5 frasi di miuccia prada da cui trarre ispirazione

Inclusa la domanda che rivolge a se stessa alle 5 di mattina.

di Alice Newell-Hanson
|
16 novembre 2015, 12:20pm

​Photography Hannah Thomson

Da stilista che ha trasformato il mondo della moda, donna d'affari di eccezionale talento ed ex attivista comunista, Miuccia Prada ha rilasciato, come spesso accade, un'interessante intervista. Su Document Journal potete leggere l'intrigante conversazione tra Prada e il critico e scrittore Alexander Fury, e noi abbiamo scelto per voi cinque citazioni da tenere bene a mente quando vi chiedete: "Cosa farebbe Miuccia al posto mio?"

"Il mondo tende alla banalità" 
Ma Miuccia no! Prada spiega che sì, le sue ultime sfilate comprendevano stampe con animali e colore rosa perché questo era ciò che il pubblico voleva. Le sfilate però rappresentavano un momento di riflessione sul perché siamo tutti ossessionati da tali immagini e cromie. La soluzione secondo lei è di "essere sempre più intelligenti, o più difficili, o più complicati, o più interessanti, o più innovativi". 

"Ho sempre amato gli abiti e ancora oggi li amo e penso che non ci sia niente di sbagliato" 
Miuccia è una femminista e il mondo della moda a Milano non era il luogo migliore per il femminismo negli anni '60, afferma. Ma il suo personale amore per gli abiti ha avuto la meglio sui suoi dubbi teoretici sul mondo della moda. Dice infatti: "Ho sempre voluto essere la prima ad avere tutto, per differenziarmi dagli altri". 

"Non approvo tutto ciò che normalmente la gente ritiene possa rendere una donna bella."
Il capo che odia più di tutti? L'abito lungo dal taglio semplice. "Per me una bellissima donna con un abito lungo ricoperto di pietre preziose è la cosa meno sensuale al mondo," ha detto. Ma non definite il suo essere alternativa "ugly chic." A Miuccia non piace la dicitura "ugly chic".

"Scelgo sempre di fare l'opposto!"
Per esempio, anziché venire definita la "stilista intellettuale" vorrebbe essere considerata "la regina della stupidità!" Miuccia è stanca di sentirsi dire che è una designer intellettuale. Secondo lei "quel cliché significa che sei noiosa, seria...lo odio!"

"Quando sono da sola a letto, alle cinque di mattina, penso: "Cos'è che ti importa davvero?"
Quando si trova sul momento di creare una collezione questa è la domande che Miuccia rivolge a se stessa. Nel realizzare una delle sue collezioni capì che la sua attenzione ricadeva sulle t-shirt, nello specifico sulle t-shirt bianche. Qualsiasi cosa tu stia realizzando, domandati: "Di cosa ti importa davvero?" È un ottimo interrogativo da rivolgere a se stessi. 

Crediti


Testo Alice Newell-Hanson
Foto Hannah Thomson

Tagged:
Designer
prada
intervista
milano
citazioni
Miuccia Prada
alexander fury
document journal