. Ma i suoi numeri non sono paragonabili a quelli del video "how to look like a doll" del fenomeno di YouTube Venus Angelic, che è stato visto oltre 14 milioni di volte. Altri membri sono Anastasiya Shpagina, Alina Kovalevskaya, e la sorellina di Kiki Kannibal, Dakota Rose.

Makeup artist uomini
I vlog di beauty non sono un gioco riservato alle ragazze: ci sono infatti molti guru di sesso maschile che combattono contro le norme di genere con i loro video dai titoli come "Fresca Estate", "San Valentino" o "Serata romantica". Il più conosciuto è forse Jeffree Star, che ha iniziato la sua trasgressiva carriera su MySpace come cantante ma che colleziona ora milioni di visualizzazioni testando prodotti di makeup dai prezzi esorbitanti. Su un gradino meno estremo di questa scala troviamo il makeup artist britannico Wayne Goss, che spiega agli spettatori come applicare l'eyeliner alla perfezione provandolo su di sé. 

Body Modification
YouGli YouTuber come Morgan Joyce, NativeBeauty e BreeAnn Barbie stanno diffondendo online nuovi ideali di bellezza. Fondamentalmente, si tratta di normali tutorial di trucco, solo con molto più metallo. Con titoli come "Quanto costa il mio corpo? Piercing Edition," "Chi mi tatua," e "Tagli di capelli e mia mamma," i video sono un'immersione in uno stile di vita inusuale, in cui i protagonisti raccontano le loro avventure tra tatuaggi, piercing e body modification. Non stupisce quindi che il documentario di i-D presentato dalla principessa aliena Grace Neutral abbia totalizzato più di due milioni di visualizzazioni.

Crediti


Testo Hannah Ongley

Tagged:
sub.culture
YouTube
makeup
Grace Neutral
guida di i-d
trucco