hedi slimane rompe il silenzio su YSL

Il designer ha riattivato il suo profilo Twitter per dirci quello che pensa sulla Y del logo di Saint Laurent.

|
ott 7 2016, 12:55pm

Non è la prima volta che Hedi Slimane accende qualche dibattito su Twitter. Quattro anni fa aveva twittato una lettera aperta rivolta alla critica di moda Cathy Horyn, la quale aveva recensito negativamente la sua collezione di debutto da Saint Laurent.

Da allora si era guardato bene dall'esprimere il suo pensiero in 140 caratteri o meno. Questo fino a ieri notte, quando ha postato più di 20 tweet "su una richiarazione inadeguata riguardo l'utilizzo dello storico logo YSL da parte di Hedi" in cap locks e in terza persona.

Nonostante resti ancora sconosciuto il motivo per cui Hedi ha deciso di raccontare nel dettaglio dell'iconico logo YSL, cambiato da lui stesso in Saint Laurent, riporta a galla la controversia che era nata quando aveva scelto di eliminare Yves dal nome del brand quando, nel 2012, era diventato direttore creativo.

Anthony Vaccarello, che ha preso le redini della direzione creativa del brand Saint Laurent dopo Slimane, ha debuttato sulle passerelle di Parigi per la prima volta la settimana scorsa riproponendo la Y di YSL su degli orecchini e sul tacco di un paio di scarpe. Forse è proprio questa che ha indosso Hedi a riparlare di quella storia ancora non del tutto chiarita.

In una serie di tweet, tutti con "For The Record" come inizio, Hedi fatto una lista di tutti i modi in cui ha utilizzato il logo e di tutti i modi in cui lui stesso l'ha "celebrato". Dai confetti con la forma YSL che ha fatto piovere dal cielo dopo la sfilata autunno/inverno 16, ai gioielli, le borse e gli altri accessori, o anche l'antico logo che ha utilizzato nel negozio ristrutturato della casa di moda di Rue de L'Universite a Parigi.

Ha concluso dicendo che "il logo faceva parte della riforma di Hedi attuata all'interno della casa di moda". Non si parla della sua battaglia con Kering o di una clausola incompleta nel suo contratto, e nemmeno di cosa farà prossimamente.

Crediti


Testo Felix Petty
Immagine via Twitter