10 modi per salvare il mondo

Conosci i tuoi diritti. Fidati del tuo rivelatore di stronzate. Rispondi a tono. Ama di più. Ecco alcuni consigli pratici per rendere il mondo un posto migliore.

di Bertie Brandes
|
30 marzo 2015, 8:55am

Non era mia intenzione deludervi, ma non ho scritto un elenco di passi da seguire per salvare realmente il mondo, specialmente perché il mondo in sé se la passa bene… sono le bizzarre strutture umane in bilico sulla sua superficie ad essere in difficoltà. Sono in corso diverse cose a cui i più di noi dovrebbero iniziare a prestare maggior attenzione, come il fatto che i nostri governi è finanziato da evasori fiscali professionisti, o che i poveri non sono una gag di Armando Iannucci, o che la polizia di Scotland Yard abbia trovato il coraggio di proporre seriamente lo schema pay-to-protest (pagare di tasca propria la sicurezza durante le manifestazioni) oppure che Bruno Mars pensi sia giusto molestare verbalmente le donne nei suoi video ("don't believe me just watch"). Alle volte può essere difficile ritrovarsi all'interno di tutto questo. E ora che viviamo in modo così fortemente influenzato dai social media, è sempre più facile convincersi che condividere una citazione ricca di ispirazione oppure una fanzine delle riot girrrl sia in grado di soddisfare la quota giornaliera di impegno politico. Cosa ne pensate se smettessimo di prenderci in giro e credere che essere d'accordo con una manciata di articoli del Guardian basti per renderci cittadini attivi, e iniziassimo a impegnarci seriamente nelle questioni di cui siamo preoccupati?

Ecco per voi alcune idee per aiutarvi a salvare il mondo, da cose piccole come leggere un libro, fino all'organizzare dei sit-in e a far sentire la vostra voce.

Oh, ci sono anche altri consigli, ad esempio non scansionare ogni singolo ristorante in cui stai per entrare alla ricerca del tuo ex, ma spiegheremo anche questo.

1. Esistere
Ok, grazie mille criticoni, sono consapevole che sto per iniziare con la noiosa e ripetitiva ramanzina. Il problema con il tentare di entrare nella struttura mentale di un attivista è che l'immagine che potreste avere di uno di questi è un misto tra the Hunger Games 3 e Gli Incredibili - in sostanza, basterebbe una tutina in lycra per renderli personaggi di fantasia. La verità è che si può essere attivisti in modi diversi, non ci vuole uno stile preciso per iniziare una petizione su Change.org. Non fate mai l'errore di pensare di essere impotenti, non lo siete.

2. Fidatevi del vostro rivelatore di stronzate
Se ci sono problemi per i quali è facile schierarsi, ce ne sono alcuni molto meno ovvi, che scivolano inosservati nel mainstream… imparate a fidarvi del vostro rivelatore di stronzate quando vi dice che Robin Thicke si comporta come un molestatore, che Bruno Mars tratta le donne come oggetti, e, per finire, che Chris Brown non dovrebbe essere invitato a ingraziarsi Ryan Seacrest sul tappeto rosso dei Grammy. Il sessismo esiste in molte forme e aspetti e sta a noi decidere che cosa sia accettabile e cosa no. Confidare nell'istinto aiuterà a entrare in contatto con altre persone che la pensano allo stesso modo, contribuendo a creare una comunità di persone determinate ad abbattere i pregiudizi.

3. Mettete tutto in discussione
D'altro canto, state attenti a non saltare a conclusioni affrettate. Una delle cose più importanti che offre internet è la capacità di scoprire ed esplorare il modo in cui persone diverse affrontano diverse problematiche. È importante andare alla ricerca di punti di vista e opinioni che non concordano con le proprie e considerare come i possibili punti d'incontro possano coesistere nell'idea di disuguaglianza istituzionalizzata: maggiori informazioni si scoprono, maggiore è il potere incanalato nella propria idea di libertà. Segnatevi tutto e ricordate a voi stessi che non è di certo rivoluzionario leggere esclusivamente articoli che riaffermano la vostra attuale visione del mondo! Oh, e scaricatevi f.lux: nessuno vuole affaticarsi gli occhi mentre fissa il computer fino alle tre del mattino per leggere tutti i 200 commenti a un post contro le piattaforme petrolifere. Ahia!

4. Lasciatevi ispirare
Non sapete dove trovare esempi concreti di giovani che lottano per quello in cui credono? Prendete esempio da Sasha Salmon. Nel 2010 quando il governo ha annunciato di voler triplicare le tasse universitarie, questa giovane studentessa della LSE ha riunito alcuni compagni per organizzare un sit-in di protesta, ampiamente pubblicizzato, che è durato più di una settimana. "Non avevo mai avuto nulla a che fare con i gruppi studenteschi o le manifestazioni politiche prima d'ora", ha dichiarato Sasha, "ma mi sono ritrovata in quella situazione perché avevo dei problemi finanziari e l'aumento delle tasse avrebbe reso l'università ancora più inaccessibile." Per Sasha è stato naturale indossare le vesti dell'attivista, e oggi è uno dei pochi membri di colore non appartenenti a Oxbridge (Oxford e Cambridge) che lavora come impiegata statale. "Se ti senti appassionato in qualcosa, dovresti dedicartici con ogni mezzo - al lavoro, a casa o nella sfera pubblica. È di vitale importanza che i giovani facciano sentire la loro voce su questioni della comunità, non importa se attraverso Twitter, Facebook, Youtube, blog, articoli o cortometraggi. Trovate il modo di discutere questi temi con i sindacati o gruppi universitari: un gruppo è più forte di un individuo!"

