vi piace il filtro da cane su snapchat? allora siete delle ragazze facili

Sorry ladies, fiori e cani sono ufficialmente troppo provocatori per internet.

di i-D Staff
|
26 aprile 2016, 9:35am

Image via Snapchat and Instagram

Essere una donna su internet oggi è difficile. Vieni insultata su Twitter, trollata nella sezione commenti di, ehm, qualsiasi social network, e devi fare i conti con numerose critiche circa il tuo aspetto fisico su Instagram. Purtroppo nemmeno Snaphchat è più un luogo sicuro: scegliere il filtro sbagliato potrebbe sollevare un gran polverone. 

Se già il volto di Bob Marley aveva sollevato numerose critiche nelle scorse settimane, di recente una buona fetta della comunità online si è accanita contro un filtro che apparentemente non aveva nulla di sbagliato. Stiamo parlando del filtro con la coroncina di fiori - nato per celebrare il Coachella - il quale è stato ribattezzato come "hoe filter". Per qualche ragione sembra che farsi uno scatto con un simile accessorio (donatoci dalla magica tecnologia di Snapchat) ti renda una ragazza poco credibile.

Il motivo è presto spiegato: la comunità di internet ha ribattezzato tutte quelle donne che adottano un particolare stile ai festival - corone di fiori, frange, e più o meno tutto ciò che Kendall Jenner ha indossato al Coachella - "basic bitches", etichettandole automaticamente come idiote. Ah, e secondo la logica di internet, sembrare idiote significa anche essere donne facili. Tutto chiaro fino a qui? 

Sembrerà strano ma questo non è il primo filtro di Snapchat a sollevare qualche polemica sessista che prende di mira le donne. Anche il filtro con le orecchie e il muso da cane ha generato qualche controversia, scatenando pensieri impuri in più di qualche utente di sesso maschile. Stando alle critiche, sembra proprio che non guarderemo più Lilli e il Vagabondo con gli stessi occhi. 

Ciò che i due filtri hanno in comune secondo questi utenti è di essere lusinghieri. In breve, se vi fate una foto dove sembrate carine internet darà per scontato che siate alle ricerca di una notte di sesso sfrenato. 

L'aprirsi di questo nuovo dibattito sembra essere un'altra occasione per riflettere sulla nostra percezione delle giovani donne online, spesso giudicate per motivi apparentemente futili. Un esempio: all'inizio dell'anno la star di YouTube Zoella era stata trollata per aver postato una foto di sé stessa a letto. Il fatto è che la 25enne indossava un pigiama e la caption includeva la scritta "buonanotte", eppure un accenno di mutanda Calvin Klein ha reso secondo molti l'immagine volgare, generano una discussione infinita sui social. 

Qualsiasi sia l'esito di questa polemica, forse è arrivato il momento di farci una domanda: se mandare agli amici una tua foto con le orecchie da cane è volgare, cosa allora su internet non lo è davvero?

Crediti


Testo Wendy Syfret
Immagine via Snapchat e Instagram

Tagged:
Internet
Social Media
snapchat
Slut Shaming
donne
filtri