balenciaga è stata accusata di plagio... da un'azienda di souvenir

Prima reazione: LOL

|
lug 31 2018, 9:54am

Demna Gvasalia ama reinterpretare e reimmaginare ciò che più ci è familiare. Prima c'è stata la t-shirt DHL, poi la borsa Ikea. Adesso è il turno della "Shopper Multicolore New York Bazar" e dell'annessa causa di plagio da parte dell'azienda di souvenir newyorkese City Merchandise.

Se negli ultimi anni siete stati a New York, avrete sicuramente visto queste borsette turistiche pseudo-chic in ogni negozio di souvenir nei pressi di Time Square. Ma a quanto pare quelli di City Merchandise non l'hanno presa bene quando hanno notato una shopper molto, molto simile alle loro tra gli accessori della collezione Balenciaga Resort 2018, venduta al modico prezzo di 1.490 euro. Così venerdì scorso l'azienda ha deciso di procedere per vie legali contro Balenciaga America, accusando il brand violazione delle norme sul copyright.

Secondo City Merchandise, il design Balenciaga è "praticamente impossibile da distinguere" dal loro, e ha quindi accusato il brand guidato da Demna Gvasalia di essersi appropriato "totalmente del concept e del feel" dietro l'oggetto in questione. All'interno del fascicolo sono inoltre elencati precedenti episodi in cui Gvasalia, sia per Balenciaga, sia per Vetements, ha disegnato capi e, soprattutto, accessori estremamente simili ad altri già in commercio. Celebre è il caso della borsa Ikea, praticamente identica all'originale, tanto da aver spinto il colosso svedese a lanciare una campagna pubblicitaria in cui veniva spiegato come distinguere le due shopper.

Brand di moda che rubano idee, concept e anche design non sono comunque niente di nuovo nel panorama dell'industria (se esistono account come Diet Prada, un motivo ci sarà). La recontestualizzazione della cultura popolare nell'alta moda è una delle estetiche dominanti degli ultimi anni. Gli oggetti di vita quotidiana diventati improvvisamente emblemi del lusso sono cosa frequente, e ci spingono a riconsiderare lo status di entrambi.

Ma questo episodio potrebbe essere un segnale di cambiamento: al di là del risultato finale, l'accaduto solleva domande di un certo peso sulla feticizzazione del kitch, del trash e di tutto ciò che di prosaico esiste. City Merchandise è un'azienda enorme che produce souvenir per oltre 100 diverse città sparse per tutti gli Stati Uniti e i cui oggettini sono acquistati da milioni di turisti ogni anno. È l'elevazione delle ordinary people al rango di role model a cui ispirarsi.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Leggi anche:

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK.