dip dye e colori pastello: perché i capelli sono il mezzo di espressione preferito dai millennials

Negli ultimi quattro anni Tara Bogard ha fotografato i capelli delle giovani di oggi. Abbiamo parlato con la fotografa del perché l'aspetto esteriore sia un importante mezzo di espressione per la nostra generazione.

di i-D Staff
|
25 settembre 2015, 10:11am

Sono passati 40 anni da quando le coriste dei Blondie, Tish e Snooky, hanno fondato Manic Panic, invogliando orde di teenager a tingersi i capelli di blu elettrico, verde fluo e rosa pallido. La fotografa Tara Bogart ha immortalato le pettinature di alcune ragazze che hanno testato i colori del brand nella sua serie A Modern Hair Study, sostenendo che tinte e pettinature sono un mezzo di espressione nato molto prima della rivoluzione punk. 

Nel 2011, Bogart era con un gruppo di studenti alla Bibliothèque nationale de France, e lì scoprì per caso una fotografia del diciannovesimo secolo di Felix Nadar che ritraeva una giovane donna di spalle. La fotografia era intitolata "hair study". "Si può dedurre facilmente che si trattava di una giovane donna dell'epoca, e quella foto diceva molto di quell'era anche solo osservando la forcina tra i capelli della ragazza, la pettinatura, la parte dietro del suo collo," ha detto Bogart. "Continuavo a pensare a quella foto, quindi decisi di provare a vedere come sarebbe stata se fosse stata scattata al giorno d'oggi. La donna del ventunesimo secolo è molto complessa e dopo un paio di scatti ho capito che un solo ritratto non bastava per rendere l'idea. Così ho scattato più donne possibile."

Quattro anni dopo Bogart ha scattato pettinature nel Wisconsin come a Parigi, creando un archivio antropologico che mostra uno dei mezzi di espressione
più importanti del nostro tempo. In vista dell'opening della mostra A Modern Hair Study a New York presso la galleria Elizabeth Houston Projects, abbiamo incontrato la fotografa per scoprire qualcosa in più su come la generazione di oggi stia ridefinendo il concetto di bellezza. 

Come scegli i tuoi soggetti?
Sono fortunata perché lavoro all'università, quindi posso sceglie tra tipologie di persone molto diverse. Cerco di non essere troppo selettiva; voglio che la serie sia diversificata. Inizialmente parlo con qualcuno che sembra interessante e gli chiedo di portare degli amici che rientrano nella fascia di età 20-29 anni, ma poi si passano parola e iniziano ad arrivare molte più persone che vogliono essere scattate. Non rifiuto nessuno a meno che non abbiano un'età diversa. Non voglio dire che si tratta di uno studio scientifico, perché non sono una documentarista, ma credo sia comunque uno studio, ne sono certa.

Hai notato qualche trend che è emerso nel periodo in cui hai scattato?
Vedo molti trend, ma sono tornata a Parigi nel 2013 e ho scattato dei ritratti di donne francesi, quindi è interessante vedere la differenza tra donne francesi e americane. Se le unisci non capisci di che nazionalità sono. Ma se osservi i due gruppi separatamente vedi alcuni trend che emergono più di altri. Le donne americane tendono ad essere più adorne, hanno lobi dilatati, tatuaggi, mentre le donne francesi non hanno niente di tutto ciò. Hanno uno stile più classico. 

Anche tu hai dei tatuaggi. Pensi che questa generazione si esprima soprattutto attraverso l'aspetto esteriore? 
Quando avevo 20 anni e mi tatuavo era ancora illegale farsi tatuare nella mia città -- dovevi andare nei sobborghi. C'era una sorta di tabù: che persona saresti stata quando diventati una persona adulta? Avresti trovato un lavoro? Tutte quelle cose che ti dicono i genitori e gli adulti. Ora non solo è una cosa meno malvista, ma è anche più divertente. Questa generazione ha fatto sua la body art più di tutte le altre, e forse è così per tutte le possibilità che hanno questi. A volte sono gelosa dei crazy color che usa la gente -- sono cresciuta negli anni '80 e per noi i capelli erano neri, decolorati o rossi.  

Cos'è la bellezza nel 2015?
Ci sono molte più possibilità di quand'ero giovane io. Noi eravamo i pazzi che andavano in giro con i capelli decolorati vestiti di nero, ma ora è tutto più accessibile -- c'è un atteggiamento più positivo verso ciò che che è unico e particolare. La cosa interessante di questa serie è constatare che abbiamo tutti le stesse cose: spalle, schiena, e per chi ha 20 anni, dei capelli. Eppure non credo ci siano donne uguali nella serie. Ogni persona è unica grazie alla forma delle spalle o la forma della schiena -- i tatuaggi e i piercing sono tutti diversi. Mostra i segni distintivi dei giovani di oggi in questo preciso momento storico. 

tarabogart.virb.com

Crediti


Text Emily Manning
Photography Tara Bogart

Tagged:
Manic Panic
donne
capelli