5. Non leggete le etichette
Salvare il mondo è un lavoro impegnativo e in cima alla lista c'è la stabilità etica e ambientale. In quanto consumatori, è nostro dovere capire il mercato che stiamo sconsideratamente sostenendo e promuovendo. Usate la vostra iniziativa per andare oltre quello che è stabilito e per capire come le cose vengono recuperate, prodotte e vendute, e decidete se davvero volete essere complici in questo sistema. Fate delle ricerche, scoprite se il fornitore del vostro latte viene pagato quanto deve, qual è il salario nel posto dove vengono prodotte le vostre magliette - e se effettivamente vengono pagati-,: aprite gli occhi alla realtà industriale che sta incessante tentando di tenervi all'oscuro con le sue etichette accattivanti, poi fate la vostra scelta.

6. Rispondete a tono
Ci sono innumerevoli modi per combattere il sessismo, il razzismo istituzionalizzato e l'elitarismo. Movimenti come "Everyday Sexism" e "Hollaback" hanno utilizzato i social media per creare spazi sicuri in cui le donne possano condividere le loro storie di molestie, movimentando un network globale di persone stufe marce di essere trattate come cittadini di seconda classe. Imparate bene i vostri diritti e connettetevi con altri come voi attraverso gli hashtag e, se non esiste ancora una piattaforma a supporto delle vostre idee, beh, createla voi!

7. Utilizzate le risorse a vostra disposizione
Quando Daisy-May Hudson decise di fare un film riguardo la sua esperienza durante la crisi degli alloggi a Londra, prima di tutto l'ha condivisa online su una piattaforma di crowdsourcing, nella speranza di ottenere dei fondi. Entro il primo mese aveva già raggiunto il suo obiettivo di 10.000 sterline e attualmente sta girando "Hal Way", un documentario basato sul fatto che la sua famiglia non ha una casa, con l'obiettivo di "mettere un volto umano  alle statistiche sulla crisi degli alloggi nel Regno Unito e innescare un cambiamento sociale positivo."

Daisy spiega che mettere online il suo progetto le ha fatto capire che l'aiuto pratico era assolutamente necessario quanto il sostegno economico. "Sono entrate in contatto con me così tante persone, offrendo il loro aiuto, anche oggetti ai quali non avevano minimamente pensato, spesso in modo gratuito," dice. Il suo consiglio ai giovani attivisti è quello di trovare la forza nella gentilezza e nel supportare gli altri con un costante dialogo per quanto possibile. "Quando ti senti arrabbiato o frustato riguardo a qualcosa, sai che puoi sempre realizzare un lavoro che le persone ascolteranno. Io penso che tutti siano scontenti della situazione mondiale, e potresti sorprenderti di quante persone ti sarebbero grate se tu ne parlassi." 

8. Leggi qualcosa che non sia Twitter
Ho appena terminato  What is the What di Dave Eggers e penso che dovreste leggerlo. Ehi, lo so, consigliare libri in articoli è abbastanza noioso, ma il contesto culturale e la coscienza personale non sempre si trovano sulle prime pagine dei giornali, così in questo caso penso possa funzionare. What is the What è un romanzo basato sulla vita vera di un 'Lost Boy' sudanese di nome Achak Deng, che ha viaggiato attraverso un deserto infestato da leoni da un campo profughi all'altro, e in qualche modo finendo a fare il receptionist in una palestra di Atlanta. Non è una storia felice. Il fatto è che, è molto facile - specialmente se sei un tipo di persona che protesta per la farcitura dei sandwich o perché non ha la rete 4G - sentirsi così ignorante, nascosto nella propria vita familiare, che non sarai mai capace di fare la differenza per chi è davvero vulnerabile e perso. Bene, Dave Eggers ti dimostrerà che ti sbagli. La lettura della storia di Achak nel suo memoir scritto circa dieci anni fa ti aiuterà ad ascoltare la voce che ti parla nella testa e a dar forma alla tua storia usando ciò che hai imparato. Leggi di più. 

9. Pensa fuori dagli schemi 
Se i cartelloni e le manifestazioni non fanno per te, ci sono infiniti modi di impegnarsi politicamente e socialmente - alcuni che non riguardano lo stare in piedi per dieci ore di seguito o lo spogliarsi nudi davanti al parlamento (io ho dovuto pisciare sulla statua). Il fondatore del Secret Cinema Fabien Riggall mette in scena film che mostrano eventi politici, il più recente è stato The Great Dictator. Vede il cinema come un'opportunità per "influenzare e ispirare le persone", permettendo loro di connettersi riguardo a questioni controverse e di trovare le soluzioni attraverso l'arte e l'esperienza. "Questo sistema basato su un ingranaggio rotto non può supportare l'apertura della cultura," dice. "Sii la cultura, crea canali, usa la tecnologia e prendi in mano i problemi." 

10. Metti meno Like e Ama di più
Fatti un favore, segui i consigli di Nick Cave e innamorati. Più ti fiderai e aiuterai le persone intorno a te, e più queste verranno da te e si siederanno su una fredda lastra di cemento alle sei del mattino aspettando di urlare a un gruppo di agenti immobiliari. Oh, e ama te stesso, perché, in realtà, onestamente parlando, cosa parliamo a fare se non ami te stesso? Prova a non perderti nelle cose da poco. Smettila di scrollare Instagram prima di alzarti dal letto la mattina, basta guardare in cerca del volto del tuo ex ogni volta che stai per entrare in un ristorante, e finiscila di paragonarti a persone che hanno un lavoro veramente facile. Diffondi amore, lascialo entrare, e poi alzati dal letto, schiarisciti la voce e preparati al cambiamento. Fallo a voce alta. 

@bertiebrandes

Crediti


Testo Bertie Brandes

Tagged:
attivismo
generazione z
10 modi per salvare il mondo