e ora anche arbre magique accusa balenciaga di plagio

Dobbiamo davvero spiegare qual è l'oggetto copiato?

|
23 ottobre 2018, 8:54am

Come tutto ciò che ha a che fare con il plagio nella moda nel 2018, a dare la notizia più LOL degli ultimi mesi è stato l'account Instagram @Diet_Prada, che con Demna Gvasalia ha già più di un conticino in sospeso. Eravamo proprio a inizio 2018, ad esempio, quando il profilo più temuto dall'industria della moda ha puntato il dito contro il designer georgiano, reo di aver portato sulla passerella autunno/inverno 18 di Vetements una copia sputata delle storiche Tabi Shoes di Maison Margiela. Allora, ci furono botta e risposta, critiche, scuse, gatti che tentavano di arrampicarsi sugli specchi e tafferugli non meglio identificabili.

Dal sopracciglio alzato del gennaio scorso, passiamo al mega LOL suscitato a luglio dalla notizia che un'azienda di souvenir americana aveva denunciato Balenciaga, l'altro brand di cui Demna Gvasalia è Direttore Creativo, perché la shopper proposta dalla maison era molto (troppo?) simile a quella messa in vendita dalla City Merchandise in ogni negozio per turisti di NYC.

Nelle scorse ore, infine, sempre @Diet_Prada ha dato voce allo stupore del pubblico riguardo l'ultimo accessorio Balenciaga creato copiando il design di un oggetto quotidiano. In questo caso, il celebre alberello profumato Arbre Magique. Come riporta TMZ, infatti, la società Car-Freshner Corporation, che possiede i diritti d'autore dei sopracitati profumatori per auto a forma di alberello, ha accusato Balenciaga non solo di aver palesemente copiato le linee dell'oggetto in questione, ma di averlo fatto così pedissequamente da poter trarre in inganno numerosi consumatori, che sarebbero quindi incapaci di notare la differenza tra i due.

Tra il profumatore e il portachiavi Balenciaga, però, c'è una discrepanza enorme: il prezzo. Il primo viene venduto per, boh, tre o quattro euro?, mentre il secondo è in vendita a 195 euro.

Non commentiamo la notizia, perché per farlo in modo oggettivo servirebbero molte più parole di quelle che una news permette. Ma vi rimandiamo qui, al long-form su Gvasalia e il suo Balenciaga in cui spieghiamo nel dettaglio come l'appropriazione e successiva replica di simboli appartenenti alla cultura popolare siano alla base del successo di questo brand.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Altro controverso capo Balenciaga